Leila Khaled bloccata all’aeroporto di Fiumicino e riportata forzatamente in Giordania

Con una gravissima violazione, le forze di polizia italiane hanno impedito alla militante della Resistenza palestinese Leila Khaled di partecipare a conferenze previste in Italia nei prossimi giorni.
La compagna è stata fermata all’aeroporto di Fiumicino ed è stata forzatamente riportata in Giordania nonostante avesse un regolare visto per viaggiare in Europa. Visto che le è stato tolto allo sbarco a Roma.

L’operazione sembra essere palesemente influenzata dalle pressioni che i capitalisti sionisti stanno esercitando sui media locali e nazionali per evitare che si parli del genocidio che lo Stato d’Israele sta facendo contro la popolazione palestinese.

Pubblichiamo in allegato il comunicato dell’Unione Democratica Arabo-Palestinese sulla vicenda.


OGGETTO: NEGATO L’INGRESSO IN ITALIA ALLA COMPAGNA LEILA KHALED

Oggi, martedì 28 novembre 2017, Leila Khaled è stata fermata all’aeroporto di Fiumicino. Alla compagna è stato negato l’ingresso in Italia ed è stata forzata ad imbarcarsi sul volo successivo per Amman.

Questo grave episodio ha avuto luogo dopo i reiterati attacchi mediatici e a seguito di forti pressioni da parte della lobby sionista in Italia; nei giorni precedenti al suo arrivo numerosi quotidiani hanno pubblicato articoli sensazionalistici e diffamanti dimostrando, nella migliore delle ipotesi, accondiscendenza, nella peggiore, complicità.

Il rimpatrio della compagna Leila Khaled non è che la dimostrazione dell’impotenza delle istituzioni italiane e la loro incapacità di sottrarsi al ricatto sionista: è palese quanto la sua voce, libera e coerente, continui a far paura ancora oggi. Di fatto Leila Khaled aveva ottenuto un visto per l’Europa che si è vista revocare qui, a Roma, allo sbarco. Meno di un mese e mezzo fa è stata accolta in Spagna e in Belgio, e in quest’ultimo ha tenuto una conferenza al Parlamento Europeo.

Nonostante le pressioni, le diffamazioni e le provocazioni, nonostante il rimpatrio imposto alla compagna dalle autorità italiane, l’Unione Democratica-Arabo Palestinese decide di confermare l’iniziativa di sabato 2 dicembre durante la quale Leila Khaled interverrà e sarà comunque con noi tramite collegamento.

L’iniziativa “Cinquant’anni di Resistenza” resta quindi confermata.

L’appuntamento è per:
Sabato 2 dicembre 2017 – Ore 17:00

Sarà reso noto a breve l’indirizzo della sala in cui si terrà l’evento.

Unione Democratica Arabo-Palestinese (UDAP)
Roma

Lascia un commento

Please enter your name.
Please enter comment.

1 2 3 4 5

Questa Settimana
Iscriviti alla newsletter
Lingua