I socialisti rivoluzionari in Argentina nelle recenti elezioni hanno ottenuto 1,3 milioni di voti, circa il 6% dei voti, e hanno eletto quattro rappresentanti al congresso. La rivista di sinistra più popolare negli Stati Uniti li ignora, quando dà ampio spazio ai successi della sinistra riformista, parlando del bivio fra “socialismo e barbarie” nel caso delle elezioni cilene vinte dal socialdemocratico Boric. Non è un caso, come spiega Nathaniel Flakin del giornale americano Left Voice.


Jacobin Magazine è una delle riviste più importanti della sinistra statunitense. Pubblicano articoli sui partiti socialisti di tutto il mondo.

A settembre, il Partito di Sinistra (Die Linke) in Germania ha ottenuto il suo peggior risultato elettorale di sempre, perdendo quasi la metà dei suoi elettori. Jacobin ha dedicato almeno due articoli per analizzare la sconfitta di Die Linke (su cui anche Left Voice ha preso posizione).

Nello stesso mese, il Frente de Izquierda-Unidad (FIT-U) in Argentina ha ottenuto il suo miglior risultato elettorale di sempre alle elezioni di metà mandato, ottenendo 1,3 milioni di voti. Questi voti non arrivavano dalle zone borghesi delle grandi città, ma provenivano dai quartieri più proletari dell’Argentina. Questo ha portato quattro socialisti nel congresso argentino, tra cui il candidato indigeno e netturbino, Alejandro Vilca.

Ciò che sorprende è che Jacobin ha scritto numerosi articoli su diversi partiti della sinistra in Europa e nel mondo. Ha scritto su Rødt (Partito Rosso) in Norvegia, che ha ottenuto il 4,6% dei voti in un paese di cinque milioni di persone, ha scritto della sinistra in Belgio, Svezia e Danimarca. Nonostante ciò, è come se non avessero mai sentito parlare del Frente de Izquierda – Unidad (FIT-U), il quale ha ottenuto il 6% in un paese di 45 milioni di persone. Pensate che l’ultima volta che Jacobin ha scritto dei socialisti in Argentina è stato nel lontano 2015.

Non è solo una questione di successo o di rilevanza. Basti pensare che il FIT-U ha ottenuto più voti di Die Linke e di molti altri partiti di cui Jacobin ha parlato sulle pagine della propria rivista. Sarebbe bello pensare che sia una semplice svista, o un pregiudizio inconscio per i socialisti europei rispetto a quelli latinoamericani. Ma anche questa cosa non è vera, poiché Jacobin ha scritto ampiamente sul presidente messicano Andrés Manuel López Obrador o sull’ex presidente della Bolivia Evo Morales. Se i redattori di Jacobin stanno cercando contatti argentini per fare interviste, ci piacerebbe dare una mano!

Ma questo è, senza ombra di dubbio, una scelta politica. Jacobin parla dei socialisti che fanno parte del Partito Democratico, “socialisti” come Bernie Sanders, Alexandria Ocasio-Cortez e Jamal Bowman. “Socialisti” che votano per il finanziamento all’esercito americano, che sostengono i tentativi di colpo di stato in Venezuela, e che appoggiano l’Apartheid israeliano.

Jacobin, ad esempio, ha esplicitamente difeso Jamaal Bowman, membro dei Democratic Socialist of America (DSA) contro le richieste di espulsione dopo aver espresso posizioni filo-sioniste. Proprio attorno a questa faccenda, la rivista si è rifiutata di pubblicare un pezzo che sosteneva che il caso Bowman rappresentava una linea rossa che i socialisti democratici non avrebbero dovuto superare. Questa rottura con tutti i principi socialisti è giustificata, almeno così dicono, con l’argomento per cui l’unico modo in cui i socialisti possono avere una certa rilevanza negli Stati Uniti è quello di far parte di un partito apertamente imperialista.

Il Frente de Izquierda in Argentina dimostra, invece, che ciò è semplicemente falso. Il FIT-U è un fronte di organizzazioni della classe lavoratrice. È indipendente da tutti i partiti capitalisti e non dà sostegno, come i DSA, all’ala sinistra della borghesia, i cui politici promettono riforme sociali e poi approvano pacchetti di austerità. I socialisti rivoluzionari non cercano di conquistare il potere attraverso le istituzioni della democrazia capitalista, ma usano i loro seggi nei parlamenti per mobilitare la classe operaia e gli oppressi come parte di una lotta per un governo dei lavoratori. I politici del Frente de Izquierda sono presenti ad ogni manifestazione dei lavoratori, delle donne e del movimento LGBTQ+, senza paura di affrontare la repressione della polizia.

Il FIT-U non è caduto dal cielo, anche perché l’Argentina non ha sempre avuto una forte sinistra socialista. Il Frente de Izquierda è il prodotto di una lunga lotta per l’indipendenza di classe, una lotta contro i socialisti che hanno sostenuto il governo borghese “progressista” di Cristina Kirchner e Alberto Fernández. Un governo che, con l’appoggio dei socialdemocratici come Jacobin, sta tagliando le pensioni e i salari per ripagare il prestito preso dal Fondo Monetario Internazionale. I socialisti rivoluzionari, al contrario, stanno mobilitando decine di migliaia di persone contro il FMI.

Sulla nostra Rete Internazionale scriviamo molto sul FIT-U perché è un esempio stimolante per i socialisti di tutto il mondo. Per Jacobin, sembra alquanto scomodo riconoscere che l’indipendenza di classe può avere così tanto successo. Scrivono del movimento socialista femminista in Argentina senza mai menzionare le forze che lo organizzano (come la nostra corrente Pan y Rosas,) scrivono della fabbrica occupata di Madygraf senza nominare i gruppi trotskisti che hanno avuto un ruolo di primo piano nella lotta.

In Argentina, più di un milione di persone sta sostenendo i socialisti. Socialisti che chiedono una rottura radicale con l’imperialismo, mentre Jacobin sostiene i deputati dei DSA che votano per dare altri miliardi all’esercito americano. Myriam Bregman e altri rappresentanti del FIT-U sono attaccati dai media e dalla classe dominante per la loro chiara opposizione al sionismo, mentre Jamal Bowman si incontra con politici israeliani di estrema destra.

Jacobin sembra ignorare deliberatamente l’esempio del FIT-U perché va contro la loro affermazione che i veri socialisti non possono mai ottenere un sostegno di massa.

Cari redattori di Jacobin, per favore, dimostrateci che ci sbagliamo – siamo curiosi di ascoltare la vostra opinione sul Frente de Izquierda in Argentina!

 

Nathaniel Flakin

Traduzione da Left Voice a cura di Mattia Giampaolo