Il testo che segue è una versione scritta della relazione di apertura della conferenza di partito del PTS argentino, che si è tenuta tra l’undici e il tredici dicembre, tenuta da Emilio Albamonte. La relazione tocca una serie di fondamenti teorici e storici per comprendere la situazione internazionale. Tra di essi, la definizione di epoca di crisi, guerre e rivoluzioni, come contesto strategico della crisi attuale, e l’utilità del concetto di “equilibrio capitalista” per analizzare le relazioni tra economica, geopolitica e lotta di classe. Segue un dibattito su alcune riposte differenti di fronte alla crisi e su alcuni dei punti cruciali che la tappa storica odierna pone al marxismo rivoluzionario. 

Parte IParte II – Parte III


Un’epoca di crisi, guerre e rivoluzioni

La guerra imperialista del 1914 suggellò l’inizio della “epoca delle crisi, delle guerre e delle rivoluzioni”, come la definì Lenin. Ora, il marxismo rivoluzionario arriva relativamente tardi a questa definizione. Già tra il 1899 e il 1902 ebbe luogo la cosiddetta Guerra Anglo-Boera, dove gli inglesi attaccavano i coloni olandesi e iniziò una svolta verso la guerra. Tra il 1904 e il 1905 si svolge la guerra tra l’impero russo e quello giapponese, nell’ambito della quale avrà luogo la rivoluzione russa del 1905. Tra il 1912 e il 1913 si svolgono le guerre balcaniche, dove gli slavi vengono massacrati insieme alla popolazione musulmana (Trotsky sarà un cronista di spicco di queste guerre). L’ala rivoluzionaria della Seconda Internazionale aveva incrociato le lance con il revisionismo che prevedeva un calmante del capitalismo -simile agli attuali “post-capitalisti” di cui abbiamo parlato-, tuttavia, raggiunge le principali conclusioni sull’epoca già con la guerra in cima o nella guerra stessa. Ad esempio, gli scritti fondamentali di Lenin, come l’Imperialismo, fase suprema del capitalismo, o i suoi quaderni su Clausewitz, ecc. sono successivi alla crisi del 1914. E stiamo parlando dei più importanti rivoluzionari del XX secolo, quindi deve essere un richiamo all’attenzione su come dobbiamo affinare la nostra visione, partendo da tutto ciò che è stato sviluppato dal marxismo, per avere una prospettiva completa sul palcoscenico in cui viviamo.

Il grande problema è non ripetere le cose meccanicamente. Negli anni ’30 la disoccupazione era più alta di oggi, e ci furono grandi sconfitte. In questo quadro, c’erano grandi masse marginali perché il capitalismo aveva un surplus di manodopera a basso costo ma non poteva valorizzare il capitale. Tuttavia, i capitalisti hanno una via d’uscita efficace per questo, che è molto difficile da condurre politicamente e socialmente, ma che è efficace: la guerra, anche la guerra nucleare. Nel secondo dopoguerra, l’ipotesi di una guerra nucleare tra Stati Uniti e Russia fu discussa in termini di “Distruzione Mutua Assicurata” perché se, per esempio, gli Stati Uniti avessero bombardato e raso al suolo Mosca, nel giro di pochi minuti l’URSS avrebbe potuto sganciare un’altra bomba e distruggere Los Angeles, in California. Gli imperialisti hanno discusso a lungo di come si potrebbe condurre una guerra nucleare distruggendo le città e approfittando dello scambio nucleare che avrebbe permesso loro di imporsi sull’URSS. Può sembrare strano oggi, ma sono state scritte migliaia e migliaia di pagine su queste discussioni. Henry Kissinger sosteneva che il problema della guerra nucleare non era la guerra nucleare in sé – ci sarebbero state alcune centinaia di milioni di morti, ma non sarebbe stato questo il problema – ma che le morti sarebbero avvenute troppo rapidamente e non avrebbero dato alla gente il tempo di affrontarle, rendendo molto difficile guidare un sistema dopo una guerra nucleare e impedire una rivoluzione che avrebbe fatto cadere il governo, o che avrebbe fatto direttamente crollare lo Stato. In altre parole, lo vede come un problema relativo alla condotta di una guerra nucleare, non come un problema della tragedia che essa creerebbe.

