In Spagna, Italia, Francia e altri Paesi si parla di “de-escalation”, con piani governativi che prevedono l’uscita graduale dal confinamento di massa e la ripresa dell’attività economica, se la crisi sanitaria potrà essere superata. Tuttavia, si stima che ciò richiederà diversi mesi ed è chiaro che è già iniziata una seconda crisi, economica e sociale, di proporzioni senza precedenti.


Al vertice europeo di giovedì 23 aprile è stato concordato un “piano di ricostruzione” per le conseguenze del Covid-19, anche se senza una posizione comune sulle modalità di attuazione. L’UE sta affrontando la peggiore crisi economica della sua storia, polarizzata tra il blocco del “nord” e i paesi “meridionali” dell’Europa. Tutti i governi si stanno preparando a salvare le aziende, con piani che scaricheranno la crisi su milioni di lavoratori. Di fronte alla rinascita dei nazionalismi più reazionari negli Stati imperialisti, è fondamentale una prospettiva internazionalista e di classe.

Perry Anderson ha sottolineato nell’introduzione al suo libro The New Old World che l’Europa “sembra un oggetto impossibile”. Non si riferiva solo alla complessità di analizzare una struttura sociale con più di 450 milioni di abitanti – se ci riferiamo ai 27 Paesi che attualmente compongono l’UE -, ma alle tensioni irrisolte tra una struttura sovranazionale e i diversi Stati nazionali. Queste tensioni sono aumentate negli ultimi anni e stanno esplodendo nel bel mezzo della crisi attuale.

 

Un calo storico del PIL europeo che potrebbe raggiungere il 15%

Il capo della BCE, Christine Lagarde, ha annunciato queste cifre catastrofiche in occasione dell’incontro europeo di giovedì 23 aprile. Secondo i suoi calcoli, è in arrivo una profonda recessione, che nelle stime più gravi potrebbe raggiungere quest’anno un calo del 15% del PIL e nelle versioni più ottimistiche un calo del 9%.

Per vedere la portata della debacle, basta guardare i dati dell’indice PMI di aprile, che misura l’attività del settore privato. Secondo i dati IHS Markit, l’Eurozona si contrae del 7,5% in termini trimestrali, tre volte di più rispetto alla crisi economica del 2008. L’IHS Markit Eurozone Manufacturing PMI è scesa a 33,6 in aprile, segnando il più grande crollo dell’attività manifatturiera dal 2009. Insieme alla produzione manifatturiera, i nuovi ordini si sono affrettati e l’occupazione si è ridotta al ritmo più veloce dall’aprile 2009.

In termini di occupazione, la società di consulenza McKinsey avverte che 59 milioni di posti di lavoro andranno persi in Europa a causa della crisi del coronavirus, raddoppiando il tasso di disoccupazione. I settori più colpiti sono già il turismo, gli alberghi e l’alimentazione. McKinsey stima che il 74% dei posti di lavoro in questi settori potrebbe scomparire, il che significa che 8,4 milioni di lavoratori rimarrebbero disoccupati. A rischio anche il 50% dei posti di lavoro nel settore dello spettacolo e dell’arte, e le multinazionali del settore automobilistico stanno valutando la chiusura di diversi stabilimenti. Tra gli altri settori duramente colpiti vi sono le compagnie aeree.

Come nel 2008, questa crisi sta colpendo più duramente i Paesi dell’Europa meridionale. La Banca di Spagna stima che la disoccupazione in questo paese raggiungerà tra il 18,3% e il 21,7%, dato che il turismo, l’edilizia e l’industria automobilistica sono stati tre dei pilastri del capitalismo spagnolo negli ultimi decenni.

 

I “falchi” del nord contro gli “spendaccioni” del sud

Il programma di ricostruzione dell’UE prevede la messa a disposizione di 1,5 miliardi di euro, come dichiarato nella proposta del presidente spagnolo Pedro Sánchez di attivare un “Piano Marshall” post-Covid-19. Ma come sarà attuato, e con quali fondi, non è ancora chiaro. Infatti, Germania, Paesi Bassi, Finlandia e Austria hanno impedito che il piano prendesse forma fino a maggio. Un mese fa, la riunione dell’Eurogruppo del 27 marzo si era conclusa con un grave fallimento, a causa del forte rifiuto dei paesi del Nord Europa a qualsiasi tipo di “mutualizzazione” del debito. Ora, data la gravità della crisi, sono disposti ad accettare una massiccia iniezione di liquidità attraverso un pacchetto che includerà sovvenzioni dirette e debito, ma di quanto sia ancora in discussione.

