La pandemia di Covid-19, di cui l’Europa è stata uno degli epicentri, ha aumentato il divario tra i paesi del sud e del nord del continente. Il piano proposto da Macron e Merkel è stato pensato come un modo per salvare la nave dell’UE: l’attuale vertice europeo, tuttavia, ha appena messo a nudo la profonda crisi politica che lo scuote.


Da venerdì mattina, i capi di Stato dei 27 paesi dell’Unione Europea si sono riuniti a Bruxelles per un vertice europeo che è quello di determinare i meccanismi di ripresa, sovvenzioni o prestiti di fronte alla crisi economica. Le discussioni si stanno impantanando e, in diverse occasioni, alcuni protagonisti hanno minacciato di lasciare il tavolo delle trattative, arrivando a una firma finale con estrema difficoltà lunedì scorso. Quest’ultimo è stato il più lungo vertice dell’Unione europea della storia, superando i tre giorni e mezzo del vertice di Nizza del 2000 sull’estensione dell’UE. Indipendentemente dall’esito effettivo di questo vertice, la crisi economica sta riaccendendo in modo estremamente forte elementi latenti di crisi politica. Il quotidiano tedesco die Welt, per esempio, ha riferito ieri che il “vertice del caos” ha messo fine all'”illusione europea” dell’unità tra gli Stati e ha aumentato apertamente le tensioni e i disaccordi tra di loro. In Francia, Le Monde riporta “colpi di testa e porte che sbattono”. 750 miliardi, tra prestiti (da rimborsare) e sussidi agli Stati, e sulla condizionalità di questi aiuti, i Paesi cosiddetti “frugali” (Paesi Bassi, Danimarca, Svezia, Austria e ora Finlandia) che vogliono ridurre il più possibile l’importo destinato ai sussidi, vogliono esercitare un forte controllo sui Paesi che ne beneficerebbero, rendendoli soggetti a riforme di austerità. Altri ostacoli a un accordo unanime tra i 27, la condizionalità degli aiuti al rispetto dello stato di diritto, che è rivolta principalmente ai governi reazionari in Ungheria e Polonia, nonché la condizionalità degli aiuti a un programma di riduzione delle emissioni di carbonio che rischia di creare una situazione di stallo con la Polonia. Anche il bilancio europeo per il periodo 2021-2027 è in discussione.

Al di là delle questioni immediate che si oppongono agli Stati, c’è soprattutto il problema della crescente crisi dell’Unione europea, che si sta accentuando con questo vertice. Lo scenario di un’impasse e l’impossibilità di una risposta alla crisi, anche se questo scenario sembra essere evitato dai vari Stati che si trovano ancora a Bruxelles quando il vertice avrebbe dovuto concludersi domenica, sarebbe una feroce ammissione di impotenza, prima di tutto per Macron e Merkel. Riproponiamo quindi oggi un articolo pubblicato a fine maggio, in cui ci siamo posti la domanda: “L’accordo di Macron-Merkel salverà l’UE dalla debacle? ».

***

L’UE sull’orlo dell’abisso

Già duramente colpiti al culmine della pandemia, la mancanza di solidarietà e le differenze tra i Paesi europei potrebbero aggravarsi nel contesto della crisi economica che si sta profilando e dei piani di ripresa che ogni Paese intende mettere in atto per salvare la propria economia. Infatti, la mancanza di una risposta comune rischia di favorire soluzioni nazionali, scoordinate o addirittura opposte. Si tratta di una nuova situazione che minaccia di far risorgere la crisi dell’euro, che non è mai stata realmente risolta. La moneta unica non ha contribuito a rafforzare la coesione tra il Nord e il Sud dell’Europa, né le misure adottate sulla scia della crisi del debito sovrano (2010-2012) dopo la crisi finanziaria del 2008. Tuttavia, a differenza di quest’ultima crisi europea, la crisi attuale colpisce tutti i paesi, compresi i più potenti. I vari Stati hanno annunciato piani di ripresa nazionali, necessariamente disuguali, e rischiano quindi di esacerbare le differenze all’interno dell’Unione, aumentando la frammentazione della zona euro.

