Condividiamo l’intervento del leader dei ferrovieri, militante di Révolution Permanente e della CCR in Francia, durante l’Atto internazionale contro il razzismo e la violenza della polizia trasmesso contemporaneamente dalla Rete internazionale dei giornali online La Izquierda Diario.


“La ribellione contro il razzismo e la violenza poliziesca negli USA è state per me una boccata d’ossigeno”

Salve a tutti, mi chiamo Anasse, sono un lavoratore delle ferrovie della regione di Parigi Nord e faccio parte di una generazione di lavoratori provenienti dai quartieri popolari e di immigrati della Francia.

Tutta la mia famiglia viene dal Marocco, mio nonno era uno di quei soldati che servivano come carne da cannone per gli interessi della Francia nelle sue guerre imperialiste.

Mio padre come me era un ferroviere, uno di quelli che venivano chiamati “chibanis” e che, essendo stranieri, venivano sempre trattati come lavoratori di seconda classe, con diritti e condizioni di lavoro e salariali inferiori a quelli dei ferrovieri francesi.

Sono cresciuto nella periferia parigina: il razzismo e la violenza della polizia, li conosco da quando ero ragazzo. Ricordo, per esempio, all’età di 13 anni, come la polizia ci ha trattato quando uscivamo da scuola, perquisendo i nostri zaini e mettendoci tutti contro il muro, per nessun altro motivo se non quello di umiliare i giovani dei quartieri popolari fin da piccoli. Mi ha colpito, come molte famiglie della nostra classe, anche il Covid-19, che si è preso uno dei miei parenti. Ecco perché la ribellione contro il razzismo e la violenza della polizia negli Stati Uniti, sullo sfondo di una pandemia e di una crisi sanitaria mondiale, è stata per me una boccata d’aria fresca. Ma soprattutto, ha cambiato la mentalità di milioni di lavoratori e di giovani negli Stati Uniti e in altri paesi.

 

“In Francia abbiamo assistito al ritorno a forme di auto-organizzazione che non vedevamo da molti anni”

In Francia abbiamo appena vissuto una particolare stagione politica. Quest’anno, infatti, è stato caratterizzato da un’intensa lotta contro la riforma delle pensioni, guidata dal settore dei trasporti per 60 giorni, e da un ritorno a forme di auto-organizzazione che non vedevamo da molti anni. Questa stessa sequenza è stata seguita in Francia ma anche a livello internazionale da una crisi sanitaria storica, che, al di là dei problemi di salute e dell’esplosione del tasso di mortalità nei quartieri popolari, ha rivelato in modo importante le disuguaglianze sociali e razziali, che potrebbero anche essere descritte come un rafforzamento degli antagonismi di classe, tra una borghesia comodamente confinata e una gran parte della classe operaia esposta, con la gioventù precaria in prima linea.

Il ruolo centrale del proletariato non è mai stato così visibile su larga scala, la borghesia non è mai stata in grado di rendere invisibili gli eroi della classe operaia, come gli addetti alle pulizie, i cassieri, i fattorini e ancor più gli operatori sanitari o del servizio pubblico. Abbiamo potuto vedere all’inizio della quarantena in vari settori piuttosto arretrati nelle ultime sequenze di lotta di classe, fenomeni di astensione collettiva dal lavoro per chiedere l’arresto della produzione non essenziale.

Mentre la crisi economica si sta intensificando in Francia e abbiamo visto più di 500.000 disoccupati in più nel primo trimestre e una serie di annunci di massicci piani di licenziamento nelle grandi imprese, non è ancora sul terreno del movimento operaio organizzato che abbiamo visto le prime vere esplosioni. Questa esplosione ci è giunta dagli Stati Uniti in seguito alla morte di George Floyd, che ha suscitato rabbia in tutto il mondo, con grande intensità, e in Francia in particolare con l’emergere di una generazione che unisce giovani razzializzati dei quartieri popolari e giovani delle grandi città, ribelli alla violenza della polizia e al razzismo di Stato.

Da settimane sentiamo membri del governo e giornalisti al servizio della classe dominante che ci spiegano che quello che sta succedendo negli Stati Uniti non ha nulla a che vedere con la situazione in Francia e che sarebbe un peccato fare il paragone con il “paese dei diritti umani”. Dimenticano deliberatamente parte del passato della Francia, quello dei massacri commessi nelle sue ex colonie, da Santo Domingo all’Algeria, e che hanno dato alla Francia un tale know-how in termini di repressione che ha potuto esportarlo in altri paesi, in particolare in America Latina, oltre che utilizzarlo nei suoi quartieri popolari.

Non per niente, quindi, lo slogan Black Lives Matter ha trovato un’eco così rapida nella lotta per la Giustizia e la Verità per Adama Traoré, il Comitato portato avanti da Assa Traoré, sorella di Adama, che è diventata la musa dell’antirazzismo in Francia, ma anche riconosciuta in altri paesi, poco tempo fa premiata ai BET Awards. Ha riunito lì decine di migliaia di persone per denunciare la violenza della polizia e il razzismo di Stato, nonché lo stretto legame tra la morte del fratello e quella di George Floyd, morto asfissiato per mano della polizia.