Perché sto introducendo il tema della guerra? Poiché il capitalismo può inventare ogni sorta di contro-tendenze, può creare bolle – come la bolla immobiliare che è affondata nel 2008 – può diffondersi in Cina e far tornare sui propri passi la rivoluzione e trasformarla in controrivoluzione. I capitalisti possono inventare molte cose, ma le possibilità del capitalismo di trovare una soluzione alle sue crisi non possono essere separate dall’organizzazione del movimento operaio, dalla lotta di classe e dalle rivoluzioni, dall’azione dei rivoluzionari. Se questi elementi fondamentali vengono cancellati, è ovviamente più possibile che il capitalismo trovi una soluzione alla sua crisi. Ma se non ne trova uno e le sue contraddizioni interne le impediscono di accumulare capitale, ha a disposizione la linea che hanno applicato nella prima e nella seconda guerra mondiale, che è quella di distruggere le forze produttive, di distruggere i ponti, le fabbriche, gli edifici, le strade, eccetera, e che questa distruzione serve a ricreare terreno fertile per l’accumulo di capitale. Questo avvenne durante i 30 anni successivi alla seconda guerra mondiale, quando c’era piena occupazione e alti tassi di crescita nei paesi del nucleo centrale, ed è per questo che quegli anni furono chiamati “i gloriosi 30” del capitalismo. Quei “gloriosi 30” finirono nel neoliberalismo, perché non terminando in rivoluzione, una volta che il tasso di profitto cominciò a scendere perché lo slancio della ricostruzione dell’Europa si era definitivamente esaurito, iniziarono l’attacco a tutto campo delle conquiste dei lavoratori.

Chi non capisce che le tendenze del capitalismo verso la guerra prima o poi si impongono, e che la rivoluzione e la guerra si affiancano come specchi, non può comprendere appieno l’epoca in cui viviamo. Quando si parla di guerra, ciò non significa che essa debba iniziare come una guerra generalizzata tra grandi potenze. Può iniziare come una guerra di potenze minori a cui sono legate le grandi potenze. Per esempio, ci sono già state guerre tra India e Pakistan, dove la Cina è un alleato del Pakistan e gli vende gran parte delle sue armi, e che nella situazione attuale potrebbero degenerare in una guerra più ampia in cui l’imperialismo americano ed europeo non rimarrebbe a guardare. Poi, pensare che le contraddizioni più profonde che rendono difficile la valorizzazione del capitale possano essere risolte dalle leggi stesse del capitalismo a medio e lungo termine, e non che queste tendenze più profonde ci porteranno a guerre regionali che possono trasformarsi in guerre mondiali, è una visione ingenua.

In generale, molti marxisti sono scettici sull’esistenza di un’epoca di crisi, guerre e rivoluzioni. Le crisi sono già più difficili da negare, c’è stato il 2008, la crisi attuale. A proposito di rivoluzioni, a volte si accetta con riluttanza che possano accadere. Ma le guerre, guerre su larga scala come la seconda guerra mondiale, sembrano essere considerate impossibili, il che, come abbiamo detto, è almeno una visione ingenua e superficiale del capitalismo.

Come diceva Trotsky, non predichiamo la guerra, ma non possiamo nasconderci che le contraddizioni del capitalismo agiscono profondamente per generarla. Per esempio: le crisi attuali non hanno raggiunto il livello della crisi del 1929, ma se si trasformano in tale crisi, se cadono più di 8mila banche, allora si apriranno negli Stati Uniti le tendenze alla guerra e Biden si trasformerà in un grande guerriero. Ha già la documentazione del suo mentore, Obama, che Perry Anderson ha chiamato “il Signore dei droni” per aver compiuto migliaia di omicidi selettivi durante la sua presidenza, lo stesso che ha creato quel “pivot” di cui abbiamo parlato per circondare la Cina, che si sta difendendo creando isole di artiglieria. Da questo punto di vista, le tendenze più profonde alla guerra e alla rivoluzione, e tutti i disagi superiori al solito che il capitalismo crea, sono questioni che portano alla rivoluzione.

