Stati Uniti e Corea Del Nord: Concessioni e riconoscimenti a Kim Jong Un

Trump può dirsi orgoglioso di questo incontro storico, ma per ottenerlo ha dovuto conferire una concessione che era totalmente impensabile fino a qualche mese fa.

Poco contenuto e molta pesantezza nella messa in scena dell’incontro tra Kim Jong Un e Trump. Malgrado il peso simbolico dell’incontro, bisogna accettare l’evidenza: la Corea del Nord è, e resterà, una potenza nucleare, che gli Stati Uniti ormai riconoscono come interlocutore legittimo.

In realtà, il contenuto dell’accordo risiede più nella ripresa delle relazioni bilaterali tra i due paesi. Poichè la Corea non ha realmente rinunciato alla deterrenza nucleare, si può dubitare che l’accordo declini a causa di progressi concreti. Certamente, Kim Jong Un ha accettato di distruggere alcune testate nucleari sotto l’occhio attento delle telecamere. Ma nulla che induca ad un “suicidio politico” del dittatore coreano.

Bisogna ricordarsi delle minacce pronunciate da John Bolton alcuni giorni fa ricordando il destino di Muammar Gheddafi in Libia. Incarnando la linea neoconservatrice sul terreno esterno, Bolton e con lui i “falchi”, partigiani della dura linea del Dipartimento di Stato, cercarono di silurare l’incontro.

Da parte loro, gli Stati Uniti hanno fatto promesse e autorizzato delle concessioni economiche, senza mettere da parte la penisola sudcoreana. Ma ciò che spicca, oltre all’eccitazione di Trump per abbellire il successo, è in effetti il riconoscimento della Corea del Nord come membro del club delle potenze nucleari. In altre parole, quest’ultimo doveva “inghiottire un serpente” per evitare di essere trascinato in un conflitto militare imprevedibile e difficile da vincere all’inizio del mandato.

È questo il risultato di anni di guai e provocazioni politiche da parte della potenza leader mondiale nella penisola coreana per il regime di restaurazione della Corea del Nord, ogni volta spinto un po’ più in profondità in una posizione aggressiva e un programma per sviluppare un arsenale nucleare per uso difensivo.

Per il momento, la situazione del “congelamento per congelamento”, che significa l’arresto di test nucleari e missili a lungo raggio sul lato nord-coreano e il congelamento delle manovre militari organizzate dagli Stati Uniti e dalla Corea del Sud, a lungo desiderato dalla Corea del Nord e sostenuto attivamente da Cina e Russia, apre la strada alla riconciliazione tra le due Coree.
Ma in realtà, la dinamica della cooperazione inter-coreana, innescata dalla lettera di Kim Jong-Un al suo vicino del Sud, alla partecipazione dei due paesi ai Giochi Olimpici e al recente incontro tra i due leader coreani, era già in atto prima dell’intervento di Trump. Gli Stati Uniti non avevano altra scelta se non quella di partecipare. L’amministrazione nordamericana ha cercato di far fronte al risultato che conosciamo oggi.

Per ora, l’eliminazione delle tensioni tra Stati Uniti e Corea del Nord preclude ancora la possibilità della riunificazione coreana a breve e medio termine, ma incoraggerà la Corea del Nord a perseguire riforme economiche che potrebbero assumere una forma simile a quelle messe in atto dalla Cina sotto Deng Xiaoping. Secondo l’economista Michel Fouquin “alcuni osservatori ritengono che la crescita economica è stata forte in Corea del Nord dal 2014, grazie ad una legge di revisione dello statuto di società. Questa legge ha consentito agli agricoltori di vendere sul mercato domestico il 30% della loro produzione, e ha ridotto il ruolo del partito nella gestione delle imprese, dando loro la possibilità di lavorare direttamente con le altre compagnie sulla base di prezzi negoziati e non più tassati.” Le maggiori compagnie sudcoreane come Lotte, Hyundai si stanno già preparando per le sanzioni post-Corea del Nord, così come i settori alberghiero e delle telecomunicazioni, che stanno valutando opportunità potenziali.

Inoltre, a medio termine, la principale superpotenza mondiale cercherà certamente di allontanare Pyongyang da Pechino. Non tanto attraverso le concessioni economiche, perché in questo campo è difficile eguagliare i giganti asiatici, ma soprattutto diventando il garante della sicurezza della Corea del Nord contro la Repubblica popolare cinese. In effetti, non è un caso che, lo stesso giorno in cui gli Stati Uniti hanno ceduto a Pyongyang, la nuova sede dell’American Institute sia stata inaugurata a Taipei, di fatto un’ambasciata americana nell’isola di Taiwan. Tutto suggerisce che è quest’isola, che Xi Jinping vuole recuperare entro il 2049, che sarà la punta dello scontro geopolitico tra Stati Uniti e Cina.

Fote: RevolutionPermanente
Articolo a cura di Juan Chingo
Traduzioni a cura di Annalisa Esposito

Lascia un commento

Please enter your name.
Please enter comment.

1 2 3 4 5

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.