I fatti si sono verificati nel contesto della presa di Aksum, una città nel nord della regione, da parte di soldati etiopi ed eritrei lo scorso novembre.


“Centinaia di civili” sono stati massacrati nel Tigray, nel nord dell’Etiopia, nel novembre dello scorso anno, probabilmente da soldati eritrei.

È quanto ha denunciato giovedì Amnesty International, che ha raccolto nel suo rapporto testimonianze di sopravvissuti rifugiati nel vicino Sudan o contattati per telefono e immagini satellitari da Aksum, una città nel nord del Tigray.

Per Deprose Muchena, direttore regionale dell’organizzazione per l’Africa orientale e meridionale, “le prove sono schiaccianti e portano a una conclusione terrificante: le truppe etiopi ed eritree hanno commesso molteplici crimini di guerra nella loro offensiva per prendere il controllo di Aksum”.

“Inoltre, le truppe eritree hanno sistematicamente ucciso centinaia di civili a sangue freddo, il che sembra costituire crimini contro l’umanità. Questa atrocità è tra le peggiori documentate fino ad oggi in questo conflitto”, ha aggiunto.

Il Tigray è stato teatro di combattimenti da quando il governo etiope ha lanciato un’operazione militare il 4 novembre che ha lasciato migliaia di sfollati e decine di migliaia di morti durante i combattimenti.

Fino a 20.000 rifugiati sono dispersi dopo la distruzione di due campi nella regione del Tigray, hanno detto recentemente le Nazioni Unite.

La guerra scoppiò il 4 novembre dopo che il governo centrale ordinò un’offensiva militare contro il Tigray People’s Liberation Front (TPLF), il partito che allora governava la regione, come rappresaglia per un attacco delle forze tigrine a una base dell’esercito etiope in quel territorio.

Anche se il primo ministro etiope Abiy Ahmed ha annunciato la vittoria il 28 novembre dopo aver ripreso il controllo della capitale regionale, Mekele, il leader della regione ha giurato di continuare il conflitto.

l conflitto si basa su una disputa sul potere e sul controllo delle risorse statali. Le antiche dispute interetniche stimolate dal governo di Abiy minacciano la guerra civile in altre regioni dell’Etiopia, portando potenzialmente sofferenze e e lutti per molte migliaia di persone.

Dall’inizio dei combattimenti, migliaia di persone sono morte e centinaia di migliaia sono state costrette a fuggire dalle loro case. Ci sono carenze di cibo, acqua e medicine nella regione, che conta più di cinque milioni di persone.

Gli operatori umanitari e alcuni funzionari del Tigray hanno avvertito di un disastro umanitario segnato da una carestia diffusa. Le informazioni sono poco chiare o difficili da verificare, poiché il governo ha ampiamente isolato il Tigray dai media e dagli operatori umanitari stranieri. Le telecomunicazioni in molte aree sono fuori uso.

Secondo il rapporto delle Nazioni Unite, si stima che 100.000 persone siano sfollate nel Tigray e circa 60.000 persone si sono rifugiate in Sudan.

Alcuni paesi hanno chiesto un’indagine sulle denunce di saccheggi, violenze sessuali e aggressioni nei campi profughi, mentre gli esperti avvertono che la finestra di opportunità per raccogliere prove si sta chiudendo velocemente.

Più di 52.000 civili sono stati uccisi nel conflitto armato che ha scosso la regione del Tigray dell’Etiopia settentrionale al confine con il Sudan e l’Eritrea dallo scorso novembre, sostengono tre partiti di opposizione del Tigray: “dall’inizio di questa fatidica guerra, più di 52.000 civili innocenti, tra cui bambini, donne, giovani, anziani e genitori religiosi, sono stati massacrati indiscriminatamente”, hanno detto in una dichiarazione congiunta il Partito dell’Indipendenza del Tigray, il Greater Tigray National Congress e Salsay Weyane Tigray.

I firmatari non hanno specificato la fonte di questi dati, poiché il governo etiope non ha rilasciato cifre ufficiali dei civili uccisi nei combattimenti nella regione, dove le comunicazioni non sono tornate completamente alla normalità e rimane difficile verificare le informazioni dalle due parti in conflitto.

Secondo le tre parti, “più di tre milioni di persone hanno lasciato le loro case e sono diventate sfollati interni nel Tigray, mentre altri 150.000 sono emigrati in altre parti dell’Etiopia” e “decine di migliaia” sono fuggiti nel vicino Sudan.