Che fare? Spagna: la sinistra anticapitalista contro il fallimento del neoriformismo (seconda parte)

Illusioni e debolezze riformiste della sinistra anticapitalista: l’urgente necessità di un’alternativa indipendente dal regime

Come mostrano i sondaggi elettorali, le illusioni del neo-riformismo cominciano a ritirarsi. Nelle sue ultime dichiarazioni Pablo Iglesias ha sostenuto che la crisi catalana ha prodotto una “svolta reazionaria di stile monarchico”, la cui conseguenza sarebbe che il PSOE “ha rinunciato a che potessimo essere il loro partner preferito, e questa non è una buona notizia per il cambiamento politico”. Ma quella che doveva risultare come un’autocritica altro non è stata altro che un’autogiustificazione. Non dovrebbe forse una forza politica come Podemos, che insieme a IU e le Tides ha 67 deputati al Congresso e governa nelle principali città spagnole, chiedersi se ha qualche responsabilità nella recente svolta conservatrice? Noi crediamo proprio di sì. Perché i rapporti di forza sfavorevoli non cadono dal cielo, ma sono il prodotto di sconfitte o peggio, come in questo caso, di sconfitte senza lotta.

Non affrontando quindi il regime, promuovendo una politica di conciliazione tra le classi in accordo con Pedro Sanchez e posizionandosi come fanalino di coda del blocco costituzionalista in Catalogna, Unidos Podemos ha lasciato libero spazio non solo alla ricomposizione dei social-liberali del PSOE, ma anche all’ascesa della nuova destra di Ciudadanos, che cerca di presentarsi come soluzione ai problemi delle masse. Una situazione in cui il CUP ha la sua parte di responsabilità, anche se il suo adattamento era mirato alla direzione opposta, alla direzione che chiaramente ha portato ad una capitolazione annunciata.

Ma sarebbe un errore riconoscere questa realtà e non anche il fatto che, alla sinistra di Podemos (o CUP), non c’è sia ancora un’alternativa politica praticabile. La Catalogna, proprio per essere stata il punto più critico per il regime negli ultimi decenni, è forse la dimostrazione più diretta e riscontrabile di questo. L’assenza di una forte forza politica che si collochi su una posizione alternativa rispetto alle diverse varianti borghesi, che miri a sviluppare i metodi della lotta di classe e a costruire un programma che unisca le richieste democratiche, come il diritto di decidere o la lotta per i processi costituenti, con un programma anticapitalista e di classe, non ha lasciato alternative ad un movimento che è stato portato alla sconfitta dalla combinazione della repressione e dalla resa della sua direzione.

In questo scenario, la debolezza di quella sinistra che si rivendica anticapitalista e rivoluzionaria proponendo un’alternativa, sia in Catalogna sia nel resto della Spagna, è diventata chiara. In primo luogo, perché negli ultimi anni gran parte della sinistra anticapitalista è stata liquidata politicamente e persino a livello organizzativo, sia attraverso l’adattamento al nuovo riformismo che attraverso la politica di conciliazione tra classi della sinistra indipendentista.

Questo è il caso di Anticapitalistas, che dopo l’irruzione del 15 M divenne la più forte organizzazione anticapitalista della nazione, oggi si è dissolta come corrente interna in Podemos e ha apertamente rinunciato a qualsiasi orizzonte di trasformazione rivoluzionaria della società, assumendo pienamente la linea di gestione capitalista e della cogestione con il PSOE. L’esempio del Consiglio Comunale di Cadiz, guidato da Anticapitalistas, è un buon esempio di come non fare alcuna differenza per gli altri consigli comunali del cambiamento. Ma anche prima delle posizioni più aberranti di Podemos, come quella tenutasi in Catalogna, le sue principali figure pubbliche, Teresa Rodriguez e José Maria Gonzalez, “Kichi”, sono venute a rifiutare il riconoscimento della Repubblica catalana e a chiudere le fila dietro il costituzionalismo di Iglesias.

