Per approfondire lo sviluppo accelerato della crisi politica del Medio Oriente, pubblichiamo in questi giorni una serie di articoli sul tema.

Dieci aerei senza pilota hanno effettuato attacchi aerei contro il cuore dell’industria petrolifera della monarchia saudita, causando tensioni in Medio Oriente e l’aumento dei prezzi del petrolio.


Le tensioni in Medio Oriente aggiungono un nuovo capitolo che minaccia di essere più convulso rispetto al precedente episodio della cattura di petroliere straniere nel Golfo Persico a giugno. Sabato scorso, circa 10 droni hanno effettuato attacchi aerei nel cuore dell’industria petrolifera dell’Arabia Saudita: l’area di Abqaiq, il più grande centro di lavorazione del petrolio saudita, e anche il giacimento petrolifero di Khurais.

Il risultato immediato è stato il dimezzamento della produzione petrolifera da parte della monarchia araba, alleata strategica degli Stati Uniti, perdendo ogni giorno 5,7 milioni di barili di petrolio (5% della produzione mondiale), che ha aumentato il prezzo del petrolio di oltre il 10%, e ha colpito l’immagine dell’Arabia Saudita come affidabile fornitore di petrolio in ultima istanza.

L’origine dell’attacco non è chiara, anche se le milizie ribelli sciiti degli Huthi, che controllano il nord dello Yemen, al confine con l’Arabia Saudita, ne hanno rivendicato la perpetrazione. Gli Huthi hanno legami con l’Iran e dall’inizio della guerra civile dello Yemen nel 2015 fronteggiano i bombardamenti sul loro territorio lanciati dalla coalizione araba guidata dall’Arabia Saudita. Lo Yemen è uno dei territori, come la Siria, l’Iraq e altri paesi, dove Iran e Arabia Saudita competono per il dominio in Medio Oriente.

Immagini satellitari americane che mostrano danni al complesso di Abqaiqaiq in Arabia Saudita.

Tuttavia, il principe saudita Mohammed Bin Salman non ha attribuito immediatamente la paternità a nessuno, né Trump, che ha sostenuto di avere “motivi per sapere chi fosse il responsabile”, ma non ha menzionato direttamente l’Iran. Domenica, Trump ha twittato: “Siamo pronti ad agire, in attesa di verifica e in attesa che il Regno dell’Arabia Saudita confermi chi ritiene responsabile di questo attacco e a quali condizioni dovremmo procedere”. Il suo segretario di Stato, Mike Pompeo, ha accusato l’Iran dell’incidente. Il governo iraniano ha respinto ogni responsabilità per l’attacco e, a sua volta, ha accusato gli Stati Uniti che “dopo aver fallito nella strategia della ‘massima pressione’, ora aderisce alla strategia della massima menzogna.

Germania, Regno Unito, Russia e Cina si sono offerti di intermediare per pacificare la situazione e hanno chiesto di evitare rappresaglie frettolose, cercando di abbassare i toni di un conflitto che potrebbe accendere la miccia di questa polveriera regionale e globale.

La cautela di Trump nel non nominare l’Iran è legata agli ultimi movimenti di riavvicinamento che ha promosso con il potere persiano. Inoltre, l’incidente arriva pochi giorni dopo che Trump ha licenziato l’ex consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton, noto per la sua politica aggressiva contro l’Iran e il costante attrito con il presidente in difesa di una strategia di “cambio di regime”, che implicherebbe il rovesciamento del regime di Teheran guidato dall’Ayatollah Ali Khamenei. Uno dei punti di discussione che si è concluso con la partenza di Bolton è stata la volontà di Trump di incontrare personalmente Hassan Rouhani, il presidente iraniano, per negoziare la questione delle sanzioni economiche contro lo Stato persiano dopo l’uscita degli Stati Uniti dall’accordo nucleare del 2015.

Le dimissioni di Bolton, frutto di disaccordi con Trump su numerose questioni di politica estera che coinvolgono la Corea del Nord, l’Afghanistan e il Venezuela, hanno rappresentato un indebolimento dell’ala più aggressiva dei “falchi” del governo statunitense. Tuttavia, dopo gli attacchi all’Arabia Saudita, Trump si è affrettato a “negare” come falsa l’intenzione di incontrare Rouhani all’Assemblea delle Nazioni Unite a New York.

Dal punto di vista dell’Arabia Saudita, l’attacco è avvenuto nel bel mezzo del tentativo del governo Salman di privatizzare Aramco, il maggior produttore mondiale di petrolio, di fronte alla crisi economica della monarchia saudita. La vendita del gigante statale è ora parzialmente compromessa, con il rischio che siano compiuti nuovi attacchi. Negli ultimi mesi, l’Arabia Saudita aveva concordato con i paesi asiatici con una forte capacità di produzione petrolifera, come la Russia, di ridurre la produzione per aumentare i prezzi del petrolio.

