Una tendenza che si sta approfondendo in tutta la regione e che può prendere forza con l’apertura delle restrizioni dovute alla pandemia. Una rassegna dei conflitti più importanti dell’ultimo anno.


Dal 2020, il sud-est asiatico sta attraversando una serie di processi di mobilitazione di massa che hanno scosso gli attuali governi, mettendo la lotta di classe al centro della scena.

Diversi settori sociali partecipano congiuntamente a queste proteste: un’enorme classe operaia (precaria), una nuova classe media, studenti, movimenti sociali e gruppi etnici. Queste lotte, per lo più difensive, combinano richieste di migliori condizioni di lavoro di fronte all’iper-sfruttamento e ai bassi salari; affrontano riforme del lavoro come in Indonesia e in India; includono slogan politici come la caduta della dittatura in Myanmar; e riforme costituzionali come in Thailandia.

Ma prima diamo un breve sguardo alle condizioni materiali in cui avvengono questi fenomeni politici e di lotta di classe, sostenuti dal grande sviluppo economico degli ultimi decenni.

 

Sviluppo economico e nascita di una giovane classe operaia

I paesi che abbiamo menzionato sono nati come parte dei processi di liberazione nazionale dopo la seconda guerra mondiale. Il loro sviluppo economico per decenni è stato legato alla produzione agricola fino a quando gli eccessi di capitale prima dal Giappone, poi dalle “Tigri asiatiche” (Corea del Sud, Hong Kong, Singapore e Taiwan) e la delocalizzazione delle industrie dalla Cina ad altre destinazioni in cerca di manodopera più economica, hanno iniziato a trasformare gli investimenti nei loro vicini.

La crisi economica mondiale che si aprì nel 1970, valorizzò la regione come una nuova nicchia di accumulazione capitalista. Dagli anni ’80 in poi, il sud-est asiatico è diventato una mecca delle catene globali del valore per le corporazioni transnazionali. I bassi salari, l’assenza di regolamentazione statale, l’assenza di organizzazioni sindacali e, in molti di questi paesi, i governi repressivi, sono caratteristiche apprezzate dalle multinazionali tessili come Nike o Adidas, dalle aziende automobilistiche come Ford, General Motors e Mitsubishi, e dalle aziende tecnologiche come Intel, che sono i principali investitori.

Attualmente, lo sviluppo del sud-est asiatico ha portato alla concentrazione di una gran parte della produzione e del commercio mondiale. Il controllo degli investimenti e l’influenza politica sono in costante disputa tra le potenze regionali e imperialiste.

Per questo motivo, è importante tenere a mente che l’attuale crescita della regione è anche legata agli investimenti infrastrutturali e produttivi della Cina, a partire dalla Belt and Road Initiative. Questo piano cinese ha generato un aumento del consumo di materie prime su larga scala, stimolando l’estrazione di risorse nel sud-est asiatico, ma anche un’importante dipendenza economica e un indebitamento accelerato. La firma di accordi bilaterali ha stabilito corridoi economici che integrano sia l’estrazione di risorse che l’installazione di fabbriche di bassa e media complessità. Allo stesso tempo, c’è concorrenza tra i paesi per attrarre nuovi investimenti. Dopo anni di crescita sostenuta al di sopra del 6% all’anno (raggiungendo il 14% in Cina), il lavoratore industriale cinese medio guadagna circa 700 dollari al mese rispetto ai 250 del Vietnam, 140 del Laos, 130 della Cambogia e 110 del Myanmar, secondo un rapporto pubblicato dal Wall Street Journal.

Le Filippine, la Malesia, l’Indonesia, la Thailandia – a ritmi diversi – sono passati dall’essere paesi agrari a diventare importanti centri manifatturieri, anche se gran parte della loro popolazione rimane rurale. Seguendo il “modello di sviluppo cinese”, Vietnam, Cambogia, Laos e Myanmar prenderanno un percorso di industrializzazione basato sugli investimenti stranieri insieme al controllo statale centralizzato dell’economia (molti per eredità di Stati operai deformati). I seguenti grafici mostrano l’aumento della popolazione urbana a scapito di quella rurale.