Questa definizione è fondamentale, considerando che paesi come Francia, Italia e Spagna hanno già un livello di indebitamento molto elevato, ereditato dalle misure adottate nell’ultimo decennio per uscire dalla crisi del 2008. A quel tempo, gli Stati si indebitarono per salvare le imprese e le banche. Per dirla in numeri, il rapporto tra debito e PIL in Italia raggiunge il 134,80%, essendo il quarto Paese più indebitato del mondo. Il suo debito è di 2,4mila miliardi di euro, non meno dell’equivalente del PIL della Francia.

Su scala europea, la classifica è guidata dalla Grecia, con il 176,60%. Con l’Italia al secondo posto, è seguita da vicino da Portogallo (117,70%), Belgio, Francia (98%) e Spagna (95,50%). A titolo di confronto, in Germania questo dato è molto più basso (59,80%), un rapporto che in Europa continua a diminuire nel caso di Paesi come i Paesi Bassi, la Svezia, la Norvegia o la Danimarca. L’Unione Europea è ancora una volta polarizzata, come dopo la crisi del 2008, tra i paesi creditori al nord e i paesi debitori al sud. Ricordiamo che l’acronimo PIGS (Portogallo, Italia, Grecia e Spagna) è arrivato a riferirsi ai Paesi dell’Europa meridionale in modo dispregiativo.

La crisi del coronavirus e la recessione delle economie con alti livelli di indebitamento hanno portato ad un significativo aumento del premio di rischio nei paesi più colpiti, Spagna e Italia. Nei giorni scorsi sono stati raggiunti livelli che non si vedevano da diversi anni (anche se ancora ben al di sotto del momento peggiore della crisi dell’euro nel luglio 2012). Secondo alcuni analisti, la Bce ha tenuto le banche italiane su con “respiratori artificiali” ma questa crisi minaccia di far scoppiare di nuovo questa bomba, con conseguenze imprevedibili.

Il confronto tra i due blocchi è peggiorato qualche settimana fa, quando il ministro delle Finanze olandese, Wopke Hoekstra, ha chiesto all’UE di indagare sulla situazione fiscale di Paesi come la Spagna o l’Italia e sul perché non potessero affrontare la crisi senza ricorrere all’aiuto di Bruxelles. Un suggerimento che il presidente portoghese António Costa ha subito definito “disgustoso” e “meschino”. Le dichiarazioni del “falco” olandese hanno suscitato anche la risposta del Presidente del Consiglio italiano. Giuseppe Conte ha detto che la diffidenza degli italiani nei confronti dell’Unione Europea “nasce nel momento in cui ci sentiamo abbandonati proprio dai Paesi che beneficiano di questa Unione”. Secondo un’indagine dell’Instituto Técne, condotta all’apice della crisi del coronavirus, il 49% degli italiani sarebbe favorevole all’uscita dall’UE (20 punti in più rispetto a chi ha detto lo stesso lo scorso novembre). Mentre un altro sondaggio ha mostrato che l’88% degli italiani non è soddisfatto della risposta dell’Europa alla crisi. [1]

La retorica dei “falchi” del nord è che i paesi del sud Europa sono “spreconi” e si indebitano senza senso. Nel 2017, l’allora presidente olandese dell’Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, aveva detto che i Paesi del Mediterraneo “spendono tutti i loro soldi in alcol e puttane” e poi chiedono aiuto. Ma questo cinico racconto nasconde il fatto che è la costruzione stessa dell’UE, con la sua particolare divisione internazionale dei flussi di lavoro e di capitali, che determina in larga misura le differenze fiscali ed economiche tra nord e sud.

Come spiega l’economista Lidia Brun: “In Germania si vede il livello del debito pubblico come uno scandalo in relazione al PIL della Spagna e si pensa che le risorse pubbliche siano state sprecate. Ma la Spagna aveva un debito pubblico del 35% del PIL nel 2006. Se ora è al 96%, è perché ha dovuto fare i conti con lo scoppio di una bolla immobiliare da cui molte banche europee hanno subìto un colpo e che, insieme alla crisi finanziaria globale, ha avuto un impatto brutale sull’economia. [2]

