Lunedì 16 settembre, Andrés Manuel López Obrador ha celebrato il suo primo giorno dell’indipendenza nazionale come presidente del Messico. AMLO (come viene chiamato in patria) ha promesso di porre fine alla corruzione e al neoliberismo, risvegliando le speranze di milioni di messicani. Ma ha finito con collaborare Trump per fermare i flussi di migranti dall’America centrale.


Non appena Andrés Manuel López Obrador (AMLO) è stato annunciato come il grande vincitore delle elezioni presidenziali in Messico il 1° luglio 2018, migliaia di persone sono scese per le strade di Città del Messico per festeggiare. Per la prima volta in decenni, la gente ha visto trionfare un candidato che percepiva come “uno di loro”. Inoltre, la vittoria è stata legittima e non sono stati registrati casi di brogli elettorali.

In Messico, le barzellette sui brogli elettorali sono comuni. Nel 1988, ad esempio, mentre i voti venivano contati, il conteggio cessò “per casualità”, e improvvisamente Carlos Salinas de Gortari ebbe più voti del suo avversario di sinistra. “Il sistema di conteggio è crollato”, venne detto. Presto, l’espressione “il sistema è crollato” fu usata come riferimento divertente per tutti generi di situazioni varie con esiti strani.

Anche la prima volta che AMLO si candidò alla presidenza nel 2006, l’elezione è stata caratterizzata da brogli. Dopo essere stato a capo del governo di Città del Messico, ci si aspettava che fosse eletto alla presidenza. Il partito conservatore PAN lo attaccò più volte sostenendo che fosse “un pericolo per il Messico” e che avrebbe trasformato il paese in un secondo Venezuela.

I risultati finali delle elezioni videro López Obrador perdere contro il conservatore Felipe Calderón con uno stacco solo dello 0,61%. AMLO chiese un riconteggio dei voti e organizzò un blocco di due mesi del Paseo de la Reforma, una delle principali vie di Città del Messico, con lo slogan “voto per voto e scheda per scheda”. I primi meme messicani su internet sono nati proprio su questo argomento: presto sono apparse le parodie video del film Madagascar “I want to move it move it” e di Barney il dinosauro che cantava contro AMLO e i suoi seguaci.

López Obrador finalmente ammise la sconfitta nel 2006, ma nel 2012 si ricandidò ancora una volta per la sinistra. Questa volta usando una retorica meno “pericolosa” su una “repubblica dell’amore”. Ancora una volta, perdette.

Ma le amministrazioni di Calderón e Enrique Peña Nieto hanno avuto risultati disastrosi: migliaia di persone sono state uccise per mano della criminalità organizzata, dell’esercito e della polizia, con centinaia di desaparecidos. Questa volta, ci si aspettava che AMLO e il suo partito (il Movimento Nazionale di Rigenerazione o MORENA) avrebbero vinto. John Oliver ha illustrato come i concorrenti di AMLO non fossero candidati presentabili.

La terza volta è stata quella buona. Questa volta, il sistema non è collassato, e non c’è stato bisogno di un nuovo conteggio. Oltre 30 milioni di persone (53% degli elettori) hanno votato per AMLO. C’è da stupirsi che migliaia di persone siano scese in strada per festeggiare?

 

Finalmente, presidente

López Obrador ha dichiarato che il suo governo sarà una “quarta trasformazione” (abbreviato come “4T”) per il Messico. Le tre trasformazioni precedenti, come lui le definisce, furono il movimento indipendentista del 1810, le riforme di Juarez del 1857 e la rivoluzione messicana del 1910.

Ma la luna di miele non è durata a lungo. Una volta che AMLO ha assunto l’incarico, è iniziata la sua reale amministrazione. La prima cosa che ha dichiarato è stata una stagione di “misure di austerità repubblicane”, sostenendo che avrebbe dimezzato il proprio stipendio, così come quelli dei funzionari pubblici di alto livello. Ha poi trasformato la residenza presidenziale Los Pinos in un museo.

