Domiciliari alla coordinatrice del sindacato SLAI Cobas!

La coordinatrice nazionale del sindacato “SLAI Cobas – per il sindacato di classe” Margherita Calderazzi ha ricevuto ieri mattina all’alba, per mano dei carabinieri, il verbale di arresto della condanna a un mese di detenzione per il reato di oltraggio a pubblico ufficiale. La sentenza della Corte d’Appello del Tribunale di Taranto ribalta la sentenza di primo grado, arrivando a otto anni di distanza dalla lotta dei Disoccupati Organizzati di Taranto del 2010. La giustificazione del valore educativo “nullo” per la durata troppo breve degli eventuali servizi sociali è veramente allucinante: un mese di domiciliari senza poter parlare con nessuno all’esterno “educa” di più? La verità è che le forze dell’ordine e la magistratura si sono potute togliere un sassolino dalla scarpa a fronte di un notevole “fastidio” che la vertenza dei disoccupati tarantini, i quali avevano attirato una certa simpatia nella popolazione, aveva inflitto loro.

La nostra piena solidarietà va alla compagna Margherita: la giusta risposta a questi gravi episodi di repressione e di attacco mirato al movimento operaio non può che essere una lotta più diffusa, politica, indipendente dallo Stato, della classe lavoratrice.

Riproduciamo di seguito il comunicato prodotto dal sindacato e, scaricabile, il PDF del verbale di arresto.


Questa mattina i carabinieri hanno posto Margherita Calderazzi, in qualità di coordinatrice dello Slai cobas per il sindacato di classe, agli arresti domiciliari per 1 mese, in esecuzione di una condanna emessa a seguito della grande lotta del 2010 per il lavoro dei Disoccupati Organizzati di Taranto
Ci si poteva aspettare che il mese fosse di affidamento ai servizi sociali e invece hanno deciso per l’arresto. Ciò è ingiusto e oggettivamente grave, al di là della relativa esiguità della pena!
Si conferma che in questo sistema si persegue e arresta chi difende i diritti dei lavoratori, dei migranti, delle donne e delle masse popolari e si tratta con i guanti bianchi i padroni echi anche in posti di potere ruba miliardi, sfrutta, ammazza i lavoratori, ecc. ecc; fra l’altro questo succede a Taranto dove i grandi padroni, esponenti Istituzionali, parlamentari, ancora non hanno ricevuto neanche un giorno di condanna per aver fatto ammalare, morire, con l’inquinamento Ilva, centinaia di lavoratori e migliaia di persone, donne, bambini.
Perchè questa condanna?
Margherita Calderazzi era l’organizzatrice della lunga e dura lotta dei Disoccupati Organizzati Slai cobas sc che ebbe un suo momento di culmine nell’aprile/maggio del 2010.
Fu organizzata una tenda sotto il Comune di Taranto, un punto di autorganizzazione, di unità, di mobilitazione di tutti i disoccupati e i senza lavoro a Taranto; una Tenda che divenne nelle settimane successive un luogo di incontro, di iniziativa rivolta a tutta la città, per tutte quelle persone disoccupate che volevano reagire, conquistare un lavoro dignitoso e il proprio futuro.
Non piaceva e dava fastidio quella tenda al Sindaco dell’epoca e a tutti i benpensanti.
La tenda fu violentemente attaccata dalle forze della polizia municipale, distrutta, chi la occupava fu malmenato, alcuni ed alcune furono anche feriti.
Ma chi stava lottando non mollò, c’è chi ritiene la libertà di parola e di protesta un bene che va ben oltre la stessa paura, le stesse minacce, le stesse manganellate. Il presidio fu nuovamente organizzato… solo chi non lotta ha già perso.
L’azione dei vigili urbani del luogo andò avanti, anche nei giorni successivi, creando artatamente un clima di scontro; ma trovarono la ferma opposizione dei Disoccupati organizzati nello Slai cobas sc e naturalmente della sua coordinatrice Margherita Calderazzi.
Da qui era scaturita la denuncia-querela del Vigile contro alcuni Disoccupati Organizzati e la sua coordinatrice
L’unica strada per chi vuole imbavagliare le lotte è colpire chi non molla, con ogni mezzo, Margherita fu accusata di aver “offeso” uno dei capi dei vigili urbani del luogo non nuovo alle provocazioni verso chi lottava. Inviata immediatamente a processo, viene assolta in primo grado, e invece inopinatamente condannata in secondo grado per oltraggio a pubblico ufficiale ad un mese di detenzione.
Nelle motivazioni degli arresti domiciliari si citano fatti ed altri procedimenti penali a carico di Margherita o altrettanto esigui e già scontati o sui quali non vi è ancora nessuna condanna e in certi casi neanche un rinvio a giudizio e che comunque non c’entrano niente con lo specifico reato che origina questa condanna di un mese. Questo non è accettabile.
Per questo esprimiamo una forte protesta.
Sottrarre anche per un mese la coordinatrice in una fase di una intensa lotta
per il lavoro contro la precarietà -contro l’accordo Ilva che produce esuberi e lascia intatta l’attacco alla salute sicurezza e inquinamento-contro il razzismo e il decreto sicurezza -per la massima preparazione della manifestazione nazionale delle donne del 24 novembre
è un danno indubbio che chiama tutti a una intensificazione dell’impegno e l’iniziativa
a rendere reale la nostra parola d’ordine la repressione non ferma ma alimenta lotta e ribellione

SLAI Cobas per il sindacato di classe – Taranto
SLAI Cobas per il sindacato di classe – Coordinamento nazionale

 

15-10 verbale di arresto Calderazzi Margherita coordinatrice Slai Cobas per il Sindacato di classe

Lascia un commento

Please enter your name.
Please enter comment.

1 2 3 4 5