Come spiega John Springfor, vicedirettore del Centro per la riforma europea, sul Financial Times,

Ci sono diverse ragioni per cui il Covid-19 sta facendo più danni nell’Europa meridionale. L’Italia e la Spagna sono state colpite per prime dalla pandemia. Il pesante tributo che entrambi i paesi hanno dovuto sopportare ha permesso agli altri di contenersi più rapidamente, limitando la diffusione dell’epidemia e accorciando la durata del contenimento. Come dimostra la nostra ricerca, i tedeschi potranno tornare al lavoro prima degli italiani o degli spagnoli. Ogni mese di reclusione riduce il PIL annuo del paese interessato del 2-3%. Le misure di contenimento sono più dolorose anche nell’Europa meridionale. Grecia, Spagna, Italia e Portogallo hanno settori turistici o industriali più grandi – o a volte entrambi – rispetto ai paesi del nord. Gli impiegati possono lavorare più facilmente da casa, mentre nelle fabbriche o nell’industria del tempo libero, i dipendenti devono necessariamente lavorare fianco a fianco o vicino ai clienti. Il turismo ha anche un carattere più stagionale nelle regioni che si affacciano sul Mediterraneo rispetto ai paesi del nord. Anche se la Grecia intende riaprire rapidamente il suo settore turistico, è probabile che le misure di contenimento in tutta Europa continuino durante l’estate [in realtà c’è poi stata una cessione molto diffusa delle misure di quarantena, ndt], quando i paesi dell’Europa meridionale possono incassare il massimo del profitto. Inoltre, i paesi dell’Europa meridionale dispongono di risorse fiscali più limitate per sostenere le imprese e i lavoratori forzatamente a riposo. La Commissione europea è già preoccupata che l’ampio programma di prestiti garantiti della Germania alle proprie imprese possa mettere a repentaglio il mercato unico. Ciò è dovuto al fatto che i paesi della parte meridionale dell’UE hanno livelli di indebitamento più elevati e costi di indebitamento più elevati, il che li rende meno capaci di utilizzare il loro reddito nazionale per proteggere le loro imprese dal fallimento, o per stimolare la ripresa. Ciò significa che i paesi del Nord saranno in una posizione migliore per conquistare grandi quote di mercato in tutta Europa quando la pandemia finirà. Essa minerà anche la crescita dell’Europa meridionale rispetto al nord.

A causa di queste divergenze, anche il debito pubblico aumenterà notevolmente, rendendo più difficile per i paesi già indebitati contrarre prestiti per alimentare i loro programmi di stimolo. Non si può escludere il peggiore scenario di un’esplosione della moneta comune, a seguito di un nuovo attacco speculativo all’Italia che avrebbe ripercussioni sullo Stato spagnolo e sulla Francia. Anche se la Banca centrale europea cerca di evitare tale situazione continuando a intervenire sui mercati, la profondità della crisi mette in discussione l’efficacia di questa strategia. È in questo contesto critico che va analizzata la reazione dell’asse franco-tedesco, e il turno della cancelliera Angela Merkel.

 

Tocca a Merkel, un momento “hamiltoniano” in Europa?

Berlino ha a lungo resistito alle ambizioni di Parigi, portabandiera dei paesi del Sud, per una migliore distribuzione della pressione fiscale, rimanendo incrollabile di fronte alle argomentazioni che indicano il pericolo futuro per la stabilità dell’eurozona. In questo contesto, la proposta franco-tedesca di un fondo di recupero di 500 miliardi di euro per contribuire a rispondere agli impatti economici della pandemia del coronavirus, che include il principio dei trasferimenti diretti per le regioni più colpite piuttosto che dei prestiti, finanziati da un debito comune dell’UE, è una concessione importante che la dice lunga sulla gravità della crisi.

Per alcuni è un momento “hamiltoniano”, riferendosi al primo segretario del Tesoro statunitense, Alexander Hamilton, che riuscì a mutualizzare il debito degli Stati le cui casse erano state svuotate dalla guerra d’indipendenza contro la corona britannica tra il 1775 e il 1783. Questo è il riferimento storico scelto mercoledì scorso dal ministro delle Finanze tedesco Olaf Scholz per difendere il piano franco-tedesco in un’intervista a Die Zeit. È chiaro che, per la prima volta, le due maggiori economie della zona euro si sono riunite per proporre uno “strumento di debito comune” e che per garantire le centinaia di miliardi di nuovi prestiti, l’UE dovrà aumentare il gettito fiscale. Quindi la nota più entusiasta è che per ottenere risorse aggiuntive, l’UE dovrà riscuotere nuove tasse per conto proprio, cioè tasse paneuropee basate su attività economiche transfrontaliere, come le tasse sulle emissioni di carbonio o sulle transazioni finanziarie.

