Macinando chilometri, affrontando difficoltà di ogni genere, ci si riconosce nei propri simili, si percepisce la tensione d’animo che muove un senso di rabbia nei confronti delle ingiustizie. È per questo che quando si è compagni si diventa un tutt’uno: emozioni, gioie, speranze e tristezze diventano esperienze collettive.

Dopo tante battaglie fatte insieme, oggi piangiamo il compagno Fabio Manta.
Un male incurabile lo aveva colpito. Nonostante le preoccupazioni per la malattia, non aveva perso lo spirito ironico che lo contraddistingueva.

Da giovane, Fabio milita nella FGCI. Ne fuoriesce, così come migliaia di giovani compagni in quegli anni, in rottura con la linea di Berlinguer di compromesso con la Democrazia Cristiana. Protagonista diretto delle fasi più cruente dello scontro, passa nei comitati dell’Autonomia Operaia della città di Napoli.

Iniziando a lavorare nel Trasporto Pubblico locale, Fabio continua la sua battaglia politica fondando la RdB e poi la USB, lottando in difesa dei servizi pubblici e del salario dei lavoratori nella prospettiva di sovvertire lo stato di cose presenti.

Per Fabio la politica era un modo d’intendere la vita, oltre che un impegno militante. Da più di un anno, avvicinatosi alla nostra organizzazione, ha portato con la sua caratteristica ironia e con tutto il suo bagaglio storico, un grande contributo sia di esperienza politica sia sindacale scrivendo anche per il nostro giornale. Ci ha permesso di conoscere i compagni della USB di ANM e CTP e di condividere con loro le battaglie contro la privatizzazione del TPL.

Ma non era solo questo. Coltivava la passione per la fotografia, con l’obbiettivo di realizzare un’agenzia di stampa e fotoreporter non asservita ai giornali mainstream. Ha presentato anche diverse mostre fotografiche permanenti in tutta Italia, tutt’oggi visitabili.

Un compagno e un uomo coraggioso e generoso con un carattere verace.

Ha affrontato tutte le battaglie con la passione di chi ha fede nell’avvenire dell’umanità e in una società più giusta: la causa a cui ha dedicato la sua intera vita.

La sua scomparsa rappresenta per noi un’enorme perdita umana e politica.
Continueremo la nostra battaglia per il socialismo nell’esempio della sua coerenza e della sua tenacia.

Hasta la victoria siempre, Fabio!

 

 

Frazione Internazionalista Rivoluzionaria