Giovedì oltre 200 milioni di lavoratori hanno tenuto uno sciopero generale di un giorno in India. A loro si sono uniti gli agricoltori in azioni di massa in tutto il paese contro il governo di destra di Narendra Modi. Che cosa hanno rivendicato?


Giovedì scorso, circa 200 milioni di lavoratori hanno tenuto uno sciopero generale di un giorno in India. Questa giornata di azione di massa è stata indetta da 10 sindacati e da oltre 250 organizzazioni di contadini ed è stata accompagnata da massicce proteste e dalla quasi totale chiusura di alcuni stati indiani. Secondo l’appello lanciato dai sindacati, lo sciopero generale è stato organizzato contro “le politiche anti-popolari, anti-lavoratori, anti-nazionali e distruttive del governo del BJP guidato dal Primo Ministro Narendra Modi”.

Ecco alcune delle loro rivendicazioni:

  • Ritiro di tutte le “leggi anti-agricoltori e dei codici del lavoro anti-lavoratori”;
  • Versamento di 7.500 rupie nei conti di ogni famiglia povera, già esente dalle tasse;
  • Fornitura mensile di 10 kg di cibo alle famiglie bisognose;
  • L’espansione del MGNREGS (Mahatma Gandhi National Rural Employment Guarantee Act del 2005) per stabilire 200 giorni lavorativi all’anno, salari più alti e l’estensione della legge alle industrie urbane;
  • Interrompere la “privatizzazione del settore pubblico, compreso il settore finanziario, e fermare la privatizzazione delle aziende manifatturiere e dei servizi gestiti dal governo, come le ferrovie, le fabbriche di munizioni, i porti, ecc.”;
  • Il ritiro del “pensionamento forzato draconiano forzato e prematuro dei dipendenti del governo e del PSU (settore pubblico)”;
  • Pensioni per tutti, la soppressione del sistema pensionistico nazionale e la reimposizione del precedente piano di previdenza, con modifiche.

Hanno aderito allo sciopero i lavoratori di quasi tutte le principali industrie indiane – tra cui acciaio, carbone, telecomunicazioni, ingegneria, trasporti, porti e banche. Anche studenti, lavoratori domestici, tassisti e altri settori hanno partecipato alla giornata nazionale di azione.

Oltre alle richieste dello sciopero a livello nazionale, alcuni settori hanno fatto richieste specifiche all’industria per combattere gli attacchi del governo alle loro industrie che colpiscono l’intera classe operaia indiana. Per esempio, i dipendenti delle banche stanno combattendo contro la privatizzazione delle banche, l’outsourcing, e per una riduzione delle spese di servizio e l’azione contro le grandi inadempienze aziendali.

Altre industrie hanno inquadrato le loro richieste nel contesto della terribile risposta del governo alla pandemia e alla crisi economica che ha colpito l’India. Come ha dichiarato l’Università di Bombay e il Collegio dei docenti dell’Unione degli insegnanti di Bombay:

Questo sciopero è contro la devastante crisi sanitaria ed economica scatenata dal COVID-19 e l’isolamento dei lavoratori del paese. La situazione è stata ulteriormente aggravata da una serie di leggi anti-popolari sull’agricoltura e dal codice del lavoro emanato dal governo centrale. Insieme a queste misure, la Politica Nazionale dell’Istruzione (NEP) imposta alla nazione durante la pandemia causerà un ulteriore danno irreparabile all’equità e all’accesso all’istruzione.

Lo sciopero generale è avvenuto nel contesto della devastazione causata dalla pandemia di coronavirus in India. L’India ha registrato più di 9,2 milioni di persone infettate dal Covid-19, il secondo conteggio più alto del mondo. Dall’inizio della pandemia, secondo i dati ufficiali, sono morte quasi 135.000 persone. È probabile che i numeri siano molto più alti. A questo si aggiungono i milioni di persone che hanno perso il reddito e che ora devono affrontare una maggiore povertà e fame, in un Paese dove già prima della pandemia il 50% di tutti i bambini soffriva di malnutrizione.

La pandemia si è diffusa dalle grandi città come Delhi, Mumbai e altri centri urbani alle zone rurali dove l’assistenza sanitaria pubblica è scarsa o inesistente. Il governo Modi ha gestito la pandemia dando priorità ai profitti delle grandi imprese e proteggendo le fortune dei miliardari piuttosto che proteggere le vite e i mezzi di sussistenza dei lavoratori.

Per resistere a questi attacchi – molti dei quali iniziati già prima della pandemia – gli agricoltori e i lavoratori rurali hanno protestato per diversi mesi. La scorsa settimana si sono uniti allo sciopero nazionale, organizzando azioni in tutto il paese. I piccoli contadini di tre grandi stati dell’India basati sull’agricoltura hanno marciato fino a Delhi per protestare contro le leggi approvate dal governo di Modi che avrebbero permesso una maggiore libertà aziendale e l’agricoltura industriale. Sono stati accolti con gas lacrimogeni e brutale repressione da parte della polizia all’ingresso a Delhi.

Il governo nazionalista e di destra ha usato la pandemia per intensificare la persecuzione dei musulmani e dei lavoratori migranti. Ad aprile, a New Delhi, i lavoratori migranti che tornavano a casa dopo essere stati bloccati dalla serrata nazionale sono stati brutalmente innaffiati con la candeggina usata per disinfettare gli autobus.

Modi ha anche intensificato la sua retorica nazionalista, soprattutto contro la Cina, nel tentativo di capitalizzare la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina e di approfondire la sua cooperazione strategica e militare con gli Stati Uniti.

In mezzo alla miseria creata da decenni di neoliberalismo e aggravata dalla pandemia, i leader sindacali hanno indetto lo sciopero per permettere ai lavoratori di esprimere il loro malcontento contro il governo. Questo sciopero di un giorno ha dimostrato la rabbia della classe operaia e l’unità degli agricoltori, dei lavoratori e degli studenti. Tuttavia, uno sciopero generale di un giorno non è sufficiente per imporre tutte le ambiziose richieste avanzate dai lavoratori e dagli agricoltori. La classe operaia indiana deve lottare per espandere lo sciopero, contro i leader sindacali stalinisti della Centrale dei sindacati indiani (CITU) e dell’All-India Trade Union Congress (AITUC), che cercano di regnare nella rabbia della classe operaia con manifestazioni puramente simboliche.

Senza dubbio, questa massiccia azione coordinata dimostra il grande potenziale di unità d’azione della classe operaia e dei contadini indiani. Serve da ispirazione per i lavoratori di tutto il mondo per usare uno dei nostri più grandi strumenti contro i capitalisti: lo sciopero.

 

Maria Aurelio

Traduzione da Left Voice