Ma, tenendo conto dell’Europa reale, non si dovrebbe mettere il carro davanti ai buoi. Innanzitutto, non è una garanzia di solidarietà tra gli Stati europei sui debiti passati, ma per dare accesso a 500 miliardi di euro di nuovi fondi per combattere le conseguenze sanitarie, economiche e sociali della crisi del Coronavirus. E, cosa ancora più importante, il denaro non arriverà senza condizioni. Secondo Francia e Germania, il sostegno dell’UE richiederà ai beneficiari di seguire “politiche economiche sane e un ambizioso programma di riforme”. Niente di meglio per smorzare le speranze di alcuni leader dell’Europa meridionale, come il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez, che avrebbero potuto pensare che l’UE avrebbe sostenuto il governo spagnolo senza chiedere nulla in cambio. Infatti, mentre il denaro non sarà rimborsato direttamente dai governi che lo utilizzano, e non saranno indebitati con i mercati, gli importi pagati proverranno comunque da prestiti concessi dall’UE (attraverso la Commissione) che dovranno essere rimborsati. L’Italia, ad esempio, che sarà uno dei principali beneficiari, dovrà contribuire al rimborso, anche se in misura molto minore rispetto alla Germania (11% contro il 27% rispettivamente). Più in generale,

per vari motivi, tuttavia, il piano rimane lontano dalla logica hamiltoniana dello stato-nazione o della costruzione della nazione. Non vi sarà alcun raggruppamento del debito esistente e il fondo di sostegno è destinato ad essere una misura temporanea. Inoltre, alcuni Stati membri potrebbero opporsi a questa proposta. Perché il piano sia davvero un momento “hamiltoniano”, gli Stati membri dovrebbero andare oltre e dare all’UE notevoli poteri fiscali,

secondo Shahin Vallée del Consiglio degli Affari Esteri tedesco, citato dal Financial Times. Secondo lo stesso giornale,

nulla nell’accordo proposto tende a questa prospettiva. I piani della Commissione, che saranno presentati la prossima settimana, proporranno probabilmente di dotarla di ulteriori ‘risorse proprie’ (…). L’UE è già in parte finanziata con risorse proprie, compresi i dazi doganali, ma un’ulteriore fonte di entrate contribuirebbe a finanziare il nuovo debito della Commissione. Tuttavia, un vero passo avanti verso un’unione fiscale implicherebbe il trasferimento di molte più risorse proprie. Richiederebbe anche l’accordo unanime degli Stati membri, pur essendo inaccettabile per molti bilanci nazionali (…). Un’unione fiscale dovrebbe logicamente avere un unico ministro delle finanze, responsabile dei prestiti e delle spese. Tuttavia, il piano franco-tedesco dovrebbe avere uno scarso effetto sul sistema ibrido di governance dell’UE. Allo stesso modo, poiché approvano il bilancio dell’UE ogni sette anni, i governi nazionali hanno anche l’ultima parola su eventuali nuove tasse UE.

L’UE, tra crepe interne e battaglia geopolitica globale

La realtà che impedisce il progresso verso uno Stato federale è che le differenze all’interno dell’UE sono strutturali. Lo spartiacque Nord-Sud è il più profondo del continente e ha oggi come anello debole l’Italia, che, a causa del peso di quel paese, mette a repentaglio l’intero edificio europeo costruito fino ad oggi. Come ha detto il presidente del Consiglio italiano ed ex commissario europeo Mario Monti: “Non si tratta di una questione di dolce vita [riferita alla spesa eccessiva, secondo alcuni Paesi del Nord Europa, di un’Italia estremamente indebitata]. È una questione di vita o di morte [per l’UE].

