Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato George Floyd, è accusato di omicidio intenzionale e gli altri tre complici della polizia sono stati infine arrestati. Questa è una vittoria importante per il movimento. Ma queste proteste sono diverse da ciò a cui gli USA ci avevano abituato, e hanno un grande potenziale di sviluppo e di approfondimento su un piano politico generale, di sistema.


Per più di una settimana, nuove proteste sono scoppiate ogni giorno negli Stati Uniti in risposta all’omicidio di George Floyd da parte della polizia di Minneapolis. Quella che è iniziata a Minneapolis come una piccola rivolta contro decenni di violenza della polizia si è diffusa in quasi tutte le grandi città del paese e in molti piccoli centri. Chicago, Los Angeles, New York, Oakland, Seattle, Denver, Louisville, Washington D.C., Atlanta e oltre 140 altre città sono esplose di rabbia e agitazione. Nel frattempo, giovani e lavoratori di tutto il mondo hanno organizzato manifestazioni e marce di solidarietà, come a Londra, Berlino, Auckland, Copenaghen e Toronto. Martedì 2 a Parigi, migliaia di manifestanti hanno affrontato la polizia, chiedendo giustizia per George Floyd e la fine del razzismo poliziesco. Nonostante la minaccia del coronavirus, oltre alle ritorsioni della polizia, centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo sono scese spontaneamente in strada per chiedere la fine della violenza della polizia e per mostrare la loro rabbia direttamente contro un sistema che li ha abbandonati.

I manifestanti negli Stati Uniti si sono scontrati con la polizia e hanno incendiato auto di pattuglia, edifici governativi, sedi di imprese, e la Guardia Nazionale è stata dispiegata in diverse città e Stati del paese per reprimerli. Nel frattempo, migliaia di manifestanti sono stati arrestati, centinaia sono stati feriti da armi “non letali”, almeno uno è stato ucciso nel bel mezzo delle manifestazioni, e due giornalisti hanno perso la vista dopo essere stati colpiti da proiettili di gomma sparati dalla polizia.

Il presidente Donald Trump – non estraneo ai controversi incitamenti alla violenza – ha incoraggiato lo Stato e ha armato i suprematisti bianchi e i vigilantes ad attaccare i manifestanti, dicendo “quando iniziano i saccheggi, iniziano le sparatorie”, mostrando le sue priorità. Da allora ci sono stati almeno due atti di violenza da parte dei vigilanti bianchi contro i manifestanti, e domenica il proprietario del ristorante David McAtee è stato ucciso dalla Guardia Nazionale a Louisville, Kentucky. Il suo corpo è stato lasciato per strada per 12 ore. Il giorno dopo, in una conferenza con i governatori, il presidente Trump ha detto che la sua risposta alle manifestazioni è stata “debole” e li ha esortati a “sottomettere” i manifestanti ribelli, aggiungendo “devono arrestare la gente, e devono essere processati e messi in prigione per lunghi periodi di tempo”. Queste dichiarazioni arrivano poche ore dopo che i manifestanti di Washington D.C. hanno circondato la Casa Bianca, dato fuoco a un posto di guardia e affrontato i servizi segreti a Lafayette Park mentre Trump si nascondeva nel bunker della Casa Bianca.

Nonostante la retorica del presidente e i massicci disordini, i danni alle proprietà e i saccheggi, la maggior parte degli americani continua a sostenere i manifestanti e le loro richieste. I social network, compresi quelli di diverse grandi aziende e società, sono pieni di messaggi di solidarietà. Nel frattempo, il sondaggio nazionale di Reuters, pubblicato martedì 2 giugno, ha mostrato che il 64% degli intervistati era “solidale con i manifestanti che protestano” e il 47% ha dichiarato di non essere d’accordo con la risposta della polizia. Solo il 27% ha dichiarato di essere contrario alle proteste. In un sondaggio di Monmouth pubblicato anch’esso martedì, il 78% degli intervistati ha dichiarato che “la rabbia che ha portato a queste proteste è giustificata o totalmente giustificata”, e uno straordinario 54% si è detto d’accordo con la stessa affermazione anche quando gli è stato chiesto di soppesarla alla luce di quanto accaduto durante le proteste. Questo suggerisce che c’è, almeno per il momento, un ampio consenso sulla necessità di fare qualcosa per il problema della violenza della polizia. Resta da vedere fino a che punto gli americani sono disposti ad andare a sostegno dei manifestanti, ma chiaramente ci sono vaste sezioni della classe operaia pronte e disposte a battersi per un cambiamento sostanziale.

