La campagna è promossa da organizzazioni e personalità vicine all’ambasciata dello Stato d’Israele e da ex funzionari del governo di Macri. Così come dai grandi media.

Qui riproduciamo una dichiarazione di ripudio che è già stata sottoscritta da molte organizzazioni per i diritti umani, sociali, sindacali e politiche, in Argentina e all’estero.

Appello internazionale

Vi invitiamo a sottoscrivere la dichiarazione riprodotta qui sotto. In una sessione della Camera dei Deputati dell’Argentina (19 maggio) i deputati del Frente de Izquierda Nicolás del Caño e Juan Carlos Giordano hanno ripudiato i bombardamenti, le persecuzioni e il segregazionismo subiti dai palestinesi da parte dello Stato di Israele. Dall’ambasciata israeliana, dirigenti politici e giornalisti di destra hanno lanciato una campagna contro il Frente de Izquierda y de los Trabajadores – Unidad, dove equiparano l’antisionismo all'”antisemitismo”, come abbiamo visto a livello internazionale, cercando di impugnare e perseguire qualsiasi messa in discussione dello Stato di Israele. Il ripudio di questo attacco in Argentina fa parte della lotta in difesa dei diritti del popolo palestinese.

Pronunciamento per il diritto democratico di difendere la Palestina libera e in difesa del deputato Juan Carlos Giordano.

Organizzazioni locali e personalità vicine all’ambasciata dello Stato d’Israele stanno sviluppando un attacco antidemocratico contro il deputato nazionale di Izquierda Socialista en el Frente de Izquierda Unidad, Juan Carlos Giordano.

Nella seduta della Camera dei Deputati di mercoledì scorso, 19 maggio, 2021 Giordano ha parlato contro i bombardamenti genocidi dello Stato di Israele a Gaza, l’occupazione e in difesa del popolo palestinese e per il diritto di entrambi i popoli – ebrei e palestinesi – a vivere in pace nella regione, senza persecuzioni etniche o religiose di alcun tipo.

Giordano viene bollato come “nazista e antisemita” nei social e negli altri media, da queste organizzazioni e da personalità vicine all’ambasciata israeliana, chiedendo che venga “espulso” dalla Camera dei Deputati. Il noto giornalista Eduardo Feinman è uno dei portavoce di questa campagna.

Questa campagna va contro tutti coloro che difendono la causa palestinese e ripudiano la politica di usurpazione delle loro terre da più di settant’anni da parte dello Stato d’Israele. Sarebbe un grave precedente, con l’obiettivo di mettere a tacere le voci che si levano democraticamente a condannare questi oltraggi, sia nel Congresso che in qualsiasi altro ambito.

Noi sottoscritti ci dichiariamo contrari alla richiesta di espulsione di Giordano dal Congresso, così come a qualsiasi altra sanzione.

Ripudiamo questa campagna diffamatoria e difendiamo il diritto alla libertà di espressione di tutti coloro che sostengono la causa palestinese rivendicando, nel paese e nel mondo, una Palestina libera.