Guarda e leggi i discorsi degli oratori della Frazione Trotskista dell’atto internazionale dello scorso 11 luglio, presentati da Nicolás del Caño e Myriam Bregman del PTS argentino: interventi da Stati Uniti, Francia, Bolivia, Cile, Germania, Brasile e Regno Unito.


Julia Wallace, fondatrice di Left Voice – Stati Uniti:

“I partiti capitalisti non elimineranno il razzismo e la brutalità della polizia”

 

Anasse Kazib, portavoce dei ferrovieri e militante di Révolution Permanente e CCR – Francia:

“La pandemia mostra il ruolo centrale della classe operaia”

 

Mike Pappas, medico di New York e attivista di Left Voice – USA:

“Le mobilitazioni per George Floyd hanno trasformato la scena politica”

 

Marcello Pablito, giovane leader del sindacato dell’Università di San Paolo e militante del MRT – Brasile:

“Il razzismo si approfondisce con lo sfruttamento capitalistico”

 

Maryam Alaniz, militante di Left Voice – Stati Uniti

“In America vogliamo i nostri candidati socialisti indipendenti”

 

Leticia Parks, direttrice di Esquerda Diario Brasil, militante del MRT e dirigente della corrente nera Quilombo Vermelho – Brasile:

“In Brasile, viviamo in un regime protetto dalle Forze Armate”

 

Yunus Özgür, figlio di immigrati e militante del gruppo RIO – Germania:

“I capitalisti usano le divisioni razziste e sessiste per massimizzare i loro profitti”

 

Camila Delgado, dirigente sindacale nel commercio a Temuco e militante del PTR – Cile:

“Per le strade del Cile abbiamo visto la forza della classe operaia e dei giovani”

 

Carlos Cornejo, giovane indigeno, militante della LOR-CI – Bolivia:

“In Bolivia, Áñez mantiene una politica di privatizzazione e di usurpazione sanitaria”

 

Alejandra Ríos, docente universitaria, corrispondente di La Izquierda Diario – Gran Bretagna:

L’omicidio di Floyd ha ispirato proteste in tutto il mondo contro il razzismo”

 

Celeste Fierro, MST, e Juan Carlos Giordano, IS:

Saluti dei dirigenti del FT all’atto internazionale contro razzismo e violenza poliziesca