Popolazione rurale 1960-2019

Evoluzione della popolazione urbana 1960-2019

I cambiamenti strutturali dell’economia nei paesi del sud-est asiatico hanno fatto sì che città centrali come Bangkok, Kuala Lumpur o Hanoi, diventassero spazi di accumulazione e sfruttamento del lavoro iper-precarizzato. L’aumento oggettivo della classe operaia può essere visto nel seguente grafico con i dati della Banca Mondiale.

Evoluzione del lavoro industriale 1991-2019

Questa costellazione produttiva del sud-est asiatico ha dato vita a una classe operaia estesa che coesiste con i lavoratori rurali in condizioni di sussistenza. L’enorme crescita vissuta dalla classe operaia in questi decenni, unita alle insopportabili condizioni di sfruttamento, stabilì le basi oggettive e soggettive per la nascita di nuovi sindacati operai. A seconda del paese, la sindacalizzazione indipendente dallo stato ha significato una lunga lotta politica, un esempio è il Vietnam. Inoltre, l’enorme massa di sfollati dalle campagne è diventata un grande flusso di lavoratori migranti, legati alle grandi imprese globalizzate che a loro volta hanno costruito reti di attivisti attraverso le frontiere.

Allo stesso modo, la partecipazione delle donne nell’industria e nei servizi è aumentata dalla metà degli anni ’60, quando questi paesi sono diventati gradualmente economie manifatturiere orientate all’esportazione. Le donne, guadagnando salari molto più bassi, sono diventati essenziali per il lavoro in fabbrica, soprattutto nel settore tessile. Questo – insieme ai casi di molestie sul lavoro – ha spinto le donne in prima linea nel movimento operaio.

Dall’altra parte, nella regione, milioni di cambogiani, birmani e bengalesi (19 milioni di uomini e 4 milioni di donne secondo l’ILO) sono stati spinti ad attraversare il confine in cerca di migliori opportunità. La loro condizione precaria li ha portati a creare reti di solidarietà e protezione in paesi dove sono brutalmente discriminati. Per esempio, nella regione di Mae Sot, in Thailandia, dove ci sono circa 400 fabbriche tessili, lavorano decine di migliaia di birmani. Lì hanno creato istituzioni come la Yaung Chi Oo Workers’ Association, insieme a una dozzina di ONG, che si occupano di organizzare i lavoratori migranti per lottare per i diritti minimi.

Le condizioni di vita dei lavoratori migranti sono state colpite duramente e ulteriormente degradate durante la pandemia. Milioni di persone sono state licenziate perché centinaia di fabbriche tessili sono state chiuse a causa dell’interruzione delle catene di approvvigionamento dalla Cina. Questo li ha lasciati bloccati senza protezione sociale, lavoro o denaro, oltre a subire la discriminazione basata sulla loro nazionalità in paesi come la Thailandia, Taiwan e Singapore.

Parallelamente a questi processi di sviluppo è cresciuta una classe media, così come nelle università sono entrati settori più ampi di giovani. Questo ha generato una base sociale per varie richieste democratiche, che vanno dall’estensione dei diritti parziali alle richieste di apertura democratica, contro i privilegi della monarchia, il potere dei militari, i tentativi di golpe, ecc. In questa lotta, come la esprime oggi il Myanmar, quei due settori emersi negli ultimi decenni sono in piazza con le proprie rivendicazioni e dietro la lotta più elementare, difensiva e unificante contro il golpe.

 

Un centro di gravità della lotta di classe mondiale

Una regione in rivolta

Il sud-est asiatico concentra enormi conflitti sociali, come espone il rapporto Maplecroft. Tra gli esempi degli ultimi anni: la lotta dei giovani e dei lavoratori di Hong Kong contro le imposizioni della Cina; le manifestazioni contro la brutalità della polizia nelle Filippine incoraggiate dal governo di ultradestra di Rodrigo Duterte; le proteste in Vietnam contro l’interferenza cinese; le migliaia di operatori sanitari in Bangladesh; e le lotte nelle fabbriche della regione dove l’industria tessile è stata duramente colpita dall’interruzione delle catene di approvvigionamento durante la pandemia. Aziende come H&M hanno licenziato migliaia di lavoratori durante il 2020.

