Grande partecipazione alla manifestazione indetta per il 2 dicembre dalla Rete Salernitana per la Palestina. Oggi 8 dicembre alle 18 è previsto un incontro-dibattito sull’occupazione sionista a Gaza organizzata dal Metis Fest con collegamenti e interventi di attivisti ed esperti.


Circa 200 persone hanno partecipato il 2 dicembre alla manifestazione indetta dalla Rete Salernitana per la Palestina (RSP) per esprimere solidarietà al popolo palestinese vittima di genocidio e per denunciare la complicità del governo italiano che arma e finanzia l’esercito sionista israeliano, soprattutto grazie al memorandum di intesa tra Italia e Israele firmato da Berlusconi nel 2003.

Intervento di Lambros, attivista della RSP e promotore dell’iniziativa dell’8 dicembre.

Durante l’iniziativa è stata letta un documento che la RSP ha inviato ai rappresentanti delle istituzioni locali, disponibile qui sotto.

prefetto-e-istituzioni

Poco dopo ci sono stati gli interventi politici da parte della FIR-La Voce delle Lotte, PaP, FGC e PC.

Piazza Caduti civili di Brescia, nella zona orientale di Salerno, è diventata teatro di un importante messaggio di solidarietà e di sostegno che la Rete Salernitana per la Palestina ha voluto mandare al popolo palestinese vittima di genocidio coinvolgendo studenti, donne, lavoratori e pensionati. Rilevante la presenza ormai certa alle iniziative della Rete Salernitana di donne marocchine e tunisine.

La “scenografia” creata dalla RSP, gli striscioni, le bandiere, il laboratorio creativo per bambini hanno messo in secondo piano gli addobbi natalizi allestiti in occasione delle discusse “luci d’artista” che rendono Salerno, incantevole per i turisti stopandgo ma ancor più invivibile per i residenti. Non a caso la classifica sulla “Qualità della Vita in Italia” realizzata dal Sole24ore, che prende in esame le 107 province, d’Italia colloca Salerno all’88esima posizione.

Sara, curatrice dell’iniziativa, ci spiega come si è svolta la manifestazione.

La maxi-bandiera della Palestina esposta dal palazzo antistante piazza Caduti civili di Brescia.

Il messaggio rivolto ai bambini di Gaza realizzato durante il laboratorio creativo che ha coinvolto circa venti bambini accompagnati.

Striscione contro le spese militari.

Striscione contro l’occupazione sionista.

Striscione per il diritto all’autodeterminazione dei popoli.

Intervento di Ruggiero, tra i tanti solidali accorsi alla manifestazione.

Dopo la manifestazione del 2 dicembre a Salerno, in attesa delle prossime mobilitazioni di piazza, si continua a parlare di Palestina: oggi 8 dicembre, infatti, presso il centro sociale Jan Assen si terrà “un incontro-dibattito sulla disumana occupazione e le bombe di Gaza, con collegamenti e interventi di attivisti ed esperti, cui seguirà una cena sociale per raccogliere fondi da destinare ai progetti umanitari” organizzato dal Metis Fest.

 

Giuseppe Perozziello

Locandina dell’evento di oggi.

Nato a Salerno nel 1994, vive Mercato San Severino, dove ha partecipato al movimento dell'Onda ed è stato rappresentante degli studenti del liceo Virgilio. In seguito, partecipa alle lotte e alle esperienze di autorganizzazione operaia in Campania.
Lavoratore precario e studente di filosofia all'Università di Salerno (Fisciano), è tra i fondatori de La Voce delle Lotte e della Frazione Internazionalista Rivoluzionaria. Attivista sindacale tra le fila del SI Cobas.