 

I molteplici aspetti della crisi
Ci sono alcune determinazioni che hanno portato all’attuale conflitto e che portano le tensioni tra Stati Uniti, Iran e Arabia Saudita a livelli che alcuni analisti considerano simili a quelli della prima guerra del Golfo del 1990-1991.

Il primo fattore è la situazione indebolita dell’Iran stesso, a seguito dell’uscita di Trump dall’accordo nucleare firmato da Obama nel 2015. Dopo la rottura unilaterale dell’accordo (che comprende paesi come Germania, Francia e Inghilterra), gli Stati Uniti hanno aumentato le sanzioni economiche per soffocare il regime iraniano. Questa politica, che indebolisce l’economia iraniana a livelli considerevoli, è stata concorde con la linea più aggressiva di Bolton ed è stata immediatamente contrastata dalla cattura di petroliere al largo delle coste del Golfo Persico da parte dell’Iran. L’apice fu la demolizione di un drone americano che invase lo spazio aereo iraniano, e che quasi provocò l’esecuzione di un bombardamento delle sue installazioni militari da parte del Pentagono (che Trump, a sua detta, diede l’ordine di cancellare solo cinque minuti prima che fosse effettuato).

Poiché l’amministrazione Trump ha elevato la sua politica di “massima pressione” alla strategia, non è stata esclusa l’ipotesi che l’Iran, oltre ad agire in diretta rappresaglia nel Golfo Persico, avrebbe utilizzato alleati regionali per contrastare le ambizioni dei principali “amici” arabi degli Stati Uniti in Medio Oriente, e avrebbe interrotto il flusso continuo di petrolio nella regione.

Da questo punto di vista, il messaggio dell’Iran – che, indipendentemente dalla paternità, è uno dei beneficiari indiretti dell’attacco – è chiaro: gli alleati statunitensi, in particolare l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, pagheranno parte dei costi della crescente ostilità di Washington contro il regime iraniano.

Il secondo fattore ha a che fare con la guerra civile nello Yemen, che fa parte della sfida tra Iran e Arabia Saudita per l’egemonia sul Medio Oriente. Entrambe le potenze si sono nuovamente confrontate nella guerra civile in Yemen dopo il ruolo che hanno svolto direttamente o indirettamente durante l’ondata di ribellioni e processi rivoluzionari della primavera araba (in Egitto, Tunisia, Libia, Siria, ecc.) che, dopo un primo momento di lotte popolari, si è conclusa con sconfitte e processi controrivoluzionari, che hanno installato nuove dittature o conservato le vecchie strutture dispotiche.

La repubblica dello Yemen è un recente Stato unificato, dopo i processi negoziali culminati nel 1990, frutto della caduta dell’Unione Sovietica, che controllava la regione meridionale del territorio yemenita. Il nord del territorio, costituito nel 1945 come Yemen del Nord, è stato da allora controllato dall’Arabia Saudita. A seguito dei conflitti della primavera araba, il paese è in guerra civile e dal 2015 la capitale Sana’a e l’intera regione settentrionale sono nelle mani della milizia Huthi, una frazione del ramo sciita dell’Islam politico, alleato dell’Iran e avversario dell’Arabia Saudita. Mentre l’Arabia Saudita guida una coalizione, con il sostegno imperialista (a cominciare dagli Stati Uniti), per far cadere il governo Huthi, e riprendere il controllo del territorio tramite bombardamenti, lasciando una scia di devastazione nel paese, con oltre l’80% della popolazione che per sopravvivere dipende dagli aiuti internazionali.

Nonostante i bombardamenti, gli Huthi mantengono il controllo sulla capitale. Anche se c’è una speculazione sulla base da dove sono partiti i droni che hanno perpetrato il recente attacco (alcuni sottolineano che verrebbe da qualche parte dell’Iraq e non dallo Yemen), la verità è che, a causa delle relazioni con l’Iran, gli Huthi hanno aumentato le loro capacità belliche.

La distruzione di parte del complesso petrolifero di Abqaiq è il simbolo di ciò che spaventa i mercati finanziari e gli speculatori di materie prime: i nemici dell’Arabia Saudita si sono dimostrati capaci di incidere sulle sue infrastrutture economiche più strategiche e ben difese, sulla sua industria e sui campi petroliferi.