Dietro gli squilibri fiscali e i livelli di indebitamento, ci sono altre importanti variabili economiche. Nelle economie dell’Europa meridionale, i servizi e il turismo hanno acquisito un’enorme importanza (fortemente colpiti dalla crisi del coronavirus), a fronte di una maggiore industrializzazione sull’asse centro-nord (asse Rotterdam-Milano). D’altra parte, il processo di delocalizzazione industriale degli ultimi decenni, insieme alla restaurazione capitalista nei paesi dell’Europa dell’Est, ha portato quei paesi ad avere una quota maggiore di valore aggiunto industriale nel loro PIL rispetto ad altri come la Francia, l’Italia o la Spagna. [3]

Di fronte all’incombente disastro economico, la risposta dell’UE, e in particolare degli Stati del Nord, è che i paesi più colpiti dalla crisi si imbarchino in un nuovo indebitamento massiccio, ipotecando le generazioni future per pagare queste bollette con tagli ai servizi pubblici, pensioni più basse e aggiustamenti di bilancio. L’esempio della Grecia e del piano di austerità della Troika, adottato da Syriza nel 2015, è fresco nella memoria di molti lavoratori di tutto il continente.

Ma il cinismo di questi governi non cessa di attirare l’attenzione, quando proprio l’Olanda è uno dei due Paesi che, insieme al ducato del Lussemburgo, riceve la metà degli investimenti fittizi a livello globale. In altre parole, le società registrano la loro sede fiscale in questi territori solo con lo scopo di evadere le tasse. Si tratta di un meccanismo fraudolento che porta le multinazionali a evitare di pagare non meno di 13,5 miliardi di euro ogni anno nella sola Spagna.

E tutto questo senza parlare dei miliardi di euro di salvataggio delle banche europee dopo la crisi del 2008, di cui hanno beneficiato soprattutto le banche tedesche. Per illustrare come questi salvataggi hanno portato in gran parte alla crisi attuale, prendiamo in considerazione solo un dato: nel 2016, Eurostat ha cancellato 213,21 miliardi di euro a seguito del salvataggio della banca europea, l’equivalente della somma delle spese annuali per i servizi sanitari in Spagna, Svezia, Austria, Grecia e Polonia.

 

Nazionalizzazioni all’orizzonte… per salvare i capitalisti con soldi pubblici

Oltre ad un primo pacchetto UE di 540 miliardi di euro, ogni governo ha impegnato ingenti fondi di aiuto, stanziati a livello centrale per le imprese.

In questo quadro sono già in corso anche importanti progetti di nazionalizzazione. Attraverso la partecipazione statale alla partecipazione azionaria delle grandi imprese, queste sono governate dall’idea che le multinazionali emblematiche degli Stati imperialisti “non possono cadere”. Gli Stati temono che alcune delle loro “ammiraglie” cadano in mani straniere, guardando con particolare sospetto ai movimenti della Cina, ma anche alla capitale americana.

L’Italia ha già fatto progressi nella nazionalizzazione di Alitalia, mentre il ministro delle Finanze francese, Bruno Le Maire, ha annunciato un “sostegno storico” per Air France con 7 miliardi di euro e per Renault con altri 5 miliardi. Il ministro ha detto che non esiterà “a utilizzare tutti i mezzi disponibili per proteggere le grandi imprese francesi”. Quel paese ha messo a disposizione anche 45 miliardi di euro di moratorie fiscali e cancellazioni di pagamenti per le piccole e medie imprese.

Da parte sua, Angela Merkel ha impegnato 10 miliardi di euro a Lufthansa questa settimana e sta già salvando aziende come Adidas attraverso prestiti speciali (1 miliardo), il tour operator TUI (1,8 miliardi) e Puma. MediaMarkt ha già chiesto altri 2 miliardi. Nel caso spagnolo, il governo non ha ancora annunciato nazionalizzazioni, anche se non sono escluse in futuro. Nel frattempo, ha istituito un fondo di 100 miliardi di euro per garantire i prestiti alle imprese ed è pronta a concedere aiuti finanziari urgenti per il salvataggio dell’Iberia, dopo la Francia e la Germania con le loro ex compagnie di bandiera.

Il principio applicato in queste nazionalizzazioni e salvataggi non è altro che “la privatizzazione dei profitti e la socializzazione delle perdite”. Le grandi multinazionali europee stanno facendo profitti favolosi da anni. Con l’inizio della crisi, gli Stati stanno intraprendendo un nuovo ciclo di indebitamento massiccio, e gran parte di questi pacchetti di credito e di aiuti finirà per salvare le multinazionali con il denaro pubblico, mentre lasciano milioni di lavoratori per strada.

