“Sono loro ad aver violentato i carabinieri”, i terribili commenti sessisti sul web sulle due ragazze stuprate a Firenze

Due studentesse americane hanno denunciato nei giorni scorsi di essere state vittime di violenza sessuale da parte di due carabinieri, che si erano offerti di accompagnarle a casa avendole incrociate per strada di notte dopo aver fumato e bevuto.

I reperti biologici confermano l’avvenuto rapporto. Il Ministro della Difesa, Roberta Pinotti, ha inoltre dichiarato che dalle prime indagini risulterebbero elementi di fondatezza nella ricostruzione delle due ragazze statunitensi.

Sui social la notizia ha avuto molto eco. Dopo l’infame stupro di rimini ad opera di quattro uomini di origine africana il web è stato tappezzato della peggiore propaganda razzista, come se la violenza sessuale avesse qualcosa a che fare con la nazionalità o la provenienza etnica di un soggetto.

Nel caso dei carabinieri italiani al contrario imperversano commenti terribili di giustificazione della violenza.
Sotto un articolo della nota agenzia di stampa Fanpage i commenti maschilisti provengono sia da uomini che da donne.

“Questa è una palla grande quanto una casa!!!”, scrive una tale Rita; “Per me erano talmente sbronze che sono state loro a violentare i carabinieri”, rilancia Fortunato; “Si sono loro buttate sotto, poi per parvenza dei ragazzi hanno detto di essere state stuprate”, continua Adele.

Questi sono soltanto alcuni esempi della cultura razzista oramai diffusasi tra le larghe masse della società italiana. Un brodo colturale maturo per un’eventuale svolta fascista nel paese.

Douglas Mortimer

Lascia un commento

Please enter your name.
Please enter comment.

1 2 3 4 5

Questa Settimana
Iscriviti alla newsletter
Lingua