Oggi il capitalismo è sempre più in difficoltà. Le contiene attraverso concessioni parziali, ma non è in grado di contenere le contraddizioni più profonde che la attraversano. Nel caso di contraddizioni interstatali, come sottolinea l’articolo di Claudia Cinatti sulla situazione internazionale, anche se Biden ha vinto, non si può tornare alla situazione prima dell’insediamento di Trump. Il conflitto con la Russia continuerà, il conflitto con la Cina continuerà, i conflitti regionali continueranno. Abbiamo uno scenario con tensioni interstatali, con crescenti difficoltà per l’accumulo di capitale. Risposte rivoluzionarie e bellicose sono inscritte nella situazione. Noi rivoluzionari crediamo che, anche se la situazione è molto complessa e anche se la rivoluzione è piena di difficoltà, è una soluzione molto più realistica delle vie d’uscita riformiste che, alla fine, non risolvono nulla e che portano le masse in crescita alla povertà, perché il capitalismo ha trovato un limite al suo accumulo a partire dagli anni Settanta e le sue crisi sono sempre più ricorrenti e profonde.

Questo non significa che quella attuale sia la crisi finale, né la guerra finale, né la lotta di classe finale, né la rivoluzione proletaria finale; dire questo sarebbe ridicolo. Ma in ognuno dei processi che nascono possiamo avanzare nella costruzione di un partito proletario e molti di essi possono aprirci una prospettiva rivoluzionaria.

 

Perché e come combattiamo

Se vogliamo riportare alcune di queste questioni ad esempio più vicino, possiamo prendere le immagini di Tartagal e del Generale Mosconi a Salta nel 2000-2001. All’epoca i dipendenti pubblici erano pagati con diversi mesi di arretrato; la Repsol, che aveva guadagnato miliardi di dollari quando YPF fu privatizzata, aveva lasciato in strada migliaia di petroliere. A quel tempo lavoratori del petrolifero, stataeli e insegnanti tendevano imboscate alla gendarmeria. Titoloni di giornale hanno detto: “La gendarmeria è caduta in un’imboscata”. Questa non è la rivoluzione russa, è l’Argentina del 2000. Nelle foto di quel periodo si possono vedere gli operai che assaltano una fabbrica, lavoratori del petrolio e i disoccupati, tutti con i rifornimenti presi dalla gendarmeria. In altre parole, la sofferenza oltre il solito cambia il modo di pensare e di agire delle persone che possono essere molto passive e pacifiche. La gente non vuole la guerra, vuole la pace, ma se l’alternativa è morire di fame, molti non la accettano. Con una tale situazione di scontro è arrivato il dicembre 2001, e poi è arrivato l’assalto della brutale svalutazione dei salari e della cosiddetta “peste asimmetrica”. Ora, dopo questo, i prezzi delle materie prime hanno cominciato a salire e l’economia mondiale si è ripresa e la situazione è stata salvata, ma se ci fossero stati altri 3 o 4 anni di crisi, la situazione argentina avrebbe potuto trasformarsi in una situazione apertamente rivoluzionaria.

Quindi, la necessità di costruire un partito rivoluzionario fa da cornice alle discussioni che dobbiamo fare in questo convegno perché crisi come quella che stiamo vivendo ora, che porta alla disoccupazione, a persone precarie che vedono il loro reddito diminuire improvvisamente, cambiano il modo di pensare e di agire della gente, in una situazione sempre più difficile da contenere. Questo, come abbiamo detto, non significa che sia la crisi finale o lo scontro finale. Non sappiamo quando, non necessariamente questa crisi sarà; ma qualunque essa sia, che sia tra 2 o 3 anni, dobbiamo già prepararci. Cioè, se passiamo a un partito di 10.000 o 20.000 lavoratori che a loro volta hanno peso nel 10 o 15% della classe operaia, dai lavoratori regolari [in spagnolo “en blanco” contrapposti ai lavoratori in nero, ndt] agli statali, agli insegnanti e ai precari, abbiamo fatto un salto di qualità per prepararci a questa o alla futura crisi.