 

Il sogno infranto dell’integrazione europea

Dopo la caduta del muro di Berlino e la riunificazione della Germania (1989-1990), sono seguite diverse pietre miliari che sono state alla base di una storia trionfale sulle prospettive dell’integrazione europea: il trattato di Maastricht (1992-93), l’adozione della moneta unica (2002) e l’allargamento dell’UE ad est (2004-2007), che ha incorporato gli Stati che fino ad allora erano stati dietro la cortina di ferro.

Questo allargamento verso est, come sostiene Perry Anderson, è stato un “grande evento storico” perché ha reso possibile l’unificazione delle “due Europe”, una grande base per l’ottimismo europeista e capitalista. Ma non è stata solo una conquista ideologica o morale. Le multinazionali hanno conquistato nuovi mercati e una grande massa di manodopera a basso costo a loro disposizione, cosa che è stata sfruttata soprattutto dalla Germania. Per fare un esempio, la Slovacchia è diventata il paese che produce più auto per abitante al mondo (con uno stipendio molte volte inferiore a quello della Germania per i lavoratori delle stesse aziende).

Tuttavia, dalla crisi e dalla grande recessione del 2008, si sono verificati episodi con una dinamica in senso inverso, mostrando tendenze alla crisi e alla frammentazione. Da allora abbiamo visto: un momento di crisi acuta dell’euro (2012-2014), la crisi greca (2015), la crisi migratoria (2015-2016), la crisi della Brexit (2016-2020) e l’ascesa dei partiti di estrema destra e dei movimenti euroscettici, fino ad arrivare alla crisi attuale. Inoltre, non è un caso che sia proprio in quegli Stati dell’Est europeo, a cui era stato promesso il paradiso europeo, che l’euroscetticismo è cresciuto maggiormente.

Se Jürgen Habermas poteva affermare qualche anno fa (con un eccesso di ottimismo) che l’Europa ha risolto “il governo oltre lo Stato nazionale” e i sistemi di welfare sociale “come modello per il mondo” in modo “esemplare”, sarebbe difficile difendere la stessa posizione in mezzo a questa crisi. La crisi pandemica sta risvegliando forti tensioni nell’UE e nei discorsi nazionalisti, a diversi livelli – cosa che non è iniziata con questa crisi, ma che si sta approfondendo. Allo stesso tempo, il crollo dei sistemi sanitari in Spagna, Italia, Francia e Regno Unito mostra le terribili conseguenze di decenni di privatizzazioni e politiche neoliberali. Né un governo sovranazionale esemplare né un modello di welfare state per la popolazione.

Mentre i settori principali delle borghesie europee rimangono ancora nel quadro dell’UE e spingono per salvare le proprie aziende (infettate dallo spirito “America First” di Donald Trump), gli Stati del Nord cercano di scaricare la crisi sui popoli e sulle classi lavoratrici del Sud. In diversi Paesi, si sentono voci che sollevano la necessità di rafforzare l'”industria nazionale”, per non dipendere dalle filiere internazionali (cosa che è stata tragicamente evidenziata dalla mancanza di forniture mediche o di respiratori) o dalla grave crisi che stanno vivendo settori come il turismo.

Anche i discorsi sovranisti stanno acquistando peso, che, sia da destra che da sinistra, propongono un ritorno ai quadri degli Stati nazionali come via d’uscita dalla crisi, ponendo addirittura la rottura o l’uscita dall’UE. Nei Paesi dell’Europa meridionale, questo si combina con un forte malessere “antitedesco” in chiave nazionalista, come se la Spagna e l’Italia fossero in crisi solo per “sottomissione” ai dettami di Bruxelles e non per le politiche dei propri governi e delle proprie borghesie nazionali.

Contro questo tipo di posizioni, la prima questione da chiarire è il carattere imperialista dei principali Stati dell’UE, sia quelli del Nord che quelli del Sud. Nel caso dell’Italia o della Spagna, ad esempio, stiamo parlando rispettivamente della terza e della quarta economia dell’UE, paesi imperialisti membri della NATO che hanno missioni militari attive all’estero, in Nord Africa, Iraq o Afghanistan. Le multinazionali italiane e spagnole del settore energetico, del gas o della telefonia hanno grandi imprese e investimenti in tutto il mondo, e hanno beneficiato soprattutto dei processi di privatizzazione a “prezzo d’occasione” in America Latina o nei paesi del Nord Africa. Le aziende che sono “marchi di punta” di questi Paesi, come l’azienda tessile Inditex dello spagnolo Amancio Ortega, hanno costruito il loro modello di business sullo sfruttamento della manodopera semi-schiava nei laboratori clandestini in Bangladesh, Marocco o Bangkok.