 

E in questo chiaroscuro nascono i mostri”

Anche se gli eventi che si stanno svolgendo sotto i nostri occhi i sono molto fluidi, cambiano quasi quotidianamente, una cosa è chiara: la natura, l’estensione e la virulenza di queste proteste non si vedono negli Stati Uniti da decenni. L’equivalente immediato potrebbe essere la Rodney King Revolts del 1992, che in cinque giorni si è estesa da Los Angeles a diverse città del paese. Ma le proteste per George Floyd vanno avanti da due settimane e, nonostante il coprifuoco e la repressione della polizia, non sono prevalenti i segni immediati di rallentamento.

Il contesto sociale e politico della rivolta di questa settimana è molto più dinamico e volatile di quanto non fosse nel 1992, quando il potere degli Stati Uniti era all’apice. Quindi potremmo assistere a una fase molto più lunga di sconvolgimenti periodici e rivolte simili alle manifestazioni e agli scontri della “lunga e calda estate del 1967”, quando per tre mesi si sono svolte in tutto il paese oltre 150 rivolte – per lo più in risposta alle violenze della polizia – per tre mesi. Come le rivolte globali della fine degli anni Sessanta, di cui la lunga estate calda è stata solo una parte, la rivolta di questa settimana è il prodotto di una combinazione di crisi sociali, politiche ed economiche che stavano bollendo e che sono state portate ad ebollizione dalla pandemia del Coronavirus.

Ma questa congiunzione di crisi fa parte di una “crisi organica” del capitalismo ancora più grande e prolungata, di proporzioni e completezza tali da mettere in discussione la legittimità stessa dell’intero sistema. Queste situazioni, come ha descritto Antonio Gramsci, sono una sorta di interregno, un periodo di cambiamento in cui “il vecchio mondo sta morendo. Quello nuovo tarda a comparire”. In un contesto come questo, possiamo capire meglio queste proteste come forse il primo di molti dolori della nascita che speriamo di vedere nei prossimi mesi o anni.

Tuttavia, mentre queste crisi irrisolte colpiscono i lavoratori di tutto il mondo, hanno senza dubbio colpito gli afroamericani in modo particolarmente duro. E come il gruppo più sfruttato della classe operaia degli Stati Uniti, è naturale che siano stati l’avanguardia di queste rivolte. La pandemia di Covid-19 e la conseguente crisi economica, la disoccupazione di massa, l’estremismo di destra e le continue violenze della polizia hanno devastato le comunità nere. I neri americani, per esempio, hanno tre volte più probabilità di morire di Covid-19 rispetto ai bianchi americani. Dalla quarantena, il tasso di disoccupazione dei neri americani ha raggiunto il 16,7%, due punti e mezzo in più rispetto a quello dei bianchi. Nel frattempo, i redditi dei neri, già devastati dalla crisi economica del 2008, sono ora più bassi rispetto ai bianchi rispetto a qualsiasi altro momento del secolo scorso. E, naturalmente, i neri continuano ad affrontare una sorveglianza sproporzionata, opprimente e razzista, e la violenza e le molestie della polizia nelle loro comunità. Ma come hanno rivelato le immagini notturne di queste proteste, non sono stati solo i neri ad alzarsi in piedi.

 

Giovani neri e bianchi in prima linea

Quello che stiamo vedendo nelle strade è l’espressione di una rabbia diffusa di un’avanguardia multietnica composta per lo più da giovani che sono stati in prima linea in molte di queste manifestazioni e negli scontri con la polizia. Mentre il terrore e la repressione della polizia sono di gran lunga la principale preoccupazione dei manifestanti – che sono riusciti a ottenere l’arresto dei quattro poliziotti coinvolti nell’assalto di Floyd – è chiaro che l’indignazione va oltre la polizia. Il terrore poliziesco, dopotutto, è solo l’esempio più ovvio e lampante di quelli che sono livelli più ampi e profondi di repressione e di privazione di diritti. Dietro le uccisioni della polizia, ci sono centinaia di giovani neri che sono stati picchiati, molestati e imprigionati. E dietro ogni rivolta ci sono milioni di lavoratori e di persone di colore che affrontano il disagio, le malattie, la violenza domestica, la disoccupazione, l’insicurezza alimentare e abitativa.

Queste manifestazioni non solo rivelano la rabbia repressa di un’intera generazione di giovani bianchi e neri, ma indicano un’ampia e crescente sfiducia nelle istituzioni statali. L’alto livello di disoccupazione che molti giovani si trovano oggi ad affrontare, oltre il 30% per i giovani di età compresa tra i 18 e i 24 anni, combinato con l’enorme indebitamento, il peggioramento delle condizioni di vita e la minaccia sempre presente del cambiamento climatico, ha lasciato un’intera generazione con poche speranze e ancora meno fiducia nelle istituzioni dell’economia, nel governo e nella polizia. In un sondaggio condotto ad Harvard il 23 aprile, un mese dopo la paralisi del paese, solo l’8% degli americani tra i 18 e i 29 anni credeva che il governo avesse funzionato come doveva, mentre il 39% riteneva che le istituzioni dovessero essere sostituite e non semplicemente riformate. È molto lontano dal riformismo che era una componente comune del sostegno della sinistra a Bernie Sanders alle primarie del Partito Democratico solo pochi mesi fa.