Il Coronavirus ha giocato sulla stessa linea di faglia tettonica che aveva contribuito a scuotere l’Unione durante la crisi dell’euro, essendo la debacle in Grecia, all’epoca, un avvertimento spettacolare per il futuro. La realtà è che, come dice l’economista eterodosso Juan Laborda, “il problema di fondo con l’Unione Europea è più profondo, perché è stato fatta su misura per la Germania fin dalle sue origini. Da un lato, l’ingresso dell’Europa meridionale nell’euro, con il consenso delle sue élite, ha finito per distruggere il nostro settore industriale, che non era preparato per il libero mercato. Ma non è tutto. Ancora oggi la Germania non vuole ridurre le eccedenze di bilancio attraverso politiche che favoriscano un maggiore consumo delle famiglie. Né ha voluto assumersi le conseguenze del rischio del prezzo degli investimenti delle sue banche. Le banche hanno incanalato i risparmi tedeschi in attività e introiti senza effettuare una corrispondente analisi del rischio, costringendo gli spagnoli e gli irlandesi, ad esempio, a risparmiarli socializzando le perdite bancarie. Per finire, la Germania non si è ancora impegnata a favore di un’unione fiscale che preveda un processo di mutualizzazione dei debiti all’interno dell’Europa e la tassazione dei meccanismi di liquidazione dei salvataggi bancari a spese dei creditori piuttosto che dei contribuenti. In breve, e contrariamente a quanto generalmente si è ipotizzato, l’euro ha in realtà significato un sussidio dall’Europa meridionale alla Germania, in quanto è diventato un semplice rapporto creditore-debitore”.

In questo rapporto ineguale, i Paesi Bassi dicono ad alta voce ciò che la Germania pensa ma non dice. L’economia olandese è infatti interamente dedicata alle esportazioni, che rappresentano fino all’84% della ricchezza nazionale, contro il 31% di Francia e Italia, i valori più bassi dell’Unione. L’Europa settentrionale, ad eccezione della Finlandia, ha tassi di esportazione superiori alla media del PIL ed è anche un contributore netto al bilancio di Bruxelles. Sono pienamente integrati nell’economia tedesca, come nel caso dei Paesi Bassi, da dove proviene gran parte dell’acciaio per l’industria automobilistica o dei beni di consumo attraverso il porto di Rotterdam, un vero e proprio scalo tedesco al pari di Amburgo. Come Berlino, e forse anche più legittimamente, l’Aia non ha quindi alcun incentivo a cambiare lo status quo. Come sottolinea l’economista Paul De Gruawe, citato da Laborda, i leader olandesi, come l’attuale primo ministro Mark Rutte o l’ex capo del governo Jeroem Dijsselbloem, mantengono “pregiudizi antispagnoli, anti-italiani e, in generale, anti-latini e anti-periferici”. Sono convinti di finanziare con i loro risparmi le feste spagnole e gli sprechi degli italiani”. Il rovescio della medaglia di questa “lezione morale” è che questo paese ha un sistema fiscale che non ha nulla da invidiare a quello dei Caraibi: i Paesi Bassi sono un paradiso fiscale nel cuore dell’Europa. “Le multinazionali risparmiano milioni di euro che dovrebbero essere nelle casse dei governi di diversi paesi quando trasferiscono i profitti delle loro filiali attraverso i Paesi Bassi prima che il denaro venga restituito ai conti della società madre. I Paesi Bassi sono responsabili del 15% dell’evasione fiscale globale. Supponendo che l’evasione fiscale globale delle imprese ammonti a circa 150 miliardi di dollari, circa 22 miliardi di dollari vengono dirottati dai Paesi Bassi”, secondo l’olandese Arjan Lejour dell’Economic Policy Analysis Bureau (CPB) del Ministero dell’Economia olandese e professore di Finanze pubbliche all’Università di Tilburg. Come è organizzato tutto ciò? Secondo El Confidencial, passa attraverso il “panino olandese”, dove “il denaro passa attraverso società fittizie – uffici fisici senza dipendenti e senza attività reale – create dalle stesse multinazionali nei Paesi Bassi. Questi fondi beneficiano di un “bagno di riduzione fiscale” perfettamente legale agli occhi dello Stato. Poiché la maggior parte dei paesi europei ha regole che rendono difficile inviare gli utili direttamente nei paradisi fiscali, le società li trasferiscono prima nei Paesi Bassi, dove sono tassati – ma molto meno che se avessero dichiarato il reddito nel paese della sede centrale effettiva o in quello di altre filiali stabilite in altri paesi. E una volta legalizzati in questo modo, gli utili possono essere trasferiti al paradiso fiscale di scelta della società, dove saranno aggiunti al capitale proprio della società. La somma di queste imposte perdute ammonta ad almeno 22 miliardi di euro”.

