È iniziato il primo giorno delle 48 ore di sciopero nel colosso multinazionale del e-commerce, Amazon, in Spagna.
Con un picco di adesione di oltre il 98% e con un picchetto di oltre 200 facchini, il magazzino di San Fernando de Henares è stato completamente paralizzato.

 

Il Governo Rajoy non ha esitato a inviare le truppe dello Stato, ma la determinazione dei lavoratori ha garantito la tenuta del picchetto.

I facchini del comitato di fabbrica di Amazon appartenenti al sindacato Ver.di hanno inviato una delegazione dalla Germania per portare la propria solidarietà internazionalista alla lotta dei loro colleghi.

Diversi collettivi e gruppi si sono uniti sin dalle prime ore del mattino al picchetto dei lavoratori, tra questi la Corriente Revolucionaria de los Trabajadores, l’organizzazione femminista Pan y Rosas e un gruppo di operai della Coca Cola, che sono stati accolti con un’ovazione dai facchini. Un gran momento di unità dei lavoratori al di là delle appartenenze di categoria.


Inoltre, i referenti dei comitati di fabbrica sia della Spagna che della Germania hanno inviato un messaggio di solidarietà ai facchini della GLS di Roma, rispondendo a un messaggio inviatogli. Alla GLS si è in sciopero contro i comportamenti antisindacali dell’azienda in tutta la filiera.


Douglas Mortimer