La risposta ai licenziamenti sono stati scioperi a gatto selvaggio che in alcuni casi sono riusciti a imporre le loro richieste come in Thailandia, Vietnam e India. Durante gli anni 2020 le grandi imprese sono state colpite da ondate di scioperi con decine di migliaia di partecipanti che chiedevano protezione da Covid-19 e licenziamenti, come si può vedere negli esempi di Praegear Vietnam, Seethings Chi Hung Company Ltd.

Ma guarderemo gli esempi più significativi e massicci.

Myanmar

Questo lungo processo di lotta e organizzazione della moderna classe operaia nel sud-est asiatico è qui per restare. Sembra addirittura assumere un carattere politico come nel caso del Myanmar. Nella Rete Internazionale di giornali online La Izquierda Diario stiamo evidenziando che la classe operaia del Myanmar è alla testa della lotta contro il colpo di stato del 1° febbraio.

Il colpo di stato era contro il governo della Lega Nazionale per la Democrazia (LND) che aveva vinto l’86% dei voti nelle ultime elezioni. La leader del partito, Aung San Suu Kyi – la più importante figura politica del paese – è stata imprigionata insieme ad altri membri. Anche se hanno chiesto “calma e moderazione”, migliaia di persone sono scese in strada per protestare contro il colpo di stato. Inoltre, durante gli anni di governo, la LND ha mantenuto tutti i privilegi dell’esercito e delle sue imprese. La leadership militare possiede i due conglomerati economici più importanti: Myanmar Economic Holdings Limited e Myanmar Economic Corporation. Le due società possiedono almeno 120 filiali e hanno stretti legami con almeno altre 27 società.

La loro vasta gamma di attività commerciali include banche e assicurazioni, turismo, estrazione di giada e rubini, legname, costruzioni e produzione di olio di palma, zucchero, sapone, cemento, bevande, acqua potabile, carbone e gas. Le aziende possiedono anche una grande quantità di beni immobili. Queste aziende hanno finanziato il genocidio dei Rohingya (un gruppo etnico nella regione di Rakhine), la repressione di diversi gruppi etnici – più di 100 in tutto il paese -, i dissidenti sessuali e la classe operaia, tutto con il sostegno della LND.

Per questo motivo, la lotta è più legata a evitare la perdita dei diritti che a un sostegno politico alla leader San Suu Kyi, come spiega qui lo specialista Stephen Campbell. Una classe operaia esperta e organizzata – principalmente dalle fabbriche tessili – scese in strada, insieme a migliaia di studenti, movimenti LGBT, contadini e diversi gruppi etnici.

Questa risposta fu il frutto dello sviluppo e della formazione di una giovane generazione di operai industriali che accumularono esperienza dall’inizio di questo secolo nelle lotte salariali e nelle condizioni di lavoro, da cui emersero sindacati indipendenti e clandestini che furono poi legalizzati.

La tendenza a organizzarsi nei confronti dei padroni si è approfondita con la transizione alla democrazia nel 2011. Questo aveva permesso, tra le altre cose, la legalizzazione dei sindacati. Questo processo, come spiegato qui, ha dato ancora più aria a queste nuove organizzazioni per lottare per migliori condizioni di vita che non sono migliorate sotto il governo della Lega Democratica Nazionale. Alcuni esempi sono gli scioperi alla fabbrica di abbigliamento Fu Yuen, di proprietà cinese, che ha ricevuto la copertura mediatica per l’uso della violenza da parte della compagnia per sedare lo sciopero. I lavoratori di Fu Yuen erano entrati in sciopero a fine agosto 2018, chiedendo migliori condizioni di lavoro e la fine delle molestie aziendali e il reintegro di 30 lavoratori organizzatori. Dopo un accampamento e scontri con i teppisti dell’azienda, è stato ottenuto il reintegro di tutti i licenziati.

Un altro esempio è stato nel maggio 2020, quando circa 300 lavoratrici della fabbrica tessile Rui-Ning sono state licenziate, poco dopo aver aderito a un sindacato. Tra i licenziati c’era Kyaw Thu Zaw, il presidente del sindacato. Un caso simile si è verificato nella fabbrica Huabo Times, dove 100 lavoratrici sono state licenziate dopo aver formato un sindacato. Dopo mesi di lotta, con denunce di mancanza di protezione contro il covid-19, sit-in permanenti davanti alla fabbrica e appelli alla solidarietà internazionale, i lavoratori sono stati reintegrati. Infatti, durante la pandemia del coronavirus, più di 200 fabbriche annunciarono chiusure e ci furono decine di migliaia di licenziamenti nelle fabbriche tessili, soprattutto per licenziare (e anche arrestare) i leader sindacali che organizzavano la resistenza.

