Tutti i dubbi su Conte, curriculum sospetto e sostegno a metodi non scientifici

  • Category: Politica
  • Date: maggio 22, 2018

Giuseppe Conte, possibile nuovo Premier, avrebbe tarocatto il suo Curriculum e sarebbe vicino ad ambienti complottisti che sostengono il metodo Stamina, il cui metodo è stato giudicato antiscientifico e il cui autore è stato condannato a 1 anno e 10 mesi.


Di Maio e Salvini ne avevano annunciato il profilo gonfiando il petto. Nelle prime ore dalla proposta di Lega e M5S a Mattarella, Giuseppe Conte è stato presentato come un grosso esperto di diritto con un curriculum di sicure competenze.

Sono bastate 48 ore e qualche verifica da parte di giornalisti per alimentare una serie di più che ragionevoli dubbi sul (possibile) nuovo Premier italiano.

Studi in America e Austria e incarichi: tutto smentito

Nel cv depositato alla Camera, si cita “dall’anno 2008 all’anno 2012 ha soggiornato, ogni estate e per periodi non inferiori a un mese, presso la New York University, per perfezionare e aggiornare i suoi studi”.
Jason Horowitz – corrispondente in Italia per il New York Times – ha però smentito questa versione contattando direttamente Michelle Tsai, portavoce della la New York University, che ha risposto:“Una persona con questo nome non compare nei nostri archivi come studente o membro di facoltà”.

La giornalista Jeanne Perego, in un suo tweet ribadisce che “Il prof. #GiuseppeConte ha perfezionato gli studi giuridici a Vienna, all’International Kulturinstitute. Che non esiste. Esiste, invece l’Internationales Kulturinstitute , che è una scuola di lingue”. 

Il giornale Il Post ha verificato, inoltre, che Conte non ha mai ricoperto incarichi presso il “Social Justice group”. Non esiste in realtà un istituto del genere alla UE. È esistito, invece, un Social Justice in European Private Law, un collettivo istituito nei primi anni duemila coordinato dal Prof. Martijn Hesselink che ha pubblicato un Manifesto. A questo, un anno più tardi, Conte ha apposto la sua firma. Hesselink ha dichiarato “Il collettivo si è auto-costituito. Nessuno è stato designato e Conte non ne ha fatto parte”.

Il sostegno al metodo Stamina

Sulla storia di Conte, di cui politicamente non si conosce praticamente nulla, vi sono altre ombre. Una in particolare è la sua vicinanza agli ambienti della medicina c.d. “compassionevole”.

Nel 2013 Conte ha partecipato assieme a Gina Lollobrigida alla nascita di Voa Voa, un’associazione che ha raccolto fondi per Stamina Foundation Onlus. [1] La fondazione risulta essere intestata a Davide Vannoni, un laureato in scienze della comunicazione – senza nessuna competenza in campo medico – promotore del metodo Stamina. [2]
Vannoni è stato condannato a 1 anno e 10 mesi di reclusione per associazione a delinquere finalizzata alla truffa. [3]

Conte è stato inoltre il legale difensore della famiglia della piccola Sofia, una bambina affetta da una patologia denominata leucodistrofia metacromatica.
La famiglia di Sofia sosteneva il metodo Stamina, ma la somministrazione fu bloccata dalle autorità sanitarie.

In quella occasione Giuseppe Conte affermò che fosse stata “sottratta la speranza, alimentata in seguito alla prima infusione, di una migliore qualità della vita”.

La pagina su Wikipedia cancellata

Altri dubbi vengono alimentati dal fatto che nelle ore successive alla polemica la pagina su wikipedia su Giuseppe Conte è stata cancellata e poi ricaricata sul portale.

Un tecnico a capo di un governo politico

L’operazione della nomina di Giuseppe Conte è a tutti gli effetti quella della formazione di un governo tecnico sostenuto da partiti populisti, una sorta di mediazione tra le esigenze di Confindustria, le istanze reazionarie dei partiti populisti e dei settori della piccola e media impresa, e la necessità padronale di governi che prediligano il ruolo dell’esecutivo sul legislativo.

Conte, infatti, fa parte della Commissione Cultura di Confinduatria ed è stato – tra le altre cose – componente dell’Arbitro Bancario Finanziario. Inoltre, è un esperto di diritto di famiglia al diritto contrattuale, dalla responsabilità civile al diritto di impresa; è inoltre vicepresidente del Consiglio di Presidenza della Giustizia Amministrativa.

Il suo profilo è un ibrido tra interessi di Confindustria, apparati di Stato e venature populiste. Un profilo tecnopopulista che designa nuove forme di potere della borghesia, sintomatologiche di una profonda crisi organica (definizione di Gramsci) in cui riversa la società italiana. La necessità di forme di democrazia sempre più autoritarie è espressione della necessità di far tornare a crescere i saggi di profitto distruggendo salari e diritti. Ma per farlo la borghesia ha bisogno di rivoluzionare in senso reazionario le sue forme di potere attraverso un consenso passivo trasversale alle classi sociali.

In un articolo specifico sul nuovo governo, come La Voce delle Lotte spiegheremo il cambiamento avvenuto in Italia con le elezioni del 4 marzo. Una trasformazione che lo stesso Di Maio definisce – a ragione – “storica”.
Il fatto che il possibile nuovo Premier sia espressione di settori “complottisti” dell’intelligence borghese è un altro dei sintomi di una società in completa decadenza.

Douglas Mortimer

NOTE
1. Staminali, nasce Voa Voa:”Aiutiamo i bambini malati”
2. Il metodo Stamina sarebbe rivolto alla cura di malattie neurodegenerative. Si baserebbe – secondo i suoi sostenitori – sulla conversione di cellule staminali – un tipo di cellula immatura del mesoderma, adulta e senza differenziazione – in neuroni, senza alcun tipo di stimolazione. Essendo queste cellule pluri o totipotenti possono generare soltanto tessuto connettivale e non epitali o tessuto neuronale.
È stato somministrato inoculando cellule autologhe o eterologhe a pazienti malati. Una procedura che non ha avuto riscontri scientifici, non basata su prove di efficacia, pericolosa per la stessa vita dei pazienti, perchè ad altissimo rischio infettivologico.
Il protocollo di tale metodo, inoltre, non è pubblicato su nessuna rivista scientifica e non esiste alcun brevetto registrato.
3. Stamina, Vannoni patteggia 1 anno e 10 mesi 

Lascia un commento

Please enter your name.
Please enter comment.

1 2 3 4 5