Allo stesso tempo, sappiamo che questi processi non si fermano a livello nazionale, per questo siamo internazionalisti e ci battiamo, insieme ai gruppi della FT-QI, per la ricostruzione della Quarta Internazionale. Come sottolinea la teoria della rivoluzione permanente, la rivoluzione inizia sul terreno nazionale, continua sul terreno internazionale e si completa unendo le forze produttive a livello mondiale per utilizzare tutta la tecnologia e la scienza al servizio della riduzione della giornata lavorativa. Vale a dire, per fare un’associazione di produttori liberi.

Ci battiamo per una società socialista in cui ognuno dà alla società secondo le proprie capacità, e prende dalla società ciò che serve per vivere. Non solo le basi, ma tutti i beni (della scienza, della cultura, ecc.) di cui si ha bisogno per vivere. Come diceva Trotsky, non siamo asceti, non siamo monaci, non siamo contro i prodotti di “lusso”; ciò che siamo contrari è che l’1% ha prodotti di lusso e il resto non abbia da mangiare. Non siamo contro la proprietà privata nel senso che la gente ha la casa, non siamo contro la gente che ha la macchina, non diciamo quelle cose ridicole che ci vengono attribuite. Noi siamo per la nazionalizzazione dei grandi mezzi di produzione e di scambio, l’espropriazione dei proprietari terrieri che hanno decine di migliaia di ettari e, insieme al capitale finanziario internazionale, portano fuori tutto il denaro. Siamo contro le grandi fabbriche – fatte anche con contributi statali, come la Techint o l’Aluar – o tutte le grandi fabbriche di automobili di capitale straniero, che portano tutto ciò che sfrutta il lavoratore al loro quartier generale. Noi siamo contrari a questo; il nostro ideale non è ridicolo, infantile, né povero, cioè non vorremmo essere tutti poveri distribuendo meglio la scarsità -anche se la rivoluzione dovesse attraversare momenti di povertà agli inizi-; il nostro obiettivo è quello di sviluppare la rivoluzione sulla scena internazionale, e sappiamo che questo processo non può culminare se il proletariato americano non riesce a disarmare la follia degli armamenti di tutti i tipi -incluse le armi nucleari- che esistono negli Stati Uniti.

Gli Stati Uniti spendono quasi 750 miliardi di dollari all’anno in spese militari, per costruire sottomarini nucleari, missili Tomahawk, aerei invisibili ai radar, armi nucleari e così via. Lo Stato non può fornire un’assicurazione sanitaria universale, ma la spende per la difesa, cioè quasi il doppio di quanto producono 45 milioni di argentini in un anno. Il popolo americano, per esempio, ha mostrato vitalità nella lotta contro il razzismo nella risposta all’assassinio di George Floyd. Non solo nella polarizzazione generale verso sinistra che ha sollevato il fatto che hanno votato per Sanders, un riformista; ma nella lotta diretta, nelle mobilitazioni che si sono svolte, pacifiche e in parte violente. Anche il proletariato nordamericano può essere mosso da un’ondata di rivoluzioni che non necessariamente inizierà negli Stati Uniti, ma può iniziare nei paesi più deboli e diffondersi, come è successo ad esempio con la Rivoluzione russa, che tra l’altro ha riempito di comunisti l’Argentina e l’America Latina – il comunismo è passato da essere marginale ad essere un movimento importante in America Latina grazie alla Rivoluzione russa. Questa è la norma: le rivoluzioni si diffondono, generano simpatia e, ad esempio, se riuscissero ad abbassare l’orario di lavoro e a rendere possibile a tutti di vivere una vita più dignitosa, sarebbe un grande esempio per i lavoratori di tutto il mondo perché disarmino la follia delle loro classi dominanti.

