Il terzo uomo più ricco del mondo ha scritto un nuovo libro su “Come evitare un disastro climatico”. Il libro è pieno di schemi strampalati. Non è altro che un tentativo di distrarre la gente dalla soluzione: espropriare i miliardari come Gates e porre fine al capitalismo.


Se avete sentito qualcuno menzionare Bill Gates di recente, potrebbe essere perché milioni di persone – i seguaci della setta Qanon – credono che faccia parte di una cabala di pedofili adoratori di Satana che hanno creato la bufala del coronavirus. Questo non è vero, naturalmente. Ma Gates è un membro di alto livello di un gruppo esclusivo che è responsabile di tutti i tipi di male nel mondo. Questo gruppo non è una società segreta – è una classe sociale chiamata borghesia, e non fanno segreto su come controllano il mondo e devastano l’ambiente.

Gates si è dimesso dalla sua posizione alla Microsoft dieci anni fa, dopo aver fatto miliardi trasformando un sistema operativo difettoso in un monopolio. Dopo il processo antitrust dell’azienda negli anni ’90 – un incubo per le pubbliche relazioni – ha deciso di riciclare la sua reputazione attraverso la filantropia, offrendo la sua “opinione informata” e facendo piovere miliardi di dollari su settori diversi come la riforma scolastica negli Stati Uniti, l’agricoltura in Africa e la prevenzione delle malattie.

I risultati, quando non sono stati trascurabili, sono stati piuttosto disastrosi: “filantropia” è stata una parola in codice per privatizzare le scuole o costringere i piccoli agricoltori a comprare colture geneticamente modificate a prezzi gonfiati dall’agribusiness. Ma Gates ora ha un nuovo progetto: il cambiamento climatico, ed è stato su tutti i giornali a promuovere il suo nuovo libro, How to Avoid a Climate Disaster. In un’intervista a 60 Minutes, esordisce ammettendo: “Probabilmente ho una delle più alte impronte di gas serra di chiunque sul pianeta”.

Gates vola sempre in un jet privato – anche alle conferenze sul clima. E non rappresenta certo un’eccezione. L’1% più ricco e i loro modelli di consumo sontuosi sono responsabili di più emissioni di metà dell’umanità. Greta Thunberg l’ha fatto notare ai capitalisti e ai loro politici quando erano riuniti per il World Economic Forum di Davos, e le sue parole vanno ripetute:

Se tutti sono colpevoli, allora nessuno ha colpa. Ma si può dare la colpa a qualcuno. Alcune persone, alcune aziende, alcuni potenti in particolare, hanno saputo esattamente quali valori inestimabili hanno sacrificato per continuare ad accumulare quantità inimmaginabili di denaro. E penso che molti di voi qui oggi appartengano a quel gruppo di persone.

La catastrofe climatica è in corso. Gates dice che l’umanità ha bisogno di uno “sforzo totale, sapete, come una guerra mondiale, ma siamo noi contro i gas serra”. Su questo ha ragione. Cosa significherebbe uno “sforzo totale”? Durante la seconda guerra mondiale, tutta l’industria degli Stati Uniti fu messa sotto il controllo dello Stato, e la produzione di automobili fu fermata quasi da un giorno all’altro. Questo è il livello di mobilitazione di cui l’umanità ha bisogno ora: ogni fabbrica di automobili deve spostare la produzione per creare un trasporto pubblico gratuito e affidabile per tutti.

Ma non è di questo che Gates sta parlando. Non vuole vedere alcun cambiamento politico o economico – certamente nessuno che interferisca con i profitti capitalistici. Non vuole rinunciare al suo jet privato, e non vuole nemmeno pagare più tasse. Chiama il Green New Deal “una favola” – paragonandolo addirittura al “negazionismo dei vaccini”.

Gates ha un’unica soluzione: “innovazione”. Così riempie il suo jet privato con “carburante per l’aviazione che è stato fatto con le piante” – questi cosiddetti biocarburanti che sono responsabili della distruzione di enormi strisce di foresta pluviale. Gates paga anche qualche milione di dollari all’anno – meno degli spiccioli sotto i cuscini del suo divano – per la “compensazione”. L’intervista parla di “cambiare tutto nell’economia”, ma in realtà stiamo parlando solo di alcuni cambiamenti minori e altamente speculativi dei materiali.

Quando i miliardari parlano del cambiamento climatico, offrono solo schemi strampalati. Dicono che dovremmo costruire centinaia di milioni di enormi auto elettriche per ridurre le emissioni di carbonio dai trasporti. Costruire così tante auto richiede grandi quantità di energia e risorse – ma genererebbe anche enormi profitti. Nel frattempo, questi stessi miliardari stanno facendo tutto il possibile per sabotare tecnologie rispettose del clima che esistono da 100 anni: autobus, tram e treni.

Tra i suoi molti piani, Gates dice che sta finanziando una startup che può ridurre le emissioni di CO2 dal cemento del 5%. Ma cosa succederebbe se l’umanità smettesse di costruire ridicole torri che i ricchi con più case visitano una volta all’anno, quando succede? Quelle sono emissioni che potremmo ridurre del 100% gratis. E ancora meglio, potremmo prendere tutti quegli inutili colossi e trasformarli in alloggi per la classe operaia.

Il discorso di Gates sull'”innovazione” serve solo a distrarre dalle vere soluzioni alla crisi climatica: espropriare i ricchi e porre fine al capitalismo.

Parlando del suo aereo privato, Gates fa giustamente notare che non bisogna sopravvalutare l’effetto delle scelte di consumo personale. E c’è un fondo di verità in questo: una dieta vegana è onorevole, ma ha effetti limitati quando lo Stato capitalista sovvenziona un’enorme industria della carne. Anche scegliere di non volare è utile – ma fa differenza quando i governi capitalisti spendono miliardi per salvare le compagnie aeree in modo che possano continuare a offrire lo stesso numero di voli ogni giorno?

Com’è che si dice? C’è una scelta alimentare che può avere un enorme impatto sul clima: mangiare un miliardario come Gates. Questo comincerebbe ad intaccare le emissioni di carbonio dell’umanità.

Ma in tutta serietà: Gates ha ragione sul fatto che stiamo affrontando una catastrofe. Tuttavia, lui è più responsabile di chiunque altro al mondo per aver causato questa catastrofe – non solo per i suoi voli col jet, ma perché fa parte di una classe, la borghesia, che è disposta a sacrificare l’umanità in modo da poter continuare a fare profitti.

Gates ha passato la sua vita a sostenere questo sistema – un sistema che è stato e sarà sempre disastroso per il clima. Le sue “innovazioni” sono solo costose distrazioni e tentativi di trarre profitto da questa catastrofe in via di sviluppo. Gates e i suoi amici miliardari stanno ostacolando tutte le misure serie necessarie per proteggere il clima, che sono direttamente in conflitto con la crescita capitalista e il loro bisogno di accumulare profitti all’infinito.

Gates ha ragione sul fatto che abbiamo bisogno di una “svolta” – ma quella svolta è una rivoluzione sociale che rimuova la sua classe dal potere.

Nathaniel Flakin

Traduzione da Left Voice