Cuba si trova ora stretta tra la pressione statunitense, che continua nonostante l’elezione di Biden, un processo di restaurazione del regime capitalista e una crisi sanitaria che sta causando notevoli danni economici e sociali.


Il popolo cubano è preso in un movimento a tenaglia. Da un lato, c’è un indurimento della politica imperialista statunitense sotto l’amministrazione Trump, che Biden sembra voler invertire solo molto parzialmente. Dall’altra parte, un processo di restaurazione capitalista, in corso dagli anni ‘90, che ha appena ricevuto un nuovo impulso con l’introduzione di nuove riforme e l’unificazione monetaria.

Tutto questo avviene sullo sfondo di una pandemia, le cui conseguenze sanitarie sono molto più controllate che in altri paesi della regione, compresi gli Stati Uniti, ma il cui impatto economico, soprattutto nel settore del turismo, si sta rivelando devastante.

Fino alla fine, Trump contro l’Avana

Facendo reintegrare l’isola, poco prima di lasciare la Casa Bianca, nella lista dei paesi che sostengono il terrorismo, Donald Trump ha voluto spingere fino alla fine l’aggressività che ha caratterizzato la politica americana verso il regime cubano per più di mezzo secolo. Alla fine del suo secondo mandato, Barack Obama aveva allentato il cappio normalizzando le relazioni diplomatiche tra i due paesi, eliminando alcune sanzioni senza rimettere in discussione l’embargo penale in vigore dal 1962. Questa politica di apertura è stata soprattutto il frutto di un fallimento e di una scommessa politica. Non solo la politica di blocco commerciale ed economico non aveva permesso al regime politico uscito dalla Rivoluzione del 1959 di piegarsi fino ad allora, ma continuava ad escludere le imprese americane da possibili mercati (turismo, industria farmaceutica, mercato interno cubano, ecc.) a vantaggio di alcuni dei loro concorrenti. Inoltre, il ristabilimento dei voli commerciali e l’eliminazione delle restrizioni sui trasferimenti di denaro privato (“remesas”) tra gli Stati Uniti e Cuba, sotto Obama, sono stati un messaggio rivolto all’elettorato latinoamericano e alla comunità cubano-americana, il cui profilo è cambiato negli ultimi decenni, a scapito dei settori più tradizionali dell’anti-castrismo.

Trump ha fatto una scelta economica e politica diametralmente opposta, tornando indietro su tutte le misure di apertura messe in atto tra il 2015 e il 2016. Si trattava di mettere in scena a buon mercato una linea dura nei confronti dell’America Latina, che gli Stati Uniti considerano il proprio tradizionale “cortile di casa”, quanto di lusingare i settori più conservatori dell’elettorato in Florida, lo stato decisivo per le elezioni del 2020. La scommessa di Trump ha avuto parzialmente successo. È stato in grado di arginare la marea della sua politica di irrigidimento dei potenziali investitori americani. Ha approfittato dell’occasione per inviare forti segnali ai suoi concorrenti capitalisti, europei e cinesi, in particolare attraverso il ripristino degli aspetti extraterritoriali delle leggi sugli investimenti di Cuba, che minacciano pesanti sanzioni contro le imprese straniere, soprattutto europee, che operano sull’isola. A livello elettorale, ha avuto un grande successo in Florida tra gli elettori della comunità cubano-americana, con il 56% dei voti contro il 41% di Biden, che gli ha permesso di vincere i 29 elettori di quello stato.

È probabile che la presidenza di Biden cerchi di riprendere la politica di normalizzazione graduale iniziata sotto Obama. L’attuale vicepresidente Kamala Harris ha detto a novembre che “i democratici sarebbero tornati indietro sulle politiche fallimentari di Trump” verso l’isola. Tuttavia, la nomina di Tony Blinken a capo degli affari esteri non è di buon auspicio, in quanto il nuovo segretario di stato è un forte sostenitore della linea dura e della politica estera. Per quanto riguarda l’embargo criminale, che è stato condannato ogni anno per 28 anni dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, la nuova amministrazione statunitense ha escluso di revocarlo.

