Lenin una volta disse: “Ci sono decenni in cui non succede nulla; e ci sono settimane che valgono come decenni”. Nella recente vita politica statunitense, ogni settimana è sembrata un decennio. La più grande potenza imperialista del mondo sta vivendo una crisi su più fronti, con Donald Trump che svolge un ruolo centrale destabilizzante. Cosa significa questo per le elezioni del 2020 e per la lotta per il socialismo? Proponiamo un’analisi di Tatiana Cozzarelli, della redazione del giornale online statunitense Left Voice.


Gli Stati Uniti sono in una profonda crisi generale che colpisce tutti gli aspetti della società. Abbiamo la pandemia, una recessione economica, una crisi ecologica, una sfiducia nei partiti politici, e una crisi di legittimità essenzialmente di tutte le istituzioni. Con uno dei peggiori record di coronavirus di qualsiasi altro paese al mondo, una rivolta contro la brutalità della polizia, e ora lo stesso presidente che ha passato gli ultimi mesi a minimizzare Covid-19 ricoverato in ospedale con il virus – il tutto mentre minavano attivamente la legittimità delle prossime elezioni – ogni giorno aggiunge ogni giorno più crisi alla situazione politica, economica e sociale.

Trump vorrebbe farci credere che il paese è in ascesa e che una ripresa dalla pandemia sarà rapida ed è anzi già iniziata, ma gli ultimi giorni hanno dimostrato nel modo più crudo che questo è falso. Il sistema politico statunitense è stato gettato nel caos perché Donald Trump, gran parte della sua cerchia ristretta, e diversi membri repubblicani del Congresso hanno contratto il Covid-19. Si è scoperto che, nonostante la strategia della campagna di Trump di fingere che il virus sia alle nostre spalle e che ci aspettano giorni migliori, passeremo i prossimi 14 giorni a discutere del virus e dei suoi effetti sulla salute del Presidente. Inoltre, il Senato è ora in pausa per altre due settimane a causa della folla di membri che pure hanno il coronavirus.

La natura pericolosa della guerra culturale che Trump ha tentato di fomentare intorno al mascheramento e la gravità del virus non è mai stata più chiara. Nel frattempo, egli sperimenta la malattia con un esercito di medici ai suoi ordini – un’esperienza ben lontana da quella della sproporzionata popolazione della classe operaia di colore che è morta a causa di Covid-19.

Trump vorrebbe anche farci credere che avremo una ripresa economica a V dell’economia. I numeri, però, dicono qualcosa di diverso. Se il paese si riprenderà davvero dalla depressione pandemica, entreremo in una recessione con massicce e sostenute perdite di posti di lavoro e la minaccia di sfratti di massa. Gli alti livelli combinati di debito delle imprese e il basso tasso di profitto dimostrano che la crisi economica di Covid è solo la punta di un problema più grande per l’economia capitalista. Naturalmente, non possiamo ignorare la possibilità di un’altra chiusura economica dovuta alla pandemia, che manderebbe l’intera economia di nuovo in crisi.

In questo contesto di incertezza e di crisi, c’è una polarizzazione a destra e a sinistra tra le masse statunitensi. Abbiamo visto la rinascita militante del movimento Black Lives Matter e l’aumento delle lotte sul posto di lavoro durante la pandemia. Il movimento BLM è il più grande e diffuso nella storia degli Stati Uniti, e rappresenta – per un paese profondamente razzista – uno spostamento a sinistra su scala di massa. A destra, abbiamo visto l’avanzata dei vigilantes di destra, mobilitati e pronti ad affrontare i manifestanti con la violenza. Infatti, le auto che investono i manifestanti sono diventate un luogo comune, e da giugno questo tipo di espisodi è successo più di 100 volte. E ora, con Trump in ospedale, migliaia di persone si sono mobilitate in marce senza maschera per radunare il loro leader. Questo movimento di estrema destra non è un movimento di massa, ma è sempre più violento e più sfacciato. È in combutta con i poliziotti, entusiasta di Trump. È al massimo della sua potenza perché i settori del capitale possono appoggiarsi a esso per far passare un’agenda di destra, come abbiamo visto con le manifestazioni armate che chiedevano la “riapertura” degli Stati all’inizio di quest’anno.