Questo è ciò per cui stiamo lottando. Nel modo in cui combattiamo sono i più grandi errori del trotskismo del dopoguerra. Cosa hanno proposto i trotskisti nel dopoguerra? In URSS non hanno cercato di costruire un partito; erano pochi e la situazione per la costruzione era molto difficile. Ora, in Occidente, a causa del successo che l’Unione Sovietica stava avendo, per il prestigio che la sconfitta dei nazisti aveva dato e perché c’era la crescita economica, i partiti socialisti e comunisti divennero enormemente di massa, così molti trotskisti divennero “consiglieri” di quei partiti – soprattutto il Segretariato Unificato [in Italia, oggi, Sinistra Anticapitalista, ndt] – intendevano consigliare la burocrazia su come combattere, il che era una sciocchezza. Questo orientamento è stato proposto da Michel Pablo nel 1951 nel documento “Dove andiamo?”. Da lì hanno attuato quello che a quei partiti è stato chiamato un “entrismo sui generis“; “sui generis” perché non era la tattica di un entrismo per conquistare gli elementi di avanguardia per costruire un partito rivoluzionario indipendente, ma l’obiettivo era quello di rimanere all’interno di quei partiti comunisti. Credevano che tra l’URSS e gli Stati Uniti stesse per scoppiare una guerra mondiale e che, quando sarebbe arrivato quel momento, la burocrazia stalinista avrebbe dovuto girare a sinistra, e poi, essendo all’interno di quei partiti, avrebbero potuto conquistare la leadership. Questo non è successo. Nella competizione con il capitalismo, il capitalismo ha vinto. Non c’erano possibilità oggettive per i trotskisti di guidare qualsiasi processo rivoluzionario nei paesi centrali. Ma ciò che dipendeva soggettivamente dal trotskismo era la possibilità di costruire correnti trotskiste a livello nazionale e internazionale anche se solo come un settore di avanguardia. I settori raggruppati intorno al “Segretariato unificato”, dedicandosi ad essere “consiglieri” di quelle burocrazie in Occidente, hanno abbandonato questa prospettiva. Allo stesso tempo, anche i settori del trotskismo che si opponevano a quell’orientamento, il cosiddetto “anti-pablismo”, non erano un’alternativa coerente per la costruzione di quelle correnti, che hanno fatto sì che il trotskismo, nel suo insieme, arrivasse molto male ai grandi eventi storici decisivi.

Da questo punto di vista, penso che la nostra conferenza dovrebbe avere come motto: non più vivere di prestiti presi in prestito dal movimento trotskista, non più vivere di capitale storico politico accumulato. Nel video che ho realizzato in omaggio a Trotsky nell’agosto di quest’anno, ho commentato come i trotskisti sono morti nei campi di concentramento dell’URSS al grido di “Viva Trotsky”, come hanno combattuto contro i fascisti, contro lo stalinismo e contro gli imperialisti “democratici”. Questa rivendicazione va bene, ma ci sono correnti che durante tutto l’anno mettono tutte le loro energie nella routine dei diversi scenari elettorali (politici e sindacali), e anche nell’amministrazione dell’assistenza statale, e una volta all’anno rendono omaggio a Trotsky, cioè vivono di un prestito del trotskismo. E dobbiamo anche pensare bene a questo: se c’è una crisi, che non è necessariamente “l’ultima”, ma che peggiora le condizioni precedenti, e non cerchiamo di costruire un partito rivoluzionario che duplichi o triplichi la militanza che abbiamo ora, che entri molto di più nei sindacati, che organizzi i lavoratori sindacalizzati, che organizzi i precari, che partecipi alle confische delle terre – cioè non solo al movimento dei lavoratori regolari e al movimento degli studenti -, se non facciamo tutto questo, viviamo con l’eredità del trotskismo. Se facciamo tutto questo, se combattiamo con sufficiente coerenza per imporre il metodo dell’auto-organizzazione dove nessun dittatorello viene e ti comanda, ecc. allora la nostra strada è aperta a non vivere più con l’eredità di Trotsky e ad iniziare ad accumulare il nostro capitale politico rivoluzionario. Dobbiamo costruire un partito rivoluzionario, operaio e socialista, dobbiamo trasformare e mettere in gioco questa accumulazione primitiva che abbiamo fatto molto lentamente per 30 lunghi anni.