Il significato delle controriforme economiche e la questione monetaria

È in questo quadro che è appena entrato in vigore il più volte annunciato e sistematicamente rimandato decreto di unificazione monetaria che comporta la scomparsa del peso convertibile (CUC), esistente dal 1994 e ufficialmente ancorato al dollaro, accompagnato da tutta una serie di nuove riforme a livello economico. La nuova Costituzione cubana, ratificata nel 2019, ha voluto scolpire sul marmo il carattere “irrevocabile” del socialismo come sistema sociale a Cuba, e anche se il presidente Miguel Díaz Canel ha specificato, quando ha annunciato l’attuazione del processo di “nuovo ordine monetario” lo scorso dicembre, che l’isola non avrebbe subito una “terapia d’urto”, l’impatto dei cambiamenti economici è molto forte.

Questo è tanto più vero in quanto arrivano in un momento in cui una delle forze trainanti dell’economia cubana, il turismo, si è fermata; l’isola non può più contare sulle forniture di petrolio e gas dal Venezuela, che ora è in uno stato di collasso, e le misure di ritorsione e gli embarghi degli Stati Uniti sono aumentati negli ultimi anni, indebolendo notevolmente l’economia. Il rischio di inflazione, generato dal processo di unificazione monetaria, dovrebbe essere frenato da un aumento delle pensioni e dei salari nel settore pubblico, nonché del blocco dei prezzi di alcuni servizi e prodotti essenziali forniti dalla “libreta”, il libro delle razioni. Tuttavia, diversi analisti vicini al governo hanno messo in guardia sulle conseguenze sociali, in termini di condizioni di vita e di lavoro, che potrebbero avere, in un momento in cui i prezzi dei servizi e dei beni di consumo sono esplosi.

L’unificazione monetaria, che dovrebbe rassicurare i potenziali investitori stranieri e revisionare il sistema di supervisione dell’economia nel settore statale, è accompagnata da nuove “aperture” a livello economico, come mai prima dal 2011, quando il VI Congresso del Partito Comunista Cubano, sotto la guida di Raúl Castro, ha adottato un orientamento pro-mercato che successivamente è stato difficile da imporre. Le misure attuali fanno parte di una trasformazione più profonda di ciò che resta di un’economia pianificata e nazionalizzata a favore dell’investimento privato cubano, che oggi fatica ad andare oltre la semplice auto o microimpresa, e a favore, soprattutto, del capitale straniero, che è chiamato a investire. La grande novità in questo settore è stato l’annuncio della fine dell’obbligo di compartecipazione maggioritaria dello Stato cubano nelle imprese del commercio all’ingrosso (supermercati, ecc.), del turismo e della biotecnologia, anche se la leadership delle FAR, l’esercito cubano, intrinsecamente legata alla burocrazia e al partito di governo, continua a mantenere il controllo su alcune leve considerate strategiche.

In certi settori del popolo lavoratore, specialmente quelli urbani, queste misure possono generare un accesso più diretto ai beni di consumo e ai prodotti, così come alla manna del turismo, quando esso riprendere. Per la maggioranza dei cubani, tuttavia, è vero il contrario. Il regime ne è ben consapevole e sta cercando di rispondere, a monte, al rischio di inflazione incontrollata. Ma questa non è l’unica contraddizione che affronta nel contesto dell’approfondimento delle riforme “à la chinoise”. Prendendo il processo di restaurazione capitalista in Cina come punto di paragone, la burocrazia al potere all’Avana è molto più fragile di fronte all’opposizione apertamente filo-capitalista e filo-statunitense che continua ad esistere in Florida di quanto lo fosse la burocrazia cinese a Pechino quando decise di iniziare il processo di riforme di mercato. Mentre la burocrazia e la “borghesia rossa” che governano la Repubblica Popolare Cinese sono riuscite a guidare il processo di restaurazione capitalista non senza difficoltà, la burocrazia al potere all’Avana è ben consapevole che un processo di apertura troppo affrettato potrebbe indebolirla considerevolmente e potenzialmente condurla al suo rovesciamento di fronte alla determinazione ancora intatta degli anticastristi della Florida e al potere dei loro alleati. Questi ultimi si precipiterebbero inevitabilmente nella breccia, spazzando via non solo lo Stato operaio deformato rimasto a Cuba, ma anche la casta burocratica che controlla l’apparato amministrativo, politico e militare. Sono tutti questi elementi che spiegano la tardiva e ancora esitante attuazione di questo nuovo pacchetto di riforme sull’isola.