Durante tutta la sua presidenza, abbiamo visto Trump tentare di delegittimare istituzioni a lungo ritenute sacre dal regime, dalle elezioni alla Corte Suprema all’FBI. Ha fatto lo stesso sulla scena mondiale, ritirandosi dalle istituzioni imperialiste globali come le Nazioni Unite, l’Organizzazione Mondiale del Commercio e l’Organizzazione Mondiale della Sanità. L’allontanamento di Trump dalle istituzioni, tuttavia, non rappresenta un cambiamento nel contenuto di classe del governo o negli obiettivi finali del capitalismo; segnala solo un modo più unilaterale di governare. Alcuni settori del capitale rifiutano la sfacciata politica estera di Trump, osservando come ha aiutato la Cina a farsi strada in prima linea durante la crisi dell’egemonia internazionale degli Stati Uniti. Ecco perché sia Trump che Biden hanno cercato di superare l’altro su chi è più duro con la Cina. La differenza principale è che Biden vuole usare per questo obiettivo i meccanismi imperialisti globali, che hanno dietro di sé un’antica tradizione.

I liberali e alcuni sinistrorsi si dolgono per l’erosione per mano di Trump delle istituzioni che sostengono il sistema capitalistico americano, cercando disperatamente di riportarle alla loro posizione precedente. Sperano che Biden ricostruisca la legittimità di queste istituzioni. Proprio per questo il capitale sta favorendo Biden, la cui campagna sta raccogliendo molte più donazioni dai miliardari e da Wall Street. La domanda a portata di mano per la classe capitalista è: chi attuerà l’austerità nel prossimo periodo? In questo contesto, mentre Trump cerca di alimentare la destra in ascesa e di appoggiarsi ad essa, il ruolo di Biden è quello di domare la polarizzazione di sinistra.

In questo contesto, è essenziale che la sinistra combatta la destra nascente e difenda i diritti democratici che la classe operaia ha conquistato. Allo stesso tempo, è essenziale sottolineare che le istituzioni che Trump ha messo sotto i riflettori – i tribunali, l’FBI, e lo stesso processo elettorale antidemocratico – sono tutte armi di capitale usate contro la classe operaia. Il problema non è solo Trump, ma il sistema che lo ha prodotto.

 

Donald Trump e la destra

Trump ha chiarito che ha intenzione di alzare un polverone sui voti per posta per poter contestare l’elezione alla Corte Suprema, se necessario; ed ha chiarito che vuole un nuovo giudice della Corte Suprema che si schieri dalla sua parte in un tale evento. Nel dibattito con Biden ha anche detto molto chiaramente che vuole che la sua base di destra, suprematista, stia in “stand-by” e si mobiliti per “controllare i seggi”, una mossa che ricorda gli sforzi di intimidazione degli elettori durante l’era di Jim Crow.

Questa estrema destra dovrebbe essere presa sul serio. Gli Stati Uniti hanno una lunga tradizione di settori paramilitari armati di destra che giocano un ruolo per far deragliare i diritti democratici e terrorizzare la classe operaia e le persone di colore, come ha fatto il Ku Klux Klan a partire dall’era post-ricostruzione. I gruppi di destra hanno proliferato durante l’amministrazione Obama e hanno trovato rappresentanza in Donald Trump, che sostiene il movimento e lo sostiene – dal suo rifiuto di condannare David Duke nel 2016 al suo commento “brava gente da entrambe le parti” su Charlottesville. Questo sostegno non ha fatto che aumentare. Mentre il movimento Black Lives Matter è cresciuto in popolarità, Trump ha iniziato a sostenere apertamente i vigilantes armati come Kyle Rittenhouse e ha persino elogiato l’uccisione extragiudiziale di Michael Reinoehl come “punizione”.

