Condividiamo l’intervento del medico di New York e attivista di Left Voice durante l’Atto internazionale contro il razzismo e la violenza della polizia trasmesso in contemporanea dalla Rete internazionale dei giornali online La Izquierda Diario.

Salve compagni, mi chiamo Mike Pappas, sono un medico di New York e membro di Left Voice. Quando sono entrato a Medicina, volevo fare il medico per poter aiutare la gente. Ma cosa faccio quando, durante la pandemia, mi occupo di un paziente che ha un’insufficienza respiratoria, che sta per essere attaccato a un respiratore e mi chiede: “Chi pagherà per questo?”

Un altro mio paziente, 45 anni, ha preso un appuntamento proprio per parlare di Covid-19. Era molto preoccupato perché il suo anziano padre, con cui viveva e di cui si prendeva cura, aveva molte malattie croniche che lo mettevano a rischio di morire di Covid-19 se l’avesse avuto, e mi disse: “Ho paura di portare il Covid a casa e di uccidere mio padre”. Doveva andare al lavoro per pagare l’affitto, il cibo e le bollette. 

L’ultimatum del capitalismo americano: lavorare e rischiare la salute; o non lavorare e rischiare la sopravvivenza. Questo è il caso di milioni di lavoratori “essenziali” negli Stati Uniti che lavorano nei magazzini, nelle consegne, nei trasporti, nell’industria della carne, negli ospedali e nei campi a raccogliere frutta. Questi lavoratori sono sproporzionatamente neri, di colore, asiatici e senza documenti

Le comunità di afroamericani e latinos: le più colpite dalla pandemia

Le comunità di colore più colpite dalla brutalità della polizia razzista e dall’incarcerazione di massa, dalla disoccupazione e dalla precarietà abitativa, dall’inquinamento e dagli ambienti tossici, hanno anche il doppio delle probabilità di morire di coronavirus. Il Covid-19 non fa altro che ingigantire il razzismo sistemico che è sempre stato il fondamento del capitalismo statunitense, forgiato dalla schiavitù dei beni mobili.

Nelle ultime settimane, abbiamo assistito a una rivolta contro “la pandemia all’interno della pandemia” – il razzismo sistemico e la polizia che giustiziano impunemente 1000 persone all’anno. 

La classe dominante ha bisogno della repressione razzista della polizia. La polizia protegge la proprietà privata, non le persone, e la classe dominante ne ha bisogno ora più che mai per mantenere l’attuale ordine economico. 

Le mobilitazioni di massa dopo l’assassinio di George Floyd hanno trasformato la scena politica. Noi operatori sanitari abbiamo condannato senza se e senza ma il terrore poliziesco e ci siamo uniti alle proteste. Abbiamo visto aumentare la brutalità della polizia nella misura in cui la gente si è mobilitata. Sono stato arrestato illegalmente dalla polizia di New York mentre facevo volontariato come medico.

Alla disastrosa gestione della pandemia da parte di Trump è seguita la più grande crisi economica dai tempi della Grande Depressione. Il governo ha battuto tutti i record con il suo salvataggio per le grandi imprese e ha utilizzato gli avanzi per mitigare l’impatto sull’occupazione e sul reddito dei lavoratori. Quasi 20 milioni di persone rimangono senza lavoro anche dopo la riapertura, il che significa che la maggior parte di loro rimane senza assistenza sanitaria. 

Mentre noi operatori sanitari sacrifichiamo letteralmente le nostre vite in prima linea per assistere i pazienti affetti da COVID-19, spesso privi di attrezzature adeguate, il partito repubblicano dà la priorità all’economia e manda i lavoratori a morire sul posto di lavoro. Questo dimostra che il governo si preoccupa solo di Wall Street. Cercano disperatamente un rimbalzo dell’economia, ma siamo noi, lavoratori, a pagarne il costo con le nostre stesse vite.

Francamente, il partito democratico non è migliore. Mentre Trump trasuda retorica razzista ogni volta che apre bocca, i governatori e i sindaci democratici davano libero sfogo ai loro dipartimenti di polizia per reprimere le proteste – la brutale repressione che si è verificata al momento del mio arresto è avvenuta con il sostegno di un sindaco democratico e di un governatore democratico. I Democratici al Congresso o coloro che si candidano per la carica rendono servizio a parole ai manifestanti, ma sono altrettanto responsabili del mantenimento di un sistema di oppressione e disuguaglianza che perpetua la povertà, il razzismo e la brutalità della polizia.