Un altro gruppo che ha seguito la via della liquidazione è stato l’ormai estinto En Lucha, che ha deciso di sciogliersi all’interno di Podemos e nel CUP nel caso della Catalogna, rivendicando apertamente la rinuncia a costruire un’organizzazione rivoluzionaria indipendente e la politica di servire come consulenti di sinistra alle direzioni riformiste di diversi tipi emerse dal 15 M o dal processo catalano.

Su un altro livello, diversi gruppi che rivendicano la tradizione “marxista-leninista” (stalinista) in Spagna si presentano come critici alla politica di Podemos, IU o persino del CUP per diverse ragioni, ma nel loro programma e con la loro strategia difendono una prospettiva di rivoluzione per tappe, in virtù della quale i settori della borghesia che diventano “democratici” o “repubblicani” sono considerati alleati, e un ritorno allo stato nazione in chiave sovranista.

Altre organizzazioni, tuttavia, come Corriente Roja, IZAR, la nostra organizzazione, la CRT e altri gruppi minori, si sono mantenuti come organizzazioni rivoluzionarie indipendenti a sinistra del neo-riformismo. Altri gruppi, sebbene partecipino alle organizzazioni riformiste, rimangono come correnti politiche con un diverso livello di indipendenza politica e organizzativa, come Izquierda Revolucionaria (che continua praticando “entrismo sui generis” in Podemos e IU) o Lucha Internacionalista (che milita all’interno della CUP).

Stiamo parlando di organizzazioni che vanno da diverse decine a poche centinaia di militanti, con diversi livelli di intervento nella lotta di classe e nei sindacati, tra i giovani, nel movimento delle donne, ecc. Tutti, almeno a parole, difendono una politica operaia, anticapitalista e rivoluzionaria e rivendicano il retaggio teorico e politico del marxismo rivoluzionario, di Lenin, di Trotsky e della Rivoluzione d’Ottobre, nonché la lotta contro la mostruosa degenerazione burocratica dell’URSS nelle mani dello stalinismo e della tradizione della Quarta Internazionale.

Nessuna di esse, tuttavia, può rivendicare un ruolo di “partito egemonico” o di “leadership rivoluzionaria” della classe operaia in Spagna (almeno non senza cader nel ridicolo), né rappresenta un’alternativa politica valida alla crisi del neo-riformismo.

Con tutte queste organizzazioni, come CRT manteniamo diverse posizioni, sia programmatiche che teoriche e strategiche, in alcuni casi anche molto distanti (per citarne solo alcuni, su questioni internazionali del primo ordine come la valutazione dei governi “post-neoliberali” in America Latina, il rapporto tra le richieste democratiche e il programma rivoluzionario, la guerra civile in Siria o il posizionamento di fronte alla “Primavera araba”, la politica rivoluzionaria nei confronti dei sindacati, il posizionamento politico di fronte al neo-riformismo o alla sinistra indipendentista, i metodi di costruzione del partito e altro), il che denota l’esistenza di diversi gruppi e correnti. Tuttavia, riteniamo che il fallimento della strategia neo-riformista, così come il riconoscimento della debolezza della sinistra anticapitalista, ponga chi si rivendica anticapitalista e rivoluzionario davanti alla responsabilità di aprire un dibattito su una nuova alternativa politica per la sinistra in Spagna.

Allo stesso tempo esiste anche un ampio settore di attivisti sindacali e giovanili indipendenti, che non sono organizzati organicamente in nessun partito politico, ma lottano quotidianamente nella loro università, nel loro istituto, nella loro azienda, nel loro sindacato o nel loro quartiere contro gli attacchi dei padroni e del Governo. Molti di loro hanno riposto illusioni più o meno grandi in Unidos Podemos, nei cosiddetti “consigli comunali di cambiamento” o nel CUP, ma oggi attraversano un processo di riflessione e critica alla ricerca di una nuova prospettiva politica.