Ma Trump sarà in grado di truccare le elezioni? Non da solo. E la verità è che, sebbene la sua base di destra sia armata e pericolosa, è ancora piccola. Porterà violenza in alcuni seggi elettorali il giorno delle elezioni? È certamente probabile. Sarà sufficiente per accaparrarsi le elezioni? No. Trump dovrà fare affidamento sulle istituzioni della classe dirigente della democrazia borghese per questo.

La maggior parte delle analisi suggerisce che molti più elettori democratici che repubblicani avranno votato per posta entro il 3 novembre, e quindi i risultati dei voti che saranno contati dai tradizionali seggi elettorali potrebbero benissimo dare un esito distorto a favore di Trump nella notte delle elezioni. Questo potrebbe fornire un’apertura per Trump per rivendicare la vittoria e preparare un processo giudiziario per contestare le schede elettorali per posta. Con i tribunali federali su su fino alla Corte Suprema allineati per favorire i conservatori, questa potrebbe essere la strada di Trump verso la vittoria – e tutto ciò è perfettamente legale.

Come afferma l’ormai famigerato articolo dell’Atlantic The Election That Could Break America, “Trump è, in base ad alcune misure, un autoritario debole. Afferma con sicurezza la sua volontà a parole, ma non riesce a realizzarla… Ha piegato la burocrazia e violato la legge, ma non si è liberato del tutto dei loro vincoli. Un vero despota non rischierebbe l’inconveniente di perdere le elezioni. Fisserebbe la sua vittoria in anticipo, evitando di dover ribaltare un risultato non corretto. Trump non può farlo”.

In altre parole, Trump ha dimostrato di saper più abbaiare che mordere – anche se quell’abbaiare è molto pericoloso.

In senso marxista, Trump è più un bonapartista che un fascista – e uno di tipo debole. Il bonapartismo si riferisce a un capo autoritario che emerge quando le diverse classi sociali sono in lotta tra loro e i diversi settori del capitale non riescono a trovare il modo di imporre un rappresentante egemonico. In questo senso, Trump è effettivamente reazionario e in altre condizioni potrebbe certamente essere un fascista, ma attualmente sta usando meccanismi istituzionali per attuare politiche reazionarie, non facendo affidamento su paramilitari armati che attaccano la classe operaia su scala di massa. È importante il fatto che non abbia ancora infranto il quadro della legalità borghese. Ed è infatti debole, incapace di guidare le sue politiche, il che pone un limite al suo tentativo di orchestrare un colpo di Stato che vada oltre lo scenario del 2000 dove la Corte Suprema decretò la vittoria per George W. Bush.

 

Trump come sintomo e causa

Ma questo non è il 2000. C’è una pandemia, una crisi economica, quattro anni di Trump sulle spalle, e una crescente polarizzazione destra-sinistra. Durante il suo mandato, Trump ha svolto un ruolo centrale nel delegittimare molte delle istituzioni chiave del regime americano. Nulla è sacro per Donald Trump, nemmeno la Corte Suprema o i risultati delle elezioni (a meno che non vinca). Li vede come strumenti politici per la sua agenda. In mezzo ai battibecchi tra i capitalisti, ha alzato il velo per dimostrare che le istituzioni un tempo considerate come obiettive sono in realtà strumenti politici che usano contro la classe operaia e gli oppressi.

Il Collegio elettorale [col sistema di elezione dei “super-elettori”, che sono chi vota e decide effettivamente il presidente, ndt] significa che chi vince il voto popolare non necessariamente vince la presidenza. Il voto dei lavoratori viene soppresso nel complesso tenendo le elezioni in un giorno lavorativo. La soppressione aperta degli elettori, soprattutto delle comunità di colore, è di lunga data e comprende la privazione del diritto di voto per le persone incarcerate e quelle già incarcerate. E abbiamo già il precedente della Corte suprema che interviene per fermare il conteggio dei voti e decidere un’elezione presidenziale. Nove membri dell’élite non eletta sono riuscite a decidere le elezioni del 2000. Possono decidere sui nostri diritti civili fondamentali e sui diritti riproduttivi di metà della popolazione di questo paese.