Quando parliamo di centrismo intendiamo dire che anche il nostro stesso movimento è infiltrato nella logica della burocrazia sindacale. Qualche tempo fa abbiamo avuto una grande discussione con un gruppo chiamato Lega Rivoluzionaria per la Quarta Internazionale: abbiamo detto che c’è il centrismo, e loro hanno risposto di no, che non c’è un centrismo trotskista, che si è cristallizzato e non può evolvere a sinistra. Ci siamo rifiutati di fare questa caratterizzazione. L’esperienza che stiamo facendo in Francia, per esempio, ci mostra che entrando nel NPA, dove abbiamo cercato di raggiungere accordi di principio con le ali sinistre di quel partito per lottare per mettere su un vero partito rivoluzionario in Francia, siamo riusciti ad avanzare nella convergenza e a conquistare per il trotskismo un settore dei migliori lavoratori d’avanguardia e siamo arrivati ad avere più di 200 compagni, con compagni come Anasse Kazib, che è un grande leader dei ferrotranvieri, che discute con i politici borghesi in televisione, tra gli altri compagni che sono riferimenti importanti delle loro fabbriche e dei loro sindacati – naturalmente l’NPA non amministra i piani sociali dello Stato, se così fosse sarebbe molto più difficile avere una politica come quella che abbiamo avuto in Francia. Guardiamo un altro esempio: nella Conferenza latinoamericana che abbiamo organizzato con le forze del FIT – che è servita a politicizzare i dibattiti, ma dove c’erano grandi differenze di politica internazionale nei diversi paesi tra le forze a cui abbiamo partecipato – ci sono stati compagni che hanno criticato il PSOL del Brasile, soprattutto perché il suo programma non è socialista. Questo è un bene, ma il problema principale che il PSOL ha è il suo rapporto con lo Stato, che serve a imporre le correnti più di destra al suo interno. Il nuovo MAS dice che il voto per Guillerme Boulos al secondo turno delle elezioni per la prefettura della città di San Paolo rafforza la sinistra in Brasile, quando per quell’elezione Boulos ha fatto un accordo con tutte le correnti borghesi opposte a Bolsonaro per cercare di ottenere più voti. Noi, che abbiamo scelto le candidature democratiche nelle liste del PSOL [figura utilizzata in Brasile per le correnti che non riescono ad ottenere la propria legalità a causa del regime proscrittivo che prevale nel paese, e che permette loro di presentarsi con un proprio programma nelle liste di un’altra organizzazione] abbiamo rifiutato categoricamente di sostenere la candidatura di Boulos in alleanza con tutte le correnti borghesi, il che non è un progresso per la sinistra, ma al contrario.

Tornando all’Argentina, abbiamo il FIT, che è un grande strumento per fare agitazione politica e per candidarsi alle elezioni; questo è molto buono, ma finché abbiamo ben chiaro che questa non è la nostra strategia, la nostra strategia è quella di costruire un partito rivoluzionario. La lotta parlamentare segue quella lotta extraparlamentare. Veniamo da anni in cui partecipiamo alle principali lotte dell’avanguardia operaia ma nel quadro di una lotta di classe bassa. Dobbiamo approfittare dei fenomeni di lotta di classe che cominciano ad emergere per intervenire con coraggio e prepararci alla situazione che si sta aprendo. Questo è ciò di cui discuteremo alla Conferenza.