Tra le organizzazioni della sinistra rivoluzionaria e l’attivismo operaio e giovanile che ha resistito negli ultimi anni, indipendentemente dal neo – riformismo e da qualsiasi variante della collaborazione di classe, riteniamo che il terreno su cui aprire il dibattito debba concentrarsi sulla necessità strategica di creare un’alternativa politica rivoluzionaria per il prossimo periodo.

Rompere con la routine e aprire il dibattito su come costruire una sinistra forte, anticapitalista, rivoluzionaria e che rappresenti la classe lavoratrice

La CRT sta lottando per influenzare settori sempre più ampi della classe operaia, delle donne e dei giovani in tutto il territorio nazionale come parte della lotta per istituire un grande partito rivoluzionario e internazionalista in Spagna. Una lotta che per noi è internazionale e in primo luogo europea. Il compito di forgiare partiti forti nel vecchio continente, armati di un programma di transizione rivoluzionario come parte della lotta per costruire una rivoluzione socialista internazionale (per noi la Quarta Internazionale), è un compito vitale per affrontare la crisi dell’UE e le “alternative” reazionarie che guadagnano terreno con posizioni xenofobe e nazionaliste di fronte al fallimento delle esperienze neo-riformiste come quella greca.

Possiamo dire di essere orgogliosi di aver sostenuto e fatto parte delle principali lotte operaie dell’ultimo periodo, come la lotta degli operai di Panrico e Coca-Cola, in cui abbiamo contribuito a saldare l’unità e il coordinamento, la lotta di Movistar, dei lavoratori precari degli alberghi (Las Kellys) o dei giovani precari di Telepizza, che promuovono la campagna nazionale contro il lavoro precario #ValiamoPiùCheQuesto, per affrontare la precarietà che i padroni ci offrono. Come parte della nostra lotta contro la burocrazia sindacale, per il fronte unito dei lavoratori e l’indipendenza di classe, facciamo parte delle Marchas de la Dignidad, un unico spazio politico e sindacale lasciato con un programma progressista che negli ultimi anni ha agito come una controtendenza alla passività imposta dal neo-riformismo e dalla burocrazia sindacale.

Facciamo inoltre parte del movimento delle donne, dove abbiamo promosso un’ala anticapitalista fondando l’organizzazione socialista femminista Pan y Rosas, insieme a dozzine di lavoratrici e studentesse. Un’organizzazione internazionale di donne per combattere ogni giorno contro tutte le oppressioni di questo sistema capitalista e patriarcale. Da Pan y Rosas inoltre, insieme a compagne indipendenti e a Las Kellys, promuoviamo una grande campagna contro la violenza sessista – una catena in cui l’ultimo anello è il femminicidio –, contro la precarietà e la disuguaglianza delle condizioni di lavoro, in difesa dei diritti che abbiamo conquistato, come ad esempio il diritto elementare all’aborto libero e gratuito per tutti, e per sviluppare un grande movimento di donne nelle strade, indipendentemente dai padroni, dai loro partiti e dal loro Stato. Con questa prospettiva, l’8 marzo saremo in prima fila per fare un grande sciopero femminista, in alleanza con tutte le donne e gli uomini della classe operaia.

Allo stesso tempo, ci sforziamo di organizzare il movimento dei giovani e degli studenti e di creare correnti anticapitaliste promuovendo grandi raggruppamenti come Armas de la Critica en Madrid, che assieme a Pan y Rosas e alla lista Revoluciona tu Universidad si è appena accaparrata la maggior parte del complesso studentesco di Filosofia in UAM; No Pasaran en Barcelona, nata dal 15M sotto lo slogan di portare le assemblee nei luoghi di lavoro e di sostenere le lotte dei lavoratori; il SEI (sindacato degli studenti di sinistra), con anni di storia a Saragozza e in altre città come Vigo o Burgos. Nel portare avanti queste esperienze abbiamo formato una “rete di gruppi anticapitalisti e rivoluzionari”. In sintesi, noi proponiamo di costruire una gioventù anticapitalista e rivoluzionaria all’interno del movimento degli studenti e in particolare una gioventù anticapitalista, femminista, antirazzista e internazionalista, che difenda la validità del marxismo, che affronti il regime universitario e l’ideologia dominante professata dall’accademia, che dia impulso all’autorganizzazione e che lotti per un programma di alleanza operaio-studentesco; che conquisti l’università, facendola diventare una trincea di lotta ideologica in difesa del marxismo, come abbiamo fatto con il lancio della Catedra Libre Karl Marx in diverse città e con il lancio in Spagna del progetto editoriale Ediciones IPS – CEIP de Argentina e de La Izquierda Diario.