Tuttavia, in questo quadro strutturale, rispetto alla crisi del 2010-12, c’è una differenza, e significativa. All’epoca l’epicentro era la periferia: Portogallo, Grecia, Irlanda, Cipro. Di conseguenza, la Germania ha cercato di limitare i piani di salvataggio allo stretto necessario, ha avuto molto più potere contrattuale per imporre riforme in cambio di “aiuti”. Nell’attuale crisi che colpisce tutta l’Europa, la Germania deve mantenere un difficile equilibrio. Da un lato, deve facilitare la distribuzione della liquidità all’interno dell’UE, soprattutto verso il Sud, per salvare il mercato unico, che è lo strumento che permette di esportare tanto. E, d’altra parte, deve ridurre al minimo la distribuzione del debito per conservare il suo ruolo di garante di ultima istanza.

La svolta della Merkel cerca di affrontare questa difficile equazione. Ecco perché, di fronte all’elogio della stampa francese per Macron come iniziatore dell’affare, la Merkel ha confermato ancora una volta che la Germania è il leader dell’UE, grazie alla sua capacità unica di concludere affari in Europa per le sue dimensioni, la sua posizione geografica, il suo successo economico e il forte consenso interno a favore dell’UE. La tanto decantata resurrezione dell’asse franco-tedesco serve solo a mascherare, con accenti parigini, il crescente dominio della Germania sull’UE. Accanto a questo elemento più globale, la prospettiva di un crollo dell’industria del Nord Italia (meccanica, chimica, farmaceutica), integrata nelle catene del valore tedesche, rappresenta un pericolo per i maggiori produttori del paese, a partire dall’industria automobilistica. Tuttavia, e per le ragioni che abbiamo citato nel caso dei Paesi Bassi, quattro paesi dell’Unione Europea, Danimarca, Austria, Svezia e, nello specifico, l’Olanda, hanno presentato questo sabato un contropiano alle proposte di Merkel e Macron, senza modificare il quadro generale.

Ma se questi elementi all’interno dell’UE hanno indubbiamente influenzato la decisione della Germania, la battaglia geopolitica in corso, accelerata dalla pandemia, può essere stata un fattore decisivo. La crisi ha accentuato le tendenze precedenti: il ritorno della spesa pubblica keynesiana, la tendenza a delocalizzare alcune produzioni ritenute strategiche, l’intensificarsi del confronto tra Cina e Stati Uniti. Ciò rende più difficile la posizione equidistante della Germania, che mira a preservare entrambi i mercati (in termini di offerta e di sbocchi). Mentre la Merkel, recentemente come l’anno scorso, sperava che la Germania avrebbe protetto meglio gli interessi dell’UE raggiungendo un accordo con la Cina, Il Covid-19 ha dimostrato che un tale accordo è impossibile. Allo stesso modo, l’elezione di Donald Trump alla Casa Bianca aveva già mostrato alla Cancelliera quanto fosse diventato inaffidabile un alleato degli Stati Uniti.

In questo quadro, l’obiettivo dichiarato di Francia e Germania non è semplicemente quello di permettere all’UE di superare la crisi economica causata dalla pandemia Covid-19 , ma di “uscire da questa crisi più forte di prima”. A tal fine, intendono agire “come europei” e “unire le forze come mai prima d’ora”. Così, insieme alla nuova proposta di un piano di ripresa e di mutualizzazione del debito descritta sopra, il documento franco-tedesco sostiene che le sfide del futuro richiedono che l’UE sviluppi “un’economia e una base industriale resiliente e sovrana” e un “mercato unico forte” e propone che l’Unione sia la vera sostenitrice globale di un “ambizioso ed equilibrato programma di libero scambio con l’Organizzazione Mondiale del Commercio come fulcro”.