L’Iran ha pubblicamente rafforzato le sue relazioni con gli Huthi. Non è secondario che il leader iraniano, Ali Khamenei, abbia accettato di ricevere un ambasciatore Huthi e sia apparso nelle foto accanto a lui. Lo scenario da incubo per la monarchia saudita è quello di essere circondata da nemici con crescente capacità di combattimento nel bel mezzo delle dispute tra Washington e Teheran, che possono alterare l’equilibrio delle forze in Medio Oriente.

Gli alleati dell’Iran in Medio Oriente sono presenti in Libano, Siria, Iraq e parte dello Yemen, mentre gli alleati dell’Arabia Saudita sono Kuwait e Bahrain e Emirati Arabi Uniti, anche se nel conflitto yemenita questi ultimi.

Un terzo fattore che agisce dietro le quinte è rappresentato dalle elezioni presidenziali nel principale alleato dell’Arabia Saudita, gli Stati Uniti. Donald Trump combatte per la rielezione nel 2020, con la sfida di mantenere la sua “internazionale di destra”, rafforzata, come punto di appoggio politico (con Bolsonaro in Brasile, Boris Johnson nel Regno Unito, Macri in Argentina – fino alla fine del suo mandato in ottobre – e anche i suoi alleati in Medio Oriente), così come preservare l’economia statunitense, che mostra segni di rallentamento industriale, da un crollo che indebolisce la sua campagna in settori sociali chiave, come i lavoratori nella ex Midwest belt, la Rust Belt, che erano parte della sua base elettorale nel 2016.

Secondo la rete di notizie di Bloomberg, ci sono già segni di recessione in alcuni stati della Rust Belt, come la Pennsylvania e il Wisconsin, che influenzano le prospettive elettorali di Trump.

Nei suoi tweet, Trump ha detto che, di fronte agli attacchi, ha autorizzato il rilascio per l’esportazione di parte delle riserve di petrolio degli Stati Uniti, “sufficiente a mantenere i mercati ben riforniti”, e ha inviato messaggi chiedendo l’approvazione accelerata dei progetti di costruzione di oleodotti in Texas e in altri stati. Ha concluso con un’espressione estremamente suggestiva, “Pieno di petrolio”, che si riferisce agli USA stessi.

Non sorprende che Trump stesso, che indubbiamente cerca di difendere le posizioni dei suoi alleati in Medio Oriente, in particolare in Arabia Saudita, stia cercando di approfittarne per aumentare le esportazioni di petrolio degli Stati Uniti, nel tentativo di rafforzare un’economia che presenta rischi di recessione nel 2020 attraverso la costruzione di nuovi complessi petroliferi. Lolio di scisto statunitense è stato colpito dai bassi prezzi del petrolio negli ultimi mesi, aumentando la necessità di cercare alternative a breve termine per aumentare le prestazioni economiche degli Stati Uniti prima delle elezioni presidenziali.

Non è chiaro come ciò avverrà, soprattutto in questo momento di relativo declino delle forme predominanti di energia basata sui combustibili fossili, vista la crescita della produzione di veicoli elettrici e lo sviluppo di nuove forme di energia.

 

Un conflitto che potrebbe infiammare il Medio Oriente

Le incertezze che segnano il terreno internazionale possono andare ben oltre le conseguenze irrisolte della Grande Recessione del 2008, o le crisi organiche e d’autorità statale che diversi paesi centrali stanno attraversando, colpendo i sistemi partitici tradizionali. La serie di attriti e scontri tra Stati Uniti, Iran e le potenze alleate nel mondo arabo e in Europa può innescare conflagrazioni non gestibili dai vari governi governi.

Per ora, Trump e le potenze europee, così come la Cina e la Russia, stanno cercando di calmare la situazione e di calcolare le prospettive aperte dall’aumento del prezzo del petrolio e dal colpo all’immagine dell’Arabia Saudita. L’uscita di Bolton dalla Casa Bianca è un elemento che indica la disposizione più negoziale di Trump.
Tuttavia, le conseguenze a medio termine non possono essere definite in anticipo. Nouriel Roubini, uno degli economisti keynesiani che prevede una recessione mondiale nel 2020, ha scritto in un recente articolo che possibili disturbi nella produzione petrolifera potrebbero innescare un nuovo capitolo recessivo (oltre alle dispute commerciali-tecnologiche tra Stati Uniti e Cina). Gli eventi di Abqaiq e Khurais aggiornano questa possibilità come ipotesi, per una situazione mondiale che, indipendentemente da ciò, ha dimostrato l’incapacità dei capitalisti di dare una soluzione armonica alla loro crisi.

 

André Augusto

Traduzione da La Izquierda Diario