Qualche mese fa, i giovani erano entusiasti della candidatura di Bernie Sanders. Sanders aveva catturato le aspirazioni dei giovani negli Stati Uniti, e per un breve momento è sembrato che il Partito Democratico potesse essere, dopo tutto, un veicolo per una riforma significativa. Tuttavia, la sua campagna elettorale è stata spesso di diversi passi indietro rispetto a quanto i suoi sostenitori chiedevano, e il suo fallimento nel realizzare anche solo una parte delle modeste riforme promesse, per non parlare del suo sostegno a Joe Biden, ha lasciato molti dei suoi seguaci delusi e arrabbiati. Poi è arrivata la pandemia, e con essa la seconda crisi economica di magnitudo per la generazione millenaria, che ha raggiunto la maturità nel bel mezzo della recessione del 2008. Le condizioni della pandemia e l’ondata di lotta di classe che ne è seguita hanno contribuito alla radicalizzazione di un’intera generazione di giovani e precari lavoratori essenziali che sono in prima linea. I giovani bianchi e neri che ora marciano fianco a fianco per le strade al grido di “No justice, no peace” non minacciano invano, e sembra chiaro che non sarà facile ristabilire la pace borghese.

 

Per cosa ci stiamo preparando?

Anche se è troppo presto per dire se queste proteste andranno avanti per settimane o mesi, o se gli scontri tra i manifestanti e la polizia si intensificheranno, è chiaro che ci sono milioni di lavoratori, giovani e meno giovani, pronti a combattere. Ma il movimento ha molte sfide da affrontare. La spontaneità pura può rapidamente logorarsi ed esaurirsi se il movimento non si pone obiettivi chiari. Le mobilitazioni di strada possono essere potenti, ma non sono sufficienti per costringere lo Stato a porre fine al tipo di violenza razzista che ha tolto la vita a George Floyd, Breonna Taylor, Sean Reed, Ahmed Arbery e molti altri. Resta da vedere se il movimento diventerà massiccio, abbraccerà un obiettivo chiaro, e comincerà ad assumere forme più concrete di auto-organizzazione, come assemblee di persone capaci di fare da ponte tra l’avanguardia nelle strade e il resto della classe operaia. Anche se molti sindacati sostengono il movimento e ci sono molti casi di solidarietà dei lavoratori in tutto il paese, questo non è sufficiente. Le lotte a venire non faranno che intensificarsi e quindi è più che mai indispensabile che i settori già organizzati e non organizzati della classe operaia combattano insieme.

Il rischio maggiore che ora incombe sulla testa del movimento è che l’avanguardia mobilitata, che ha guidato queste proteste, si separi dal movimento di massa. Questo è certamente il risultato che il Partito Democratico vorrebbe vedere e che sta perseguendo attivamente. Distinguendo i buoni manifestanti dai cattivi, o tra “veri attivisti” e i cosiddetti “agitatori esterni”, il Partito Democratico e i leader comunitari ad esso legati cercano di dividere il movimento e di incanalare l’energia nella politica elettorale e nella campagna legislativa. Per raggiungere i suoi fini, il movimento deve rifiutare esplicitamente la politica del Partito Democratico e chiedere le immediate dimissioni dei politici responsabili della morte di George Floyd e degli abusi sui manifestanti, come il sindaco di Minneapolis Jacob Frey o il governatore del Minnesota Tim Walz.

In questo momento è importante che il movimento continui a denunciare e a prendere le distanze da entrambi i partiti capitalisti, in particolare dal Partito Democratico, che pretende di rappresentare la comunità nera, ma anche la sinistra deve lottare per la nascita di una nuova organizzazione socialista negli Stati Uniti.

È possibile che una sezione all’avanguardia dei lavoratori essenziali e il movimento contro la brutalità della polizia continuino a radicalizzarsi alla ricerca di una nuova alternativa politica. Per questo i socialisti, oltre a far parte del movimento e delle proteste, devono anche fare agitazione per una rottura definitiva con il Partito Democratico e la creazione di un partito socialista indipendente dai partiti capitalisti. Solo un’organizzazione di questo tipo può trasformare questa esperienza di lotta di classe in uno strumento per combattere le battaglie a venire. Non possiamo permettere che l’energia che è stata riversata nelle strade venga diluita dal canto delle sirene del male minore. Abbiamo bisogno di una nostra organizzazione politica. Questo è il momento.

 

Jimena Vergara, James Dennis Hoff

Traduzione da Left Voice