Ma voglio sottolineare che ciò che viene proposto nei documenti nazionali non è “l’eccezione argentina” perché in Argentina si sta sviluppando una situazione rivoluzionaria e siamo sulla strada per prendere il potere. Non stiamo dicendo questo; stiamo dicendo che c’è una situazione pre-rivoluzionaria incipiente. Stiamo cercando di essere il più sobri possibile nella nostra caratterizzazione, non come nel centrismo, dove tutto avviene facendo a gara per quanto più ciascuno vede la situazione – per esempio, nel MAS degli anni Ottanta, dall’inizio della crisi della dittatura, la caratterizzazione che c’era una situazione rivoluzionaria è stata sollevata e poi ha continuato ad essere mantenuta, anche dopo che Alfonsín si è insediato e si è insediato nel governo; e non l’hanno cambiata in più di un decennio. In questo caso le parole perdono il loro significato. Stiamo discutendo il più precisamente possibile quali sono gli elementi della situazione, proponendo la definizione di “pre-rivoluzionaria incipiente” per definire come ci posizioniamo.

Per concludere. Le tendenze più profonde alla guerra e alla rivoluzione – che prima o poi si imporranno – e alle crisi ricorrenti, in ultima analisi, non hanno via d’uscita se non attraverso rivoluzioni che fermano la guerra, o guerre che mettono fine a una parte dell’umanità. Mi riferisco qui alle vie alternative per uscire dalla crisi di un capitalismo che non riesce a trovare i propri motori di accumulazione; non parlo del fatto che sia datato, ma del fatto che queste sono le tensioni più profonde in un’epoca di crisi, di guerre e di rivoluzioni. Il boom del dopoguerra si è concluso negli anni Settanta, è iniziato il neoliberismo, che è stata una deviazione reazionaria del capitalismo; ne sono seguite molteplici bolle. Ora possono fare bolle che durano due o tre anni – nessuno dice che non possono uscire da questa crisi e poi l’anno prossimo la rivoluzione in Argentina, per esempio, arriverà inevitabilmente. Quello che stiamo dicendo è che non sfruttare le opportunità che la situazione presenta e vivere nel tempo preso in prestito dall’eredità del trotskismo ci renderebbe non rivoluzionari, ci renderebbe un gruppo di propaganda non rivoluzionario. Non possiamo vivere di tempo preso in prestito e dire “noi trotskisti abbiamo sempre avuto ragione perché abbiamo sempre denunciato i crimini di Stalin, i crimini di Hitler, e i nostri compagni sono morti eroicamente nella Germania nazista, a Vichy, in Francia, in Unione Sovietica”. In questo senso, dobbiamo costruire non solo il PTS ma l’intera FT-QI. Dobbiamo romperci la testa non solo per rendere desiderabile l’obiettivo di una società socialista con una prospettiva comunista, in cui il lavoro umano è liberato dalle restrizioni imposte dal capitalismo e può essere minimizzato, e per permettere lo sviluppo della cultura, della scienza e di tutto ciò che rende gli esseri umani umani umani, ma anche per articolare i modi per raggiungerlo.

Le varianti riformiste a lungo termine non esistono e non possono esistere; ci possono essere solo articolazioni a corto raggio. Progetti a lungo termine che la tecnologia, agendo come fattore indipendente, può superare le contraddizioni del capitalismo, non crediamo che questo sia scientificamente vero, né scommettiamo su di esso. Scommettiamo che le mobilitazioni, che partono dal programma minimo che hanno, possono essere sollevate fino a quando i lavoratori non conquistano il potere politico in ogni paese, e in prospettiva a livello internazionale e mondiale. Questo è il quadro in cui si dovrebbero svolgere le discussioni della conferenza PTS. Cioè, non stiamo discutendo nel quadro di un mondo circondato da potenze capitaliste che vanno alla grande e l’Argentina è l’eccezione. Siamo circondati da questa situazione, gran parte del mondo, comprese le principali potenze, sta vivendo questa situazione. Finché non ci saranno colpi controrivoluzionari che ci lasceranno isolati è una situazione molto promettente per noi. Ho voluto sollevare la questione in modo che possa servire da quadro di riferimento per i documenti che discuteremo seriamente, sobriamente, in questi giorni della conferenza, per vedere come possiamo andare avanti.

 

Emilio Albamonte

Traduzione da Ideas de Izquierda