Ancora più esplicitamente, si può leggere su Politico come

Francia e Germania hanno raggiunto lunedì un accordo politico di alto livello a favore della creazione di giganti industriali europei nella ripresa post Coronavirus, difendendo una posizione contraria alla politica antitrust della Commissione Europea. Parigi e Berlino hanno raggiunto l’accordo dopo che Bruxelles ha bloccato la fusione ferroviaria tra Siemens e Alstom nel 2019. Per la Francia e la Germania, questa potenziale fusione incarnava il tipo di gigante europeo in grado di tenere testa all’industria cinese, anche se Bruxelles aveva avvertito che un’azienda così dominante sarebbe stata un cattivo affare per i consumatori europei e le piccole imprese subappaltatrici. Invece di piegarsi a Bruxelles, Parigi e Berlino stanno intensificando i loro sforzi per far sì che l’UE cambi le sue regole di concorrenza. La Commissione europea deve adeguare la sua strategia industriale per riprendersi dal Coronavirus e “in particolare per modernizzare la politica di concorrenza europea accelerando l’adeguamento degli aiuti di Stato e delle regole di concorrenza”, [secondo] una dichiarazione franco-tedesca, aggiungendo che “penseremo anche molto attentamente – e penso dopo questa crisi”, lo faremo in modo ancora più preciso – nel modo di creare campioni europei”, [nelle parole della] cancelliera tedesca Angela Merkel in una conferenza stampa virtuale congiunta con il presidente francese Emmanuel Macron, aggiungendo che le regole di concorrenza dell’UE sono state applicate in modo ‘molto concentrato’ sulla concorrenza in Europa. “Abbiamo visto che altri, che si tratti di Stati Uniti, Corea del Sud, Giappone o Cina, si sono affidati molto a giganti di staa mondiale, e credo che questo approccio sia la risposta necessaria. Non dobbiamo avere paura di avere dei ‘campioni del mondo’, ma dobbiamo lavorare per questo”.

Tuttavia, nonostante queste pompose dichiarazioni che mostrano una nuova volontà da parte di Berlino di liberarsi da certi ostacoli, a causa delle sue contraddizioni e dei suoi limiti strategici sia all’interno che all’esterno, ci sono tutte le ragioni per credere che questo processo sarà molto lento e irto di ostacoli.

In conclusione, l’UE è sotto la pressione di varie forze interne ed esterne da cui dipenderà il suo futuro e, in larga misura, le relazioni interstatali negli anni a venire. Mentre la feroce battaglia geopolitica sta avvicinando gli Stati europei, le forze interne, come gli impulsi nazionalisti e gli interessi economici più ristretti dei singoli Stati membri, stanno dividendo l’UE. Come abbiamo dimostrato, le forze interne sono ancora estremamente potenti e non saranno facilmente superate. Allo stesso tempo, anche se il fronte Merkel-Macron li rafforza immediatamente sul fronte interno – il che è particolarmente vero per il presidente francese che è stato colpito duramente sul fronte interno (gilet gialli, sciopero contro la riforma delle pensioni) così come dalla gestione catastrofica della crisi sanitaria – apre una serie di contraddizioni per il prossimo periodo che possono essere sfruttate dal proletariato a condizione che difenda una politica indipendente.

 

Questa non è la nostra Unione. Per l’esproprio del settore bancario, nella prospettiva di un’Europa dei lavoratori

Non appena è stata resa pubblica la dichiarazione del tandem Merkel-Macron, il DGB, la confederazione sindacale tedesca e le cinque centrali sindacali francesi – CFDT, CFTC, FO, UNSA ma anche CGT – hanno lanciato una piattaforma che chiede un sostegno critico all’iniziativa franco-tedesca. Pur deplorando “la mancanza di consultazione tra gli Stati membri all’inizio della pandemia, che può aver portato a decisioni non coordinate, anche a danno l’uno dell’altro” e affermando che essi “condannano con forza gli incidenti xenofobi avvenuti al confine franco-tedesco e che ci ricordano con orrore uno dei capitoli più oscuri della nostra storia”, L’orientamento principale della dichiarazione di questi sindacalisti si basa sulla “necessità di una strategia di ripresa efficace, che deve andare oltre i 500 miliardi di euro annunciati da Francia e Germania”. Il piano di ripresa deve essere accompagnato da un nuovo ambizioso quadro finanziario pluriennale di almeno il 2% del prodotto interno lordo (PIL) europeo”. Approfittando di questo forte ritorno dell’asse franco-tedesco, i leader sindacali continuano a mantenere l’illusione reazionaria che sarebbe possibile “approfondire l’Europa sociale”, illusione che ha mostrato il suo vero volto negli ultimi anni e che potrebbe rivelarsi ancora più dannosa nei mesi a venire. “Il piano di ripresa annunciato dalla Commissione Europea, a complemento delle direzioni sindacali di entrambe le sponde del Reno, deve basarsi sull’iniziativa franco-tedesca e non deve abbandonare le ambizioni annunciate con il ‘Green deal’ per una transizione ecologica socialmente giusta e un modello economico più equo, più sostenibile e che rimetta le persone al centro”.

