Il prezzo del greggio è salito di nuovo ieri, dopo gli attacchi dell’Iran a due basi statunitensi in Iraq. Nel mentre la Borsa di Tokyo è crollata.


Il valore del greggio a marchio Brent è stato collocato al di sopra dei 71 dollari al barile, con un incremento del 3,81%. La marca di greggio WTI (West Texas Intermediate) si è attestata 64,92 dollari al barile, con un incremento del 3,54%.

Il prezzo del petrolio WTI è salito al 4,13% a 65,45 dollari al barile martedì dopo l’annuncio dell’attacco missilistico dell’Iran contro una base aerea statunitense in Iraq.

In termini assoluti, il barile di petrolio ha aggiunto 2,25 dollari all’ultimo prezzo (in aumento dopo l’assassinio del generale iraniano Qasem Soleimani).

Separatamente, i contratti futures WTI per la consegna a febbraio sono tornati ai massimi, scambiando a 65,03 dollari al barile, in crescita del 3,70%, alle 18.00.

Allo stesso tempo, i titoli di Tokyo sono crollati mentre gli investitori erano spaventati dalle crescenti tensioni tra gli Stati Uniti e l’Iran: la borsa giapponese è scesa del 2,5%.