 

“La polizia come istituzione, così come il governo Macron, devono far fronte a una vasta sfiducia dal basso”

Per 40 anni non abbiamo visto fenomeni così importanti sul fronte antirazzista. È anche la prima volta che un movimento totalmente indipendente dal regime e dallo Stato riesce a riunire così tante persone, soprattutto con nuove alleanze costruite negli ultimi 4 anni. Per fare un esempio, dovremmo considerare che la prossima marcia commemorativa per Adama Traoré il 18 luglio sarà con le organizzazioni giovanili per il clima e quella del 2019 aveva fra le sue fila i gilet jaunes. Noi stessi, negli ultimi 4 anni, abbiamo sviluppato con loro legami forti e fiduciosi, in particolare con una manifestazione congiunta nel 2018, in cui abbiamo chiesto congiuntamente alla classe operaia e ai quartieri popolari di unirsi al movimento dei gilet jaunes fin dall’inizio intorno a quello che è stato conosciuto come il Polo Saint-Lazare.

Per il momento, se le parole d’ordine per lo scioglimento dell’istituzione di polizia non si sono ancora consolidate, come si vede negli Stati Uniti, resta il fatto che l’ultimo grande giro di vite contro i gilet jaunes o contro i lavoratori dei trasporti pubblici, molti dei quali sono anche razzializzati e provengono dai quartieri popolari, ha permesso oggi in Francia una polarizzazione politica a sinistra, mettendo così in discussione il sistema istituzionale e non, come in passato, derubricando a violenza o razzismo individualizzato.

La crisi organica qui si sta intensificando, e sia l’istituzione di polizia che il governo Macron stanno affrontando un crescente livello di sfiducia dal basso. Le ultime elezioni comunali lo hanno confermato ancora una volta con una sconfitta insolita per un partito al potere, che testimonia quanto il governo sia detestato tra le classi popolari, e la difficoltà che dovrà affrontare i prossimi scontri di lotta di classe.

Ma la crisi del macronismo non deve andare a vantaggio di progetti reazionari come quello di Marine Le Pen e del Reassemblement National. Su un altro livello, l’alternativa che i vecchi partiti della sinistra istituzionale come i Verdi e il Partito Socialista stanno cercando di costruire sulla base dei loro buoni risultati a livello comunale non può che portare a nuove delusioni per i lavoratori. È in questo senso che come Révolution Permanente abbiamo combattuto affinché l’NPA, che ha appena eletto uno dei suoi principali portavoce operai, Philippe Poutou, al Consiglio Comunale di Bordeaux, diventi uno strumento per la costruzione di un vero partito rivoluzionario di lotta in Francia, integrando varie tradizioni dell’estrema sinistra, oltre che parte dell’avanguardia emersa nella lotta di classe che si sta svolgendo nel paese dal 2016.

Il ruolo dei rivoluzionari in questo periodo sarà quello di porre più che mai l’urgenza di strappare il potere dalle mani della borghesia, per una trasformazione sociale, al fine di porre fine al capitalismo, al razzismo e al patriarcato. Ma per questo dovremo lottare contro le politiche capitalistiche che cercano di opporsi ai proletari di diversi paesi facendo dell’immigrato o del lavoratore del paese vicino il capro espiatorio della miseria di cui i capitalisti stessi sono gli unici responsabili.

Ma dobbiamo anche lottare contro le politiche della direzione sindacale burocratica che dividono le lotte, isolando i lavoratori nel corporativismo e in una lotta puramente economicista. Dobbiamo lottare per l’emancipazione di tutti i lavoratori e dell’umanità, contro il razzismo, l’oppressione e lo sfruttamento. Per questo motivo ci battiamo perché organizzazioni del movimento operaio, a cominciare dai nostri stessi sindacati, lottino contro il razzismo sistemico e la violenza della polizia. Questo è l’unico modo per costruire alleanze tra i giovani e i lavoratori spesso precari dei quartieri popolari e i lavoratori delle grandi aziende, per strappare il potere dalle mani dei capitalisti e gettare le basi di una nuova società senza sfruttamento e oppressione.

È dunque nell’unità della nostra classe, in ogni paese, oltre che a livello internazionale, che dobbiamo lottare. Abbiamo visto fino a che punto i confini imposti dalla borghesia non sono quelli della lotta di classe. Abbiamo appena avuto l’esempio della situazione negli Stati Uniti con la morte di George Floyd, ma abbiamo anche visto di recente come il movimento dei gilet jaunes in Francia abbia aperto la strada a una nuova ondata di lotte in Cile, Ecuador, Libano o Algeria.

Questo incontro internazionalista fa eco a questa realtà di una lotta di classe sempre più internazionale, e pone la necessità di costruire un’organizzazione mondiale rivoluzionaria, con un programma offensivo per difendere la sopravvivenza della nostra classe e per definire a lungo termine, come direbbe Trotsky, “Chi dovrebbe essere il padrone di casa”, e per strappare il potere a quella manciata di parassiti, che quando non sfruttano i proletari, li lasciano morire durante le epidemie, come nelle guerre o nei disastri climatici causati da loro stessi, per i propri interessi.

Il prossimo periodo sarà caratterizzato da una grave crisi economica, unita a una persistente crisi sanitaria, oltre che dalle esperienze della recente lotta di classe, ancora fresche nella memoria collettiva della nostra classe. Non abbiamo dubbi sull’intensità della lotta di classe in Francia, e anche su scala internazionale, nel prossimo periodo. È quindi strategicamente e politicamente che dobbiamo prepararci, non tanto alla lotta per la lotta, ma soprattutto a conquistare vittorie che preparino il rovesciamento della borghesia su scala mondiale. È a questo compito emozionante, indispensabile per la nostra sopravvivenza che vi invitiamo a partecipare.

E a nome di Révolution Permanente vogliamo porgere il nostro saluto rivoluzionario a tutti gli spettatori di questo incontro internazionale della Frazione Trotskista.