Queste variazioni su varie scale di riformismo e di conciliazione di classe rafforzano l’idea che ci sarebbe una possibile unità di interessi tra le grandi multinazionali, a beneficio delle quali l’UE governa, e il mondo del lavoro. La loro funzione è quella di coprire, con una patina “sociale”, il ruolo reazionario che è quello dell’Unione e che non mancherà di approfondire, in vista della crisi attuale. Ancora una volta, diciamo forte e chiaro, di fronte al ruolo burocratico svolto dalla Confederazione europea dei sindacati (CES), che l’UE è solo un’associazione di paesi con interessi diametralmente opposti a quelli dei lavoratori. È una struttura che non è affatto progressista e non può essere riformata in nessun caso. In altre parole, è impossibile migliorare l’Unione Europea senza cambiare radicalmente il suo contenuto di classe. Ciò significherebbe, di concerto, liquidare il carattere imperialista dell’UE, di cui soffrono i paesi dell’Europa centrale e orientale, che sono stati integrati nel seno di Bruxelles alla maniera delle semicolonie dopo la disintegrazione dell’ex blocco sovietico, ma anche sofferto dai popoli della periferia capitalista che sono costretti ad emigrare a causa della politica di saccheggio praticata dai vari imperialismi europei e che si trovano, una volta al confine con l’UE, di fronte alla “Fortezza Europa”.

Di fronte alla proposta reazionaria di “riformare” l’UE o di chiedere un'”Europa più sociale” di fronte alla globalizzazione capitalista, i vari sostenitori della sovranità ritengono che le loro tesi siano pienamente confermate. Tuttavia, il patriottismo economico delle vecchie potenze imperialiste non può che portare, come in passato, a più conflitti e guerre. Così come la grande borghesia ha internazionalizzato il suo capitale e abbracciato la causa del globalismo – senza mai rinunciare alle sue basi nazionali – i sovranisti presentano l’idea di nazione come una grande novità. Eppure, come ha sottolineato Lev Trotsky di fronte all’ascesa del nazionalismo reazionario negli anni Trenta,

il patriottismo nel suo senso moderno – o, più precisamente, nel suo senso borghese – è un prodotto del XIX secolo. (…) Ma lo sviluppo economico dell’umanità che ha spazzato via il particolarismo medievale non si è fermato all’interno dei confini nazionali. Lo sviluppo del commercio mondiale è stato parallelo alla formazione delle economie nazionali. La tendenza a questo sviluppo – almeno per i paesi avanzati – si è espressa nello spostamento del baricentro dal mercato interno a quello esterno. Il XIX secolo è stato segnato dalla fusione del destino della nazione con quello della sua vita economica, ma la tendenza fondamentale del nostro secolo è la crescente contraddizione tra nazione e vita economica”.

Questa contraddizione è ancora più acuta oggi, dopo il fenomenale processo di internazionalizzazione delle forze produttive sulla scia della seconda guerra mondiale, che si è accelerato negli ultimi decenni. Non è un caso, inoltre, che ogni volta che leader europei come Merkel o Macron parlano di “sovranità”, il termine si applica non tanto alla Francia o alla Germania quanto allo spazio europeo in generale. Credere che sia possibile tornare ai confini nazionali nel quadro dei grandi poli che dominano l’economia mondiale è illusorio, per l’organizzazione della produzione, quanto l’efficacia della chiusura delle frontiere che i sovranisti di destra hanno chiesto per evitare la diffusione di Covid-19. Progressi reali come il grado di europeizzazione delle forze produttive, i collegamenti sovranazionali a più livelli e le tendenze all’unificazione culturale non possono essere sacrificati sull’altare del nazionalismo, del protezionismo e del militarismo che lo accompagna.

Come si può garantire l’unità economica dell’Europa -chiedeva Trotsky nello stesso testo – pur preservando la piena libertà di sviluppo culturale dei popoli che vi abitano? Come si può integrare un’Europa unificata in un’economia mondiale coordinata? La soluzione non si può trovare con la divinizzazione della nazione, ma, al contrario, con la totale liberazione delle forze produttive dalle catene imposte loro dallo Stato nazionale.

