di Redazione

Si è da poco concluso il corteo a Roma partito da Centocelle. La manifestazione organizzata dai comitati antirazzisti ha visto la partecipazione di oltre 1500 persone, che sono partite da piazza dei Mirti e si sono poi dirette sul luogo dell’assassinio.

Alcuni giorni fa un camper era stato dato alle fiamme nel parcheggio di un centro commerciale a Roma Est. Nel rogo hanno perso la vita una ragazza di 20 anni, una bambina di 8 e una di 4.
Sono ancora ignoti (ufficialmente) gli assassini, ma la dinamica è propriamente reazionaria, sia essa politica o meno. Il clima di odio razziale costruito dai giornali ufficiali nei confronti della comunità rom, i livelli di disagio e degrado, la mancanza di lavoro, riproducono dinamiche barbare che sono nemiche di ogni prospettiva di emancipazione sociale.
Ad ogni modo, un brodo di coltura favorito dai partiti razzisti come M5S, Lega Nord e fascismi vari.

Oggi un partecipatissimo corteo ha denunciato il clima di oppressione che vive la comunità rom, discriminata da secoli e oggetto di continui attacchi paramilitari ad opera di squilibrati e vigliacchi, che sfogano le proprie frustrazioni contro gli emarginati, perchè più deboli e senza difese.

La voce delle lotte si schiera al fianco di chi è oppresso, quindi della comunità rom, vittima di disumane discriminazioni e violenze.

Pubblicato da La Voce delle Lotte su Sabato 13 maggio 2017