Questa è la “democrazia” americana.

Il problema in questo momento non è, come i liberali vorrebbero farci credere, che il fascista Donald Trump sia venuto a “rompere” le istituzioni americane. Non vuole romperle. Vuole usarle a suo vantaggio. Il problema è con le istituzioni stesse. C’è una “crisi della democrazia” perché la democrazia americana, e in generale il capitalismo in generale, non è democratica. Trump è sia un sintomo che una causa della crisi attuale.

 

Il ruolo di Biden

Per i capitalisti, l’obiettivo di queste elezioni è quello di restituire legittimità a quelle stesse istituzioni che sostengono il sistema capitalistico più iniquo del mondo, la potenza imperialista più brutale del mondo. I capitalisti hanno scelto Joe Biden per questo compito.

Biden, senz’altro uno dei politici meno carismatici della storia recente, è in testa nella maggior parte dei sondaggi per 10 o più punti a livello nazionale, il che è un’espressione di quanto sia profondo l’anti-trumpismo. Sta conducendo una campagna che promette di “difendere la democrazia” e di riportare l’onore alle istituzioni statunitensi. Alcuni esponenti repubblicani lo sostengono, così come un settore dell’esercito, perché promette di ripristinare la “legittimità” degli Stati Uniti sulla scena mondiale – il che significa ripristinare un’indiscussa influenza imperialista. Non c’è da stupirsi che Biden sia largamente favorito dalla classe capitalista, rastrellando più del quadruplo delle donazioni in campagna elettorale di Wall Street rispetto a Trump.

Questa è una buona scommessa per i capitalisti. Gli uomini forti, instabili e populisti come Donald Trump non sono i migliori per gli affari in questo momento. Ma è una scommessa terribile per la classe operaia. Biden è il candidato dell’establishment che ci opprime, e la sua piattaforma è un ritorno alla “normalità” che ci ha portato a questo punto catastrofico.

Certo, Biden indossa una mascherina – ma rappresenta l’industria privata delle assicurazioni sanitarie e mira a mettere a tacere anche la possibilità di Medicare per tutti. Le centinaia di migliaia di morti dovute alla pandemia non sono solo responsabilità di Trump, ma anche di Biden e del suo partito, che non è riuscito a garantire a tutti noi il diritto all’assistenza sanitaria. Biden rappresenta il Crime Bill del 1994, che ha ampliato il complesso industriale carcerario – e lo rende il candidato “legge e ordine” non meno di Trump. Biden rappresenta la “normalità” del salvataggio delle banche mentre la classe operaia perde la casa – come è successo con l’amministrazione Obama – e la promessa che domerà i lavoratori abbastanza da istituire misure simili e peggiori quando sarà presidente. E sulla scena mondiale, Biden vuole ripristinare la legittimità e la partecipazione degli Stati Uniti alle Nazioni Unite e all’Organizzazione Mondiale della Sanità, ma è ugualmente impegnato nell’imperialismo, sia sotto forma di bombe che di sanzioni.

Biden sostiene di difendere la democrazia e di essere l’antitesi di Trump. Ma in realtà sta facendo una campagna per restituire “legittimità” a un sistema i cui pilastri includono una Corte Suprema su cui nove giudici non eletti signoreggiano a vita sulla popolazione, un Collegio Elettorale che nega il voto popolare, e la sistematica emarginazione delle persone di colore e della classe operaia. Biden si candida a “normale” quando il problema è proprio la normalità.

La campagna di Biden ha schiacciato la piattaforma elettorale del suo principale nemico del Partito Democratico, Bernie Sanders. La campagna di Biden non parla in alcun modo all’ala più progressista del partito. Biden è addirittura d’accordo con Trump sull’antisocialismo. Il fatto che Biden abbia respinto anche la piattaforma “New Deal” (non socialista) di Sanders sottolinea che la sua è la candidatura del consenso capitalista, che riunisce le élite repubblicane e democratiche in una coalizione anti-Trump.