Cuba vs Covid

Allo stesso tempo, il paese sta anche affrontando l’epidemia di Covid. A Cuba, come altrove nel mondo, la pandemia rivela una serie di caratteristiche strutturali della società. Da un lato, e da un punto di vista strettamente sanitario, il sistema sanitario cubano, uno dei più efficaci del mondo, ha permesso di limitare notevolmente l’impatto del virus, con, al 25 gennaio, 21.261 casi e 194 morti in un paese di 11 milioni di abitanti. Cuba ha anche continuato e aumentato l’invio di squadre mediche all’estero, anche in Europa, nel contesto della pandemia. Inoltre, il notevole livello di sviluppo della ricerca in medicina e biotecnologia fa sì che, nei prossimi mesi, l’Istituto Finlay dell’Avana avrà a disposizione un vaccino operativo. D’altra parte, come in altri paesi, la pandemia sta colpendo più duramente i settori più precari. Nel contesto delle crescenti disuguaglianze sociali sull’isola, il Covid si è diffuso ulteriormente in alcuni quartieri della capitale dove il tasso di occupazione degli alloggi e l’insicurezza del reddito si accompagnano a una maggiore concentrazione di afro-cubani. Infine, la pandemia ha avuto e continua ad avere un impatto catastrofico sul turismo, il cui reddito è la terza fonte di valuta estera per l’isola. Con solo un milione di turisti rispetto ai cinque previsti nel 2020 a causa di Covid, la pandemia sta avendo un impatto duraturo sull’economia dell’isola a tutti i livelli.

Come possiamo difenderci?

Per la classe lavoratrice e la gioventù cubana, le difficoltà sono molteplici. Gli under 35 costituiscono poco più del 40% della popolazione dell’isola e non hanno mai vissuto il “socialismo cubano” se non durante il “periodo speciale” degli anni 90, dopo il crollo del blocco sovietico, la stabilizzazione degli anni successivi e le riforme pro mercato che sono seguite. Per coloro che difendono le conquiste della rivoluzione ma rifiutano la logica attuale, è ancora impossibile organizzarsi autonomamente, a livello sindacale e politico. La Costituzione del 2019 riafferma il precetto del partito unico, al quale è correlata, anche, l’unicità di una centrale sindacale all’interno della quale c’è pochissimo spazio di manovra, e che accompagna il processo di riforma. In questo quadro, i governi filo-imperialisti e alcune ONG danno molto credito a buon mercato a tutte le possibili espressioni di “dissidenza”, sia che siano totalmente controllate dall’estero e che difendano posizioni filo-capitaliste, sia che siano correnti strumentalizzate dai media internazionali ma non totalmente asservite a un’agenda restauratrice, come il Movimento di San Isidro, il cui trattamento ha fatto notizia in dicembre.

È questo insieme di elementi che deve essere preso in considerazione da coloro che a Cuba vogliono difendere le conquiste della rivoluzione e allo stesso tempo opporsi all’attuale corso di controriforme e lottare per un socialismo emancipatore che non può esistere senza una democrazia reale, esercitata e garantita dal basso dalle classi lavoratrici, dalla gioventù e dai ceti popolari, che oggi sono corsari dei meccanismi burocratici che caratterizzano il sistema politico e istituzionale dell’isola.

 

Jean Baptiste Thomas, Pedro Huarcaya

Traduzione da Révolution Permanente