L’incontro avrà luogo al confine tra Ucraina e Bielorussia. In seguito alle sanzioni USA e UE, il presidente russo ha messo in allerta le sue forze di deterrenza nucleare.


L’Ucraina ha confermato che sta inviando una delegazione per negoziare con la Russia sul confine ucraino-bielorusso lungo il fiume Pripyat, ha detto l’ufficio del presidente ucraino Volodymir Zelensky.

“Abbiamo concordato che la delegazione ucraina si sarebbe incontrata con la delegazione russa senza precondizioni sul confine ucraino-bielorusso vicino al fiume Pripyat”, ha detto il canale ufficiale Telegram di Zelenski.

Stamane, il governo russo aveva affermato che sperava di fare progressi nei negoziati. Secondo il capo della delegazione russa, Vladimir Medinski, sono diretti da Minsk a Gomel.

“La nostra intera delegazione sta partendo per la regione di Gomel”, ha detto il negoziatore russo all’agenzia di stampa TASS. “Al momento si sta elaborando il percorso per scegliere il luogo nella regione di Gomel dove sarà garantita la massima sicurezza per la parte ucraina”, ha detto Medinsky.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto che i presidenti di Bielorussia e Ucraina, Alexander Lukashenko e Volodymir Zelensky, hanno parlato al telefono, dopo di che Lukashenko ha chiesto al suo omologo russo, Vladimir Putin, di non ritirare la delegazione russa in attesa a Minsk.

Putin mette in allerta il suo deterrente nucleare

Mentre l’Ucraina e la Russia si preparano a iniziare i negoziati, il presidente russo Vladimir Putin domenica ha ordinato alle forze di contenimento russe di essere messe in “stato di servizio speciale” in seguito alle “dichiarazioni aggressive” della NATO.

L’annuncio arriva dopo l’annuncio di ulteriori sanzioni contro la Russia, compresa la “disconnessione” di parte del sistema bancario russo dal sistema internazionale SWIFT.

La misura di deterrenza strategica della Russia è composta da forze nucleari, compresi i missili intercontinentali, così come le forze non nucleari, la difesa missilistica, il sistema di allarme rapido e la difesa aerea.

Nel frattempo, manifestazioni contro la guerra si stanno svolgendo in varie città, come nella stessa Russia, dove il governo ha arrestato più di 1800 persone.

Giornale militante online fondato nell'aprile 2017.
Sito informativo della Frazione Internazionalista Rivoluzionaria (FIR).