 

La sinistra e la classe lavoratrice

La situazione politica si era spostata a sinistra durante l’estate, con milioni di persone nelle strade, nella più grande rivolta della storia degli Stati Uniti. Ma sotto molti aspetti le cose stanno ora oscillando verso destra. Il presidente mira a rubare le elezioni e sta aumentando la sua base di destra per creare il caos. Ci sono marce pro-Trump nelle strade di Washington, D.C., e solo poche settimane fa neofascisti armati hanno guidato per le strade di Portland e Seattle. Sembra probabile che ci saranno altri Kyle Rittenhouse.

Nel frattempo, le proteste del BLM si sono ritirate, non in piccola parte a causa del ruolo di Biden e delle manovre del Partito Democratico che svolge il suo ruolo storico di “cimitero dei movimenti sociali”. Un ampio settore di ciò che resta del movimento BLM si sta allineando per votare per Biden, vedendolo erroneamente come un male minore che permetterà loro di continuare a protestare per le vite dei neri. Ma in che modo votare per un razzista che sostiene la violenza dei poliziotti e l’aumento dei finanziamenti della polizia può aiutare BLM?

Alcuni giovani manifestanti di colore sono disillusi e rimangono a casa. Altri fanno parte di una piccola avanguardia che viene sempre più criminalizzata dai Democratici e dai Repubblicani, ma che continua a scendere in piazza. L’establishment sta approfittando dell’attuale debolezza del movimento. Nonostante un’intera estate di mobilitazioni, documentari e copertine di riviste, gli assassini di Breonna Taylor non sono stati accusati del suo omicidio.

La sinistra ha una responsabilità in questo momento. Non possiamo promuovere o appoggiare l’illusione che Biden sia una sorta di baluardo contro Trump e la destra radicalizzata. Non lo è. Biden è uno dei capi politici della classe dirigente, insieme a Trump. È un architetto del mondo in cui viviamo e una punta di diamante della reazione alla rivolta BLM.

È stato il fallimento del progetto neoliberale durante gli anni di Bush e Obama che ha posto le basi per Trump. Non possiamo lasciar andare la forza che avevano le nostre mobilitazioni solo pochi mesi fa. Quelle mobilitazioni hanno scosso la nazione. Non tutto è perduto. Nonostante la flessione di questo periodo elettorale, quelle proteste hanno gettato le basi per le mobilitazioni future.

Il momento di prepararsi per le battaglie che ci attendono è ora. Indipendentemente dalla vittoria di Trump o di Biden, dovremo combattere i capitalisti e il loro piano per far pagare alla classe operaia la crisi economica, proprio come ha fatto Obama nel 2008.

Le proteste di strada non saranno sufficienti. Dovremo organizzarci per colpire i capitalisti dove fa più male. Dovremo bloccare la produzione. E dovremo unire le nostre lotte – le nostre lotte economiche e politiche, le nostre lotte per le vite dei neri, contro la violenza della polizia, contro gli sfratti e contro le riaperture premature e forzate. Dobbiamo bloccare questo paese e rivendicare i nostri diritti. Organizzazioni come i DSA devono rompere con i Democratici e mobilitare i loro membri per combattere nelle strade e nei luoghi di lavoro, sia contro un governo guidato da Trump o da Biden.

Un voto per Joe Biden non è una soluzione alla crescente minaccia della destra. Per essere sicuri che Trump non rubi le elezioni, dovremmo organizzare mobilitazioni di massa e scioperi chiedendo che tutti i voti siano contati, non a sostegno di Biden ma a sostegno dei nostri diritti democratici. Queste stesse mobilitazioni devono chiedere l’abolizione di istituzioni non democratiche come il Collegio elettorale e la Corte suprema. Dobbiamo costruire la forza, la fiducia e la struttura per difendere i nostri diritti democratici fondamentali ora, sapendo che nel prossimo periodo dovremo lottare per i diritti di riproduzione sociale e contro i capitalisti che costringono i lavoratori a pagare per la crisi economica.

 

Tatiana Cozzarelli

Traduzione da Left Voice