Il lancio di La Izquierda Diario più di due anni fa è parte di questo processo di intervento politico. Esso è stata l’inizio di un progetto audace e senza precedenti di giornalismo militante nella sinistra spagnola, con l’obiettivo di avvicinare decine di migliaia non solo alle idee anticapitaliste e classiste, ma anche all’autorganizzazione e alle esperienze di lotta delle lavoratrici e dei lavoratori. La Izquierda Diario altro non è che un giornale digitale che fa parte di una rete internazionale di giornali, che viene pubblicato in 12 paesi e in 8 lingue (spagnolo, catalano, portoghese, inglese, francese, tedesco, italiano e turco); un vero “organizzatore collettivo” internazionale, parte della battaglia quotidiana per creare una sinistra rivoluzionaria radicata nella classe lavoratrice, tra le donne e i giovani di vari paesi. Questo perché per noi l’internazionalismo non è una definizione astratta ma una pratica militante concreta. E con questa ambizione, La Izquierda Diario in pochi mesi ha raggiunto un impatto importante, superando di gran lunga l’accesso ai siti web di altre correnti che si rivendicano di sinistra rivoluzionaria.

Questi progressi sono stati sostenuti da una formazione controcorrente di un gruppo di militanti nella strategia rivoluzionaria, dall’internazionalismo e dalla lotta per portare le idee del marxismo rivoluzionario alla classe operaia e alla gioventù, in un contesto sociale in cui prevalsero in un primo momento le sconfitte dell’offensiva neoliberale e in un secondo momento le illusioni riformiste. Tutte le iniziative, i progetti e gli sforzi che abbiamo schierato negli ultimi anni dalla CRT (e prima come Clase contra Clase) sono stati messi al servizio della costruzione di un grande partito operaio rivoluzionario che superi i progetti neoriformisti. Un compito che non concepiamo come uno sviluppo evolutivo della nostra organizzazione, ma come parte di un processo di lotta politica, teorica e strategica, in cui proponiamo di discutere e convergere con altri settori di giovani, lavoratori e militanti della sinistra che si rivendica rivoluzionaria.

Con questo spirito, dal 2015 abbiamo puntato verso il fronte politico “Non hai tempo da perdere” insieme ai compagni e alle compagne IZAR, ad attivisti indipendenti e ad altre organizzazioni che affermano di essere anticapitaliste e rivoluzionarie. Per noi si tratta di un’iniziativa molto importante, anche se su piccola scala, per avanzare in un’esperienza politica pratica e di dibattito programmatico e strategico, le cui basi non sono solo mantenute attuali, ma sono rafforzate dalla crisi del neoriformismo e dall’equilibrio del “test” catalano.

Nel caldo delle lezioni catalane e in tre anni di esperienza neoriformista, la sinistra che si rivendica anticapitalista e rivoluzionaria, così come i settori più consapevoli del sindacalismo di sinistra, la gioventù combattiva e l’attivismo indipendente hanno un grosso dilemma davanti al quale ci si pone la famosa domanda di Lenin: “che fare?”.

