Pubblichiamo di seguito l’invito al corteo, lanciato dal coordinamento romano e laziale del Patto d’azione anticapitalista – per un fronte unico, che si terrà venerdì alle 17 a Roma, con ritrovo in Piazza Mario Salvi, Primiavalle.


LAVORO, CASA, SALUTE E DIGNITÀ
FACCIAMO PAGARE LA CRISI AI PADRONI!

Al Covid-19 sta seguendo una crisi senza precedenti. La disoccupazione cresce, migliaia di lavoratori hanno perso il posto di lavoro e all’orizzonte ci sono milioni di licenziamenti. Alle conseguenze economiche della pandemia si affianca il collasso di un sistema sanitario con sempre meno personale e ospedali a causa di tagli, aziendalizzazione e privatizzazioni.
Nell’emergenza lo Stato centrale e le amministrazioni hanno tutelato esclusivamente le imprese puntando a scaricare sulla collettività i costi della crisi. Le misure di sostegno ai lavoratori sono assenti o insufficienti. Per il Reddito di Emergenza è arrivato meno di un miliardo, mentre le famiglie fanno fatica a vivere. Mancano sostegni a disoccupati/e, precari/e, lavoratori autonomi, con molti persino affamati.

Vogliamo adeguato sostegno al reddito, un lavoro dignitoso, sicuro e giustamente remunerato. Chiediamo blocco di affitti, sgomberi e sfratti, il pagamento della CIG, le misure di sostegno sociale universali e incondizionate, un Sistema Sanitario Nazionale per tutti, gratuito ed umanizzato, in cui la salute non sia una merce per profitti. Ci opponiamo alla criminalizzazione dei lavoratori in nero, privi di diritti e vittime dei ricatti di questo sistema, chiediamo la loro stabilizzazione.

Questa drammatica situazione non è dovuta a qualche malfunzionamento governativo o amministrativo, ma prescinde dalle “poltrone” occupate. Rappresenta l’effetto diretto del capitalismo, congegnato per produrre il profitto di pochi sullo sfruttamento di molti, sulla malattia, sulla precarietà e sulla miseria. Un sistema fatto per “prendere ai poveri per dare ai ricchi”. Sappiamo che nulla ci verrà regalato e che la lotta per queste conquiste immediate va unita a quella anticapitalista.

Serve dar vita a una stagione di mobilitazione che metta al centro le lotte dei lavoratori e che sia capace di opporre al fronte dei padroni un fronte unico di classe in grado di contrattaccare all’offensiva che ci sta colpendo.

Uniti siamo forti, organizzati saremo invincibili.