Gli universitarə della Rete Salernitana per la Palestina in occasione della giornata di sciopero generale per la Palestina del 23 febbraio e della manifestazione nazionale prevista a Milano il 24 febbraio hanno dato vita al comitato Unisa_Palestina, promuovendo una campagna di boicottaggio contro gli interessi economici che legano l’Università degli Studi di Salerno, allo Stato sionista d’Israele ed all’industria bellica.

Venerdì 16 febbraio circa 30 universitarə, sostenuti da alcuni lavoratori locali, hanno promosso pubblicamente la nascita del comitato Unisa_Palestina e lanciato la campagna di boicottaggio volta a rompere i legami che l’Università intrattiene con Israele e l’industria militare.

volantino_unisaxpalestina

Gli attivistə hanno promosso varie azioni che hanno coinvolto l’intero ateneo salernitano:

L’esposizione della maxibandiera palestinese da un edificio dell’Università che affaccia sulla piazza principale del Campus: Piazza del Sapere.

Striscioni di solidarietà per i compagnə e gli attivistə manganellati sotto le sedi Rai di varie città d’Italia.

Uno striscione realizzato assieme alle donne e alla comunità lgbqt+ salernitana con cui la Rete sta facendo un importante lavoro di convergenza verso l’otto marzo.

Striscioni di adesione allo sciopero generale per la Palestina del 23 febbraio e alla manifestazione nazionale del 24 Febbraio a Milano.

La Rete Salerno_Palestina e il comitato Unisa_Palestina aderiscono convintamente allo sciopero generale per la Palestina del 23 febbraio e alla manifestazione nazionale per la Palestina del 24 febbraio prevista a Milano.
Di grande importanza è l’adesione di circa 30 docenti dell’Università degli Studi di Salerno alle giornate di mobilitazione generale del 23 e del 24 febbraio.
Questo il testo del documento firmato Docenti Unisa in solidarietà con la Palestina.
La giornata di sciopero del 23 febbraio si svolgerà a Napoli dove i giovani palestinesi hanno indetto un corteo che partirà da p.zza Garibaldi ed attraverserà le strade del capoluogo partenopeo.
I compagnə salernitani si sono dati appuntamento per le ore 13:30 presso lo stazione ferroviaria di Salerno per partire in treno alle ore 14:00 con il treno regionale diretto a Napoli e partecipare al corteo con un proprio spezzone.

Per la giornata del 24 una delegazione della Rete parteciperà al corteo di Milano, e nel tardo pomeriggio a Salerno ci sarà un presidio in p.zza Caduti civili di Brescia, previsto per le 18:00, seguito da una raccolta fondi per il popolo palestinese che si terrà alle ore 20:00 presso il Circolo Arci Marea in via Davide Galdi n.10.

Invitiamo tutti i compagnə e gli attivistə della provincia di Salerno a partecipare al corteo di Napoli del 23 Febbraio insieme alla Rete Salernitana per la Palestina ed al presidio del 24 Febbraio previsto alle ore 18:00 in p.zza Caduti civili di Brescia in sostegno alla manifestazione di Milano a cui seguirà una raccolta fondi presso il Circolo Arci Marea per la popolazione palestinese vittima di genocidio.

 

Giuseppe Perozziello

Nato a Salerno nel 1994, vive Mercato San Severino, dove ha partecipato al movimento dell'Onda ed è stato rappresentante degli studenti del liceo Virgilio. In seguito, partecipa alle lotte e alle esperienze di autorganizzazione operaia in Campania.
Lavoratore precario e studente di filosofia all'Università di Salerno (Fisciano), è tra i fondatori de La Voce delle Lotte e della Frazione Internazionalista Rivoluzionaria. Attivista sindacale tra le fila del SI Cobas.