Questa esperienza ha portato la classe operaia, insieme a vari settori della società civile, ad affrontare il colpo di stato. I lavoratori migranti con il sostegno della popolazione locale in India, Thailandia e Indonesia hanno anche tenuto manifestazioni in quei paesi. Lo sviluppo del processo ha portato alla più grande manifestazione nella storia del paese il 22 febbraio, con 20 milioni di persone nelle strade, secondo i media (il Myanmar ha 54 milioni di abitanti), in quella che hanno chiamato “Rivoluzione 22222”. Inoltre, ci sono regioni dove la popolazione non riconosce la dittatura e mette a capo dei comuni chi è stato votato alle elezioni.

D’altra parte, tutti i gruppi etnici e religiosi si sono uniti contro il colpo di stato, compresi i Rohingya. Come dice il sito di Open Democracy, “La resistenza al colpo di stato sta anche rompendo le vecchie divisioni di etnia, religione e occupazione”.

Il processo rimane aperto con manifestazioni di massa con lavoratori di diversi settori in tutte le regioni del paese.

Thailandia

Questo paese ha avuto storicamente una situazione politica instabile con successivi colpi di stato sostenuti dalla monarchia e tensioni pro-democrazia e pro-monarchia. Nel 2020 la crisi economica aggravata dalla pandemia ha provocato l’apparizione di migliaia di giovani manifestanti nelle strade accompagnati da lavoratori e movimenti sociali. Le proteste di massa contro il governo (installato dopo il colpo di stato del 2014) e i privilegi della monarchia sono iniziate nei campus universitari dopo la persecuzione del partito di opposizione “Future Forward” (“avanti verso il futuro”), guidato dal giovane milionario Thanathorn Juangroongruangkit. Il governo thailandese accusa questo partito di “finanziamento illegale, di cercare di rovesciare la monarchia e di aver persino denunciato legami con gli Illuminati”, il che ha causato un’enorme indignazione popolare.

Le mobilitazioni ispirate alle proteste di Hong Kong, riuniscono per lo più giovani studenti delle scuole superiori e dell’università, ma hanno attirato vari settori della società come i lavoratori e gruppi come la LGBT. Le loro richieste possono essere riassunte come: le dimissioni del primo ministro Prayuth Chan-Ocha – che è salito al potere dopo il colpo di stato del 2014, rieletto nel 2019 in elezioni fraudolente; una nuova Costituzione, – quella attuale è stata scritta dall’ex giunta militare nel 2017; che sia ridotta l’influenza dell’esercito nella politica del paese; la riduzione dei privilegi della monarchia, e che smetta di sostenere le dittature.

Recentemente diversi attivisti sono stati imprigionati per tradimento contro la corona solo per aver messo in discussione questi privilegi (legge di lesa maestà) aprendo un dibattito sul ruolo stesso del monarca Maha Vajiralongkorn. Il re negli ultimi anni passa più tempo in Germania che in Thailandia a godersi i suoi privilegi, controllando un tesoro di 30 miliardi di dollari, mentre il paese sta attraversando la peggiore crisi economica dal 1997 con un calo del 7,1% del PIL.

Per eludere la legge di lesa maestà, i manifestanti hanno usato alcune tattiche come l’uso di simboli cinematografici, uno dei quali sono le tre dita ispirate a “The Hunger Games”. Questa nuova generazione ha collegato la “democrazia” come un impegno per “l’uguaglianza”, compresa l’uguaglianza di genere e sessuale, che contrasta con la cultura patriarcale della monarchia e il regime politico dominato dagli uomini. Ecco perché vediamo marce con donne e drag queen in prima linea.

La situazione ha anche fatto emergere le vecchie tensioni politiche tra i pro-monarchia (“camicie gialle”) che hanno fatto la loro comparsa attaccando i manifestanti e i pro-democrazia (“camicie rosse”). Mentre diversi altri gruppi pro-democrazia sono stati creati, tra cui Free Youth Movement, United Front of Thammasat e Demonstration, Bad Students, We are Friends, Seri Thoey.