Se la liquefazone politica all’interno del neoriformismo o la subordinazione del fronte popolare verso alcuni settori borghesi “democratici” hanno condotto solo al fallimento, l’autocompiacimento settario e l’irrilevanza non rappresentano certo un destino poi così tanto più incoraggiante per la sinistra rivoluzionaria. Proprio per questo è necessario quindi superare la routine della vita delle “piccole frazioni”, dandosi il coraggio di verificare sul terreno del dibattito programmatico e strategico, così come nella pratica politica comune e nella lotta di classe gli accordi e le divergenze.

Prima di tutto, l’alternativa è iniziare a costruire sulla base del bilancio dell’esperienza neoriformista e della sinistra indipendentista una sinistra veramente anticapitalista e di lotta di classe, che sostiene la bandiera della difesa dei diritti democratici sin dall’indipendenza di classe senza subordinarsi a nessun “campo” borghese; una sinistra che si assuma la responsabilità di organizzare i settori più sfruttati e precari della classe operaia, donne e giovani, confrontandosi con le burocrazie sindacali e politiche; che lotti per superare la frammentazione dei ranghi della classe operaia, promuovendo il fronte unico dei lavoratori e l’unificazione di tutti i settori del sindacalismo combattivo e antiburocratico; che intenda affrontare il regime del ’78 e il tentativo di restaurazione conservatrice, combattendo attraverso processi costituenti veramente liberi e sovrani, nella prospettiva di un governo dei lavoratori che espropri gli espropriatori e sostenga una libera federazione di repubbliche operaie iberiche; e che lo fa combattendo per una soluzione operaia e internazionalista alla crisi dell’Unione Europea, che non comporti il ritorno allo stato-nazione, ma piuttosto che intenda costruire gli Stati Uniti Socialisti d’Europa.

Una sinistra del genere è quella che si sta costruendo in Argentina col Frente de Izquierda y de los Trabajadores, che dirige la nostra organizzazione sorella, il PTS (Partito dei Lavoratori Socialisti), insieme ad altre organizzazioni rivoluzionarie trotskiste come il Partido Obrero e Izquierda Socialista.

Il Frente de Izquierda in Argentina è attualmente il più grande esempio a livello mondiale in cui i rivoluzionari possono ottenere influenza in vasti settori della classe operaia e della gioventù, conquistando persino posizioni elettorali forti, senza relegare un programma di trasformazione rivoluzionaria della società. E ciò è dimostrato da compagni come Nicolas del Caño, Myriam Bregman o Alejandro Vilca, che difendono apertamente un programma anticapitalista in parlamento come piattaforma per sviluppare una lotta di classe con decine di migliaia di persone che affrontano nelle strade l’aggiustamento antioperaio e la repressione del Governo Macri. Un adattamento contro i pensionati e la classe operaia, che tuttavia inizia a mostrare i suoi limiti e pone nuove sfide per la sinistra e il movimento operaio in Argentina per affrontare e sconfiggere il governo dell’imprenditore Macri.

In Spagna il persistere della crisi organica e l’esperienza che sempre più settori stanno facendo con le formazioni neoriformiste – sebbene “l’illusione” che queste generano in ampi strati sia ancora molto grande – potrebbe dar luogo a nuovi fenomeni politici sui quali potrebbe fondarsi una forte sinistra rivoluzionaria come quella che si sta costruendo in Argentina.

Con questo obiettivo, avanzare negli approcci politici e programmatici tra organizzazioni e attivisti indipendenti, stabilire un quadro per l’intervento nella lotta di classe su cui verificare accordi e differenze è per noi un compito preparatorio del primo ordine, che deve essere l’agenda di qualsiasi organizzazione che intende combattere per un’uscita rivoluzionaria e dei lavoratori dall’attuale crisi.

[…]

Traduzione di Azimuth

Fonte originale: http://www.izquierdadiario.es/Que-hacer-La-izquierda-anticapitalista-frente-al-fracaso-del-neorreformismo-en-el-Estado-espanol?id_rubrique=2653

Lascia un commento

Please enter your name.
Please enter comment.

1 2 3 4 5