Qualche giorno fa, il Ministero dell’Agricoltura russo ha annunciato che le quote di esportazione del grano sono state raggiunte e che, di conseguenza, saranno congelate fino al nuovo raccolto di inizio luglio. Questo annuncio è un fulmine a ciel sereno in un’economia già in profonda recessione a seguito della pandemia di covid-19 e solleva la questione del rischio di carenze alimentari in molti paesi che dipendono dalle esportazioni russe.


La Russia ha annunciato la sospensione delle sue esportazioni di grano. Questa è una notizia che potrebbe essere drammatica per molti paesi che dipendono dal più grande esportatore del mondo per il loro approvvigionamento alimentare. Ci sono molte ragioni dietro questa decisione. Da un lato, con la pandemia di coronavirus, l’attività produttiva si riduce a livello mondiale e colpisce tutti i settori, compreso quello alimentare, come quello della carne negli Stati Uniti. Questa pandemia e la recessione economica portano anche a una forma di panico sui mercati internazionali dei cereali, dove molti importatori stanno accumulando riserve in previsione di una possibile penuria per poter speculare in seguito. Questi acquisti sono giustificati anche dalle decisioni di un numero crescente di paesi di sospendere le loro esportazioni, come la Romania all’inizio di questo mese. Infine, c’è la minaccia di una siccità che minaccia la produzione del prossimo raccolto.

Quindi possiamo concludere che questa riduzione delle esportazioni sia multifattoriale. Prima di tutto ha una radice economica, a causa del picco della domanda di grano, il che significa che molti ordini effettuati sono ancora ben lungi dall’essere spediti. Ma anche doppiamente ambientale: da un lato per il coronavirus e dall’altro per il rischio di siccità. Questi due elementi possono essere visti come le conseguenze del sistema capitalistico stesso, della sua distruzione dell’ambiente e del riscaldamento globale.

Umanamente parlando, il bilancio potrebbe essere terribile. Secondo il Programma Alimentare Mondiale, il numero di persone affamate potrebbe raddoppiare. I paesi più esposti alla fine delle esportazioni russe sono principalmente in Nord Africa, soprattutto in Egitto, ma anche in Algeria o addirittura in Nigeria. Questi ultimi due paesi saranno doppiamente colpiti dal calo dei prezzi del petrolio combinato con l’aumento dei prezzi del grano.

Questa combinazione di fattori può applicarsi a molti paesi le cui economie si basano sull’esportazione di materie prime o di manufatti di basso valore che saranno colpiti sia dalla recessione delle economie del Nord che dall’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari. A livello locale, nell’Africa orientale, si prevede che le invasioni di grilli saranno un importante moltiplicatore di potenziali carestie.

Infine, l’ultima volta che la Russia ha limitato le sue esportazioni in modo così significativo, nel 2010, le conseguenze sociali e politiche sono state significative. In effetti, quell’anno, la siccità e la limitazione delle forniture di grano russo avevano causato un aumento dei prezzi dei prodotti alimentari in Medio Oriente e in Nord Africa. Questo fu uno dei fattori che scatenò l’ondata della Primavera araba. Quest’anno in Libano sono già iniziate le “rivolte della fame. Inoltre, la crisi covid-19 (sia sanitaria che economica) è arrivata in un particolare momento di rinascita della lotta di classe in Francia, ma anche in molti Paesi che hanno vissuto negli ultimi mesi importanti movimenti di lotta di classe.

 

Jean-Michel Larhot

Traduzione da Révolution Permanente