Tuttavia, la natura di queste proteste va più in profondità, prendendo di mira la monarchia, simbolo della stabilità del regime per decenni. Durante agosto e novembre migliaia di persone sono scese in strada: mentre il governo aumentava la repressione, sempre più persone si sono unite alle proteste al di fuori di Bangkok, nonostante le restrizioni per covid 19.

Mentre i manifestanti non chiedono una rottura di classe o un rovesciamento della monarchia, stanno facendo un’esperienza di scuotimento di un regime che non è stato ancora in grado di disinnescare le proteste, aprendo un nuovo ciclo di instabilità politica.

Indonesia

In Indonesia centinaia di migliaia di giovani lavoratori, studenti, gruppi etnici e organizzazioni ambientali hanno affrontato lo stato contro le riforme economiche del presidente Joko Widodo integrate nella legge Omnibus. Le riforme approvate dal parlamento nell’ottobre 2020 mirano a creare migliori condizioni per gli investimenti nella regione. A questo scopo, Widodo ha deciso di cancellare una serie di regolamenti sullo sfruttamento della terra e delle risorse naturali che causeranno ancora più devastazione ecologica e sociale, oltre a ridurre i diritti dei lavoratori, attaccando anche salari e pensioni.

Ad affrontare la lotta contro la legge sono stati i grandi sindacati indonesiani, come il KSBSI, che hanno indetto manifestazioni e scioperi nella capitale Giacarta e nelle principali zone industriali dell’isola di Giava. I lavoratori di centinaia di fabbriche si sono mobilitati nelle varie isole. Un esempio è lo sciopero di 1.100 lavoratori della PT Aneka Tuna Indonesia, un conservificio di pesce nella reggenza di Pasuruan. Anche le industrie tessili, automobilistiche e farmaceutiche hanno partecipato agli scioperi di quella settimana di ottobre.

Inoltre, in isole come il Borneo, ci sono stati scontri tra le forze armate e le popolazioni indigenein difesa della loro terra. I conflitti per la terra in Indonesia si sono intensificati nel 2020, e le compagnie dell’olio di palma e del legname (una potenza regionale in quest’area) hanno approfittato delle restrizioni al movimento per via del Covid per espandersi in modo aggressivo. In un rapporto della KPA, una ONG di difesa della terra, ha registrato 138 conflitti per la terra tra aprile e settembre 2020, in aumento rispetto ai 133 dello stesso periodo del 2019. I casi del 2019 si sono verificati quando l’economia reggeva, con una crescita del PIL del 5,01%, mentre quelli del 2020 sono stati registrati durante la prima recessione dell’Indonesia in due decenni, quando l’economia si è contratta del 4,4%.

Anche se le riforme venivano approvate in parlamento, un movimento sociale eterogeneo e volenteroso composto da studenti, lavoratori e vari movimenti sociali si è mostrato pronto a combattere.

 

India

Questo paese, un paese chiave della regione, ha appena vissuto un vero sconvolgimento nazionale. Nel novembre 2020, circa 250 milioni di lavoratori (il 3% della popolazione mondiale) hanno lanciato uno sciopero generale indetto da 10 centrali sindacali contro le politiche del governo di Narendra Modi, primo ministro del paese. Il pacchetto di riforme comprendeva nuove leggi sul lavoro, un ulteriore rilassamento dei regolamenti relativi alla sicurezza e alla salute sul posto di lavoro e al settore agricolo, insieme alle privatizzazioni del settore pubblico. Queste regole approvate dal governo permettono ai datori di lavoro e ai governi di aumentare i ritmi di lavoro, rendere più difficile ottenere salari equi, licenziare facilmente i lavoratori, ridurre la copertura sanitaria e ostacolare la formazione di sindacati.

Anche se lo sciopero è durato un giorno senza riuscire a imporre le sue richieste, dato che i grandi sindacati hanno rinunciato rapidamente, questi metodi di lotta convergevano con un processo che si stava preparando nelle campagne da agosto, quando ci furono le prime manifestazioni dei produttori agricoli. Centinaia di migliaia di lavoratori agricoli si sono mobilitati verso Nuova Delhi contro la riforma agricola che attacca l’economia di 600 milioni di persone nel paese. L’obiettivo di Modi è quello di “modernizzare” la campagna (che fino ad ora era ampiamente sovvenzionata dallo stato) per aumentare la produttività aprendo il mercato, cosa che andrà a beneficio delle grandi corporazioni globalizzate.