I governi di questi Paesi, nelle mani dei conservatori o del centro-sinistra, hanno sostenuto gli interventi imperialisti e le politiche di blocco dell’UE, come quelle contro Cuba o il Venezuela. Allo stesso tempo, gli Stati imperialisti dell’Europa meridionale difendono le stesse politiche della Fortezza Europa contro i migranti e i rifugiati, con leggi sull’immigrazione basate sulla xenofobia e sullo sfruttamento dei migranti come manodopera a basso costo e usa e getta. Inoltre, a causa della loro posizione geografica, sono questi Stati a dover “salvaguardare” le frontiere europee, lasciando migliaia di immigrati a morire nel Mediterraneo, o costruendo centri di detenzione per stranieri.

La seconda questione è che, sia a livello continentale che a livello di ciascun paese, si sta conducendo una guerra di classe, in cui gli Stati nazionali agiscono come “comitato d’affari” dei capitalisti per imporre un maggiore sfruttamento alla classe operaia, attraverso la svalutazione dei salari, la flessibilizzazione del lavoro, i contratti spazzatura, l’introduzione di nuove forme di tempo determinato e di esternalizzazione, la liquidazione dei contratti collettivi, e così via. I partiti riformisti della sinistra europea, da Syriza in Grecia, a Podemos in Spagna o al Bloco de Esquerda in Portogallo, hanno dimostrato di non essere un’alternativa all’Europa del capitale; al contrario, si sono adattati come buoni manager degli stati capitalisti in tempi di crisi.

Con una forza sociale di oltre 200 milioni di persone, la classe lavoratrice europea, autoctona e straniera, più femminilizzata e razziata che mai, ha il potenziale per resistere a questa offensiva. Per questo sarà necessario superare gli ostacoli delle burocrazie sindacali e delle varianti politiche neo-riformiste, combattendo per la costruzione di una leadership politica rivoluzionaria alternativa per la classe operaia, che difenda un programma di transizione affinché la crisi sia pagata dai capitalisti e dalla prospettiva del governo dei lavoratori.

Il ciclo di lotta di classe apertosi prima di questa crisi, con l’irruzione delle giacche gialle in Francia, e il successivo sciopero a tempo indeterminato dei trasporti in quel paese, così come i molteplici scioperi in settori di lavoratori in Portogallo, Italia, Polonia, Stato spagnolo e in tutto il continente negli ultimi anni, dimostrano che questo è possibile. Di fronte a una nuova crisi storica come quella che stiamo cominciando a vedere, dovremo tornare sulla via della lotta di classe, del maggio francese e dell’autunno caldo italiano, della rivoluzione portoghese del 1974, della primavera di Praga e di più di un secolo di lotta tra rivoluzione e controrivoluzione.

 

Note

[1La insolidaridad de los países ricos amenaza la UE, El Periódico, 8/04/2020.

[2Escenarios de futuro: Lidia Brun, Instituto de Estudios Culturales y Cambio Social.

[3] Il Valore Aggiunto Lordo dell’industria nell’UE-28 – escluso il settore delle costruzioni – ha rappresentato, in media, quasi il 20% del totale, anche se con grandi differenze tra i vari Paesi. L’Irlanda con il 36,1 e la Repubblica Ceca con il 31,7%. Slovenia e Polonia superano il 27%, mentre Romania, Slovacchia e Ungheria superano il 26%. La Germania è, insieme all’Irlanda, il paese dell’ex UE-15 con la più alta percentuale di Valore Aggiunto Lordo generato dall’industria, raggiungendo quasi il 26%. Altri sei paesi sono al di sopra della media, tra cui Austria e Finlandia. L’Italia è leggermente al di sotto della media con il 19,2%. La Svezia è al 18,8% e il Portogallo al 18,4%. In Spagna, il VAL generato dall’industria nel 2017 è del 18,1%, praticamente lo stesso del 2007. Dietro di noi ci sono Danimarca, Belgio e Lettonia, che superano ancora il 16%. I paesi con il minor peso del settore sono il Regno Unito, Malta, Cipro e Lussemburgo”. Instituto de Estudios Económicos.

 

Josefina L. Martínez

Traduzione da Izquierdadiario.es