Solo il proletariato, come classe veramente universale, è in grado di svolgere questo compito in modo progressivo e al servizio dell’intera umanità, consentendo un’espansione dei progressi tecnologici nel rispetto dell’equilibrio ambientale e in modo tale da ridurre notevolmente il carico umano di lavoro. Questo è il senso della nostra lotta per un’Europa unita e socialista, per un’Europa dei lavoratori.

Nel prossimo periodo, data la centralità che acquisirà l’emissione del debito e visti gli affitti parassitari riscossi dal sistema finanziario, dobbiamo difendere la domanda di espropriazione delle grandi banche private, dei fondi di investimento, dei grandi gruppi assicurativi capitalisti e la nazionalizzazione del sistema creditizio. Dato l’enorme e mostruoso sviluppo del capitale finanziario, che è uno degli aspetti della crisi attuale, uno dei capitoli del Programma di transizione del 1938 acquisisce una rinnovata attualità:

Imperialismo significa dominio del capitale finanziario. Fianco a fianco con trust e cartelli, e molto spesso collocandosi al di sopra di essi, le banche concentrano nelle proprie mani l’effettivo dominio dell’economia. Nella loro strutturazione, le banche riflettono, in forma concentrata, l’intera struttura del capitale moderno: combinano le tendenze al monopolio con le tendenze all’anarchia. Organizzano i miracoli della tecnologia, grandi imprese, potenti trust; e organizzano anche il carovita, le crisi, la disoccupazione. È impossibile compiere un solo passo serio nella lotta contro il dispotismo dei monopoli e contro l’anarchia capitalistica – che si integrano a vicenda nella loro opera distruttiva – se i posti di comando delle banche sono lasciati nelle mani dei briganti capitalisti. Al fine di creare un sistema unificato di investimento e di credito, nel quadro di un piano razionale che risponda agli interessi di tutta la popolazione, è necessaria la fusione di tutte le banche in un unico istituto nazionale. Solo l’esproprio delle banche private e la concentrazione dell’intero sistema creditizio nelle mani dello Stato forniranno a quest’ultimo risorse reali – cioè materiali e non meramente fittizie o burocratiche – per la pianificazione economica. 

L’esproprio delle banche non implica in nessun caso l’esproprio dei depositi bancari. Al contrario, la banca unica di Stato potrà creare per i piccoli depositi condizioni molto più favorevoli delle banche private. Allo stesso modo, solo la banca di Stato può stabilire condizioni di credito favorevoli, cioè a buon mercato, per i contadini, gli artigiani e per i piccoli commercianti. Ancora più importante, è, comunque, il fatto che l’intero sistema economico (in primo luogo la grande industria e i trasporti), ora nelle mani di un’unica direzione finanziaria, sarà messo al servizio degli interessi degli operai e di tutti gli altri lavoratori.

In ogni caso, la statalizzazione delle banche produrrà questi risultati positivi solo se il potere statale stesso passerà completamente dalle mani degli sfruttatori a quelle dei lavoratori.

Una campagna per l’espropriazione del settore bancario da parte di forze che si dichiarano di estrema sinistra consoliderebbe una posizione indipendente, sia contro la borghesia e i suoi partiti che mirano a mantenere l’attuale sistema di dominio della finanza e dei grandi capitali, come dimostra l’accordo Merkel-Macron, ma anche contro i nazionalisti che si accontentano di rimproverare Bruxelles per aver seguito, in ultima istanza e nel peggiore dei casi, esattamente la stessa politica neoliberale, come poteva fare Matteo Salvini quando la Lega era al governo in Italia – ma anche contro chi, a sinistra, rivendica la “sovranità francese” contro Berlino, il che equivale a difendere i capitalisti francesi [o italiani, ndt] come se non approfittassero della situazione e non partecipassero allo sfruttamento dei popoli e alla spoliazione delle colonie e delle semicolonie. Una campagna di questo tipo, che potrebbe essere condotta, nel caso francese, dal Nouveau Parti Anticapitaliste e da Lutte Ouvrière, rafforzerebbe all’interno del mondo del lavoro l’idea che solo un governo dei lavoratori può offrire una soluzione di fronte alla situazione catastrofica che si avvicina rapidamente, di fronte ai vari accordi e piani emersi dai vertici europei tra i governi capitalisti che si preparano a raddoppiare la loro offensiva nel prossimo periodo.

 

Juan Chingo

Traduzione da Révolution Permanente