Queste riforme fanno parte del suo piano per assorbire gli investimenti stranieri (per esempio il “Make in India”) per competere come potenza regionale con la Cina. Secondo Surupa Gupta e Sumit Ganguly, “il governo si aspetta che la crescita dell’agricoltura crei nuovi posti di lavoro. La crescita della sola trasformazione alimentare promette di creare nove milioni di nuovi posti di lavoro nel settore manifatturiero entro il 2024. L’India ha bisogno di creare molti posti di lavoro manifatturieri e di servizio poco qualificati per assorbire questi lavoratori”.

Da allora sono accampati alla periferia della città e affrontano la repressione del governo. In diverse occasioni hanno sfondato le barricate della polizia, hanno sfilato con 250.000 trattori e hanno persino preso d’assalto lo storico Forte Rosso durante la Festa della Repubblica. Sono stati anche attaccati da gruppi ultra-nazionalisti indù legati al presidente (gli stessi che compiono gli attacchi contro la minoranza musulmana nel paese) ma questi gruppi sono stati respinti. Inoltre, un enorme settore di donne è rimasto in prima linea nelle proteste, rifiutando la richiesta del governo di tornare nelle loro case per l’inverno.

All’inizio di gennaio, la massima corte indiana ha sospeso le leggi agricole e ha formato un comitato per risolvere una situazione di stallo tra il governo e gli agricoltori. Tuttavia, gli agricoltori rimangono fermi nella loro richiesta di abrogare completamente le tre leggi. Mentre le proteste sono organizzate dai sindacati dei contadini, i cui dirigenti partecipano ai tavoli delle trattative, lo stesso fa il Partito del Congresso, il principale partito di opposizione ed ex partito di governo del paese legato alla borghesia nazionale, che è sostenuto dal Partito Comunista dell’India (stalinista). Queste leadership stanno usando la più grande protesta contro un governo in India per migliorare i propri rapporti di forza con Modi, isolando la lotta dal resto della classe operaia, ma l’esplosività e l’estensione di massa della lotta dei contadini spinge le loro direzioni a farsi carico delle loro rivendicazioni.

Un eventuale trionfo della protesta agricola potrebbe ispirare migliaia di persone nella regione, ponendo un limite schiacciante a un governo di ultradestra e nazionalista come quello di Narendra Modi.

Alcune conclusioni

Questi processi che analizziamo si svolgono in un quadro di paesi con tendenze a rafforzare il nazionalismo e i governi repressivi, la cui massima espressione abbiamo visto durante il più grande sciopero del mondo in India. Inoltre, questi regimi hanno per anni diviso la classe operaia che, con molte difficoltà, lotta per organizzarsi in sindacati o altre organizzazioni come abbiamo visto. Questi processi attuali possono essere la base di esperienze per la nascita di organizzazioni future.

L’integrazione e l’estensione dell’attivismo di diversi settori della società civile, spinti dalle necessità economiche e dalla repressione governativa, possono generare condizioni per l’auto-organizzazione della classe operaia e l’autodeterminazione delle masse. Un esempio di questo è il Myanmar.

Per il momento, la debolezza di questi “movimenti di disobbedienza civile” è che rispondono ancora a direzioni borghesi legate molte volte agli Stati Uniti, all’Unione Europea, all’ONU o alle ONG, come nel caso del Myanmar e della Thailandia. Anche se diverse lotte operaie sono state portate avanti a dispetto delle direzioni sindacali e politiche, non si sono ancora espresse tendenze di indipendenza di classe che possano imporre un programma e un’agenda politica propri. Ma le lotte attuali mostrano che una tendenza di lotta di classe si sta approfondendo in tutta la regione, e che una volta che le restrizioni pandemiche si apriranno è probabile che prenda più forza. Ogni passo in cui la classe operaia partecipa in alleanza con i diversi movimenti sociali è un salto verso questa prospettiva.

 

Salvador Soler

Traduzione da La Izquierda Diario