La crisi sanitaria nazionale e globale legata al coronavirus colpisce in particolar modo giovani lavoratori e lavoratrici, impiegati con contratti super-precarizzanti o in nero. Un caso particolare è quello dei rider, i ciclofattorini delle app di delivery, di consegna di cibo e merci direttamente a casa. Un lavoro che, ai tempi della diffusione crescente del virus, è particolarmente pericoloso e destabilizzante rispetto al tentativo di contenere l’infezione. I collettivi dei rider auto-organizzati di Bologna, Milano, Roma e Napoli, giustamente, prendono posizione rispetto alla politica sconsiderata delle app che sacrifica la salute dei fattorini e di tutti gli utenti sull’altare del profitto: rivendicano la sospensione del servizio, la tutela della salute, la continuità di reddito di tutti i lavoratori del settore. La loro protesta si aggiunge alle mobilitazioni e agli scioperi che stanno iniziando ad attraversare il paese, in una situazione sanitaria, sociale e politica di avuta crisi e di risposte tardive, repressive e sfacciatamente filopadronali del governo e dello Stato.

Riportiamo di seguito il comunicato dei rider: uniamo la lotta per far pagare la crisi ai padroni!


Seguiamo con preoccupazione le vicende che riguardano il nostro Paese, a maggior ragione perché siamo tra quelle e tra quelli che non possono restare a casa. Siamo lavoratori dipendenti ma sulla carta la falsa autonomia e l’assenza di un contratto ci privano di ogni strumento di difesa e di tutela.

Abbiamo lavorato in questi giorni in preda alla paura che in tante e tanti vivono in questo momento così delicato. Abbiamo lavorato principalmente per piattaforme che non ci hanno fornito – nonostante le nostre incessanti richieste, nonostante le leggi dello Stato – i dispositivi di sicurezza necessari.

Viviamo di consegne a domicilio, sono la nostra fonte di reddito – magra, precaria, a cottimo. Ma come abbiamo fatto in altre circostanze sentiamo la necessità di dire che la nostra vita e la nostra salute valgono più di una pizza, di un sushi o di un panino. Lo abbiamo fatto quando le nevicate rendevano impraticabili le strade delle nostre città e le piattaforme si fregavano le mani per approfittare di una situazione in cui la gente non usciva di casa e ordinava online.

Sentiamo di farlo ancor di più ora, visto che le indicazioni di sicurezza fornite dal Governo non sono possibili da rispettare per le app del food delivery. Non lo sono a maggior ragione da oggi quando abbiamo scoperto incredibilmente di trovarci davanti a un’irresponsabile liberalizzazione delle attività di consegna a domicilio. Sembra quasi che esse siano diventate un servizio pubblico indispensabile al pari della sanità, delle farmacie, dei negozi di generi alimentari: un servizio essenziale che dovremmo svolgere noi senza tutele, invisibili di questa economia.

Riteniamo la situazione molto grave e per noi fermare il contagio viene prima di qualsiasi altra cosa. Se distribuire cibo a casa diviene indispensabile, ci devono pensare lo Stato, la Protezione Civile e gli organi preposti.

Noi ci fermiamo!

Invitiamo le/i riders ad astenersi dal servizio fino a tutta la durata dell’ordinanza restrittiva.

Invitiamo consumatrici e consumatori a non ordinare: pensiamo al necessario, alla nostra salute, alla nostra vita e a chi sembra non abbia il diritto di poter restare a casa.

Chiediamo l’accesso agli ammortizzatori sociali e il diritto ad avere una continuità di reddito, perché dobbiamo poter continuare a vivere restando a casa.

Chiediamo che il governo ponga restrizioni su tutto il territorio nazionale alle consegne a domicilio, prendendo esempio dalle disposizioni della Regione Campania che individuano nel food delivery un possibile veicolo di contagio.

Il governo mobiliti inoltre l’Agenzia delle Entrate per provvedere alla restituzione immediata delle ritenute d’acconto per i prestatori occasionali che negli anni 2018 e 2019 sono rimasti al di sotto della soglia dei 5000 euro.

Vogliamo scongiurare uno stato di grave pericolo per tutti noi e per la clientela.
Noi faremo la nostra parte, in tutte le forme possibili, affinché nessuno sia costretto a mettere in secondo piano l’incolumità propria, dei propri cari e dell’intero nostro Paese.

La salute è un diritto di tutt*, anche noi vogliamo esercitarlo, stando a casa come gli altri: per questo pretendiamo reddito, tutele e garanzie per tutte/i!

Riders Union Bologna
Deliverance Milano
Riders Union Roma
Riders per Napoli – Pirate Union