Trump ha scatenato attacchi contro gli immigrati, si è vantato della costruzione del muro al confine con il Messico e ha tenuto i bambini in gabbia, bloccando nel contempo il nuovo arrivo dei rifugiati dall’America centrale – attraverso un accordo con il presidente messicano Lopez Obrador. Biden e Trump incolpano la Cina per la crisi economica e per la pandemia, o i lavoratori messicani per i bassi salari. Il governo cinese non è amico dei lavoratori, con la sua repressione contro i manifestanti di Hong Kong. Ma quello che i democratici e i repubblicani nascondono è che sono i capitalisti americani, con il governo dalla loro parte, a mantenere i salari a livelli di povertà e condizioni di lavoro precarie. 

La nostra lotta di fronte alla pandemia

Dalle pagine della rete internazionale di Left Voice-La Izquierda Diario- (e con le organizzazioni politiche che animano i giornali della rete), abbiamo proposto un programma radicalmente diverso per affrontare la pandemia: abbiamo lottato per tamponi di massa ovunque, DPI adeguati, congedi retribuiti e congelamento dei licenziamenti, nazionalizzazione di tutta l’assistenza sanitaria sotto il controllo dei lavoratori, e comitati dei lavoratori in tutti i luoghi di lavoro per garantire la nostra sicurezza.

La classe lavoratrice sta sopportando il peso della pandemia ed è bersaglio di una repressione razzista da parte della polizia. Siamo la maggioranza della popolazione e siamo noi che facciamo girare tutto. 

Negli ultimi 2 mesi, c’è stato un drammatico aumento degli scioperi e delle azioni sul posto di lavoro. I lavoratori dei porti hanno chiuso 29 porti lungo la costa occidentale in solidarietà con il movimento contro il terrore poliziesco. I lavoratori stanno alzando la testa non solo per lottare per la sicurezza sul lavoro, ma anche per protestare contro la brutalità razzista della polizia. 

Il potere di sconvolgere l’economia è nelle nostre mani.

Stiamo assistendo a un cambiamento a sinistra nella situazione politica, con molti sindacati che si mobilitano per le vite dei neri e votano per cacciare i sindacati di polizia dall’AFL-CIO. Il futuro prossimo è maturo di crisi e contraddizioni – probabilmente vedremo più disordini sociali e lotte di classe. Questo ci aprirà l’opportunità di riprenderci le nostre organizzazioni, i sindacati, che sono stati dirottati da una burocrazia marcescente che lega i nostri destini ai partiti dei padroni e gioca secondo le loro regole.

Sono i militanti di base che possono portare a termine il compito di democratizzare e rivitalizzare i nostri sindacati, mettendo da parte i burocrati conservatori. Un compito difficile ma strategico per i socialisti di oggi. Dobbiamo riprenderci i nostri sindacati e trasformarli in organizzazioni di lotta di classe militante. Un pezzo centrale di questa battaglia è cacciare i poliziotti dai nostri sindacati. Dobbiamo guidare la carica membri del consiglio sindacale della King county, della Writers’Guild East e della PSC-CUNY, che hanno spinto per queste risoluzioni nei loro sindacati. La polizia è il nostro nemico di classe. Non hanno posto nella casa dei lavoratori. 

Ma dobbiamo andare oltre. Abbiamo bisogno di un partito di lavoratori e della popolazione di colore, indipendente dai Democratici e dai Repubblicani; un partito che combatta per il socialismo.

Posso solo immaginare l’enorme differenza che farebbe se nell’attuale clima politico ci fosse un partito veramente rivoluzionario per le strade insieme alla classe operaia.

Con Left Voice, stiamo cercando di aiutare a preparare un terreno fertile per la crescita di un tale partito negli Stati Uniti. Un partito che possa guidare la lotta per una società in cui le risorse siano distribuite secondo la necessità e non per profitto e in cui le prigioni e la polizia, possano essere eliminate definitivamente.