Le sue promesse più ambiziose, tuttavia, non sono state mantenute. AMLO ha mantenuto la strategia di militarizzazione avviata da Calderón e ha creato una Guardia Nazionale con personale della polizia e dell’esercito, così come da giovani disoccupati in cerca di un buono stipendio. Tutto ciò è stato fatto in teoria con lo scopo di combattere la criminalità organizzata. La Guardia Nazionale era inizialmente guidata da un civile (per non allertare la popolazione e le ONG per i diritti umani), ma ora è sotto il comando di ufficiali dell’esercito. I suoi comandanti guadagnano fino a 8.325 dollari al mese, mentre AMLO guadagna 5.565 dollari. Anche un soldato semplice della Guardia Nazionale guadagna fino a 932 dollari, sei volte di più di un lavoratore messicano medio.

 

Che cosa significa la quarta trasformazione per i lavoratori

Le istituzioni pubbliche sono state sottoposte a severi tagli di bilancio. La Commissione forestale nazionale è stata una delle prime vittime. La sua cronica mancanza di fondi la scorsa primavera le ha impedito di controllare efficacemente gli in incendi in Messico. Una ventina si sono sviluppati solo a Città del Messico, causando così tanto smog che la città ha puzzato come legna bruciata per giorni.

Sono stati colpiti anche i lavoratori del Sistema Nazionale per lo Sviluppo Integrale della Famiglia (DIF), l’istituzione che si occupa di organizzare case di accoglienza, scuole e corsi estivi per bambini poveri. Sono stati annunciati oltre 300.000 licenziamenti, per la maggior parte di lavoratori freelance che a malapena guadagnavano il salario minimo di 310 dollari e molti dei quali hanno lavorato in tali condizioni per decenni. Nel frattempo, i maggiori dirigenti del DIF guadagnano 10 volte di più.

AMLO ha sostenuto che i suoi tagli di bilancio sarebbe partiti “dall’alto verso il basso”, ma hanno finito per essere il contrario. I lavoratori del DIF, così come i lavoratori di molti musei di Città del Messico, sono stati licenziati. Molti riportano d’essere stati sostituiti da giovani precari appena usciti dall’università.

I giovani in Messico hanno difficoltà a trovare lavoro dopo la laurea, e la “soluzione” di AMLO è triplice: o diamo loro una “borsa di studio” di 150 dollari, gli facciamo fare un servizio alla comunità per 400 dollari, o li lasciamo entrare nella Guardia Nazionale. Così, quando i giovani cercano lavoro, il governo li fa entrare nel loro nuovo apparato repressivo o dà loro posti di lavoro sostituendo lavoratori “inutili”, guadagnando metà del loro stipendio. Tutto ciò permette alle autorità di queste istituzioni di concedersi un aumento del 5,7%, sostenendo che stanno licenziando solo lavoratori in posti di lavoro “non necessari”. Il governo ha anche avviato una campagna mediatica contro le proteste dei lavoratori licenziati, sostenendo che si tratti di persone poco affidabili e vicine a politici corrotti. Inoltre, i recenti casi di stupri commessi dalla polizia contro le donne a Città del Messico hanno scatenato proteste contro l’insabbiamento da parte del governo.

Quando i giornalisti hanno sottolineato che l’occupazione è diminuita, López Obrador ha risposto con: “Ho altri dati”, che è la versione messicana dei “fatti alternativi” di Trump. I due presidenti hanno più cose in comune che differenze.

 

Con Trump, contro gli immigrati

AMLO è diventato un alleato stretto di Trump. Dopo che migliaia di migranti centroamericani hanno attraversato il confine meridionale del Messico per raggiungere gli USA, si è scatenata una crisi nella regione. Trump ha minacciato López Obrador di alzare le tariffe doganali se il Messico non fosse riuscito a controllare l’ondata di persone che cercavano di raggiungere gli Stati Uniti.

Appena eletto AMLO aveva promesso che i migranti sarebbero stati trattati con dignità, che avrebbe dato loro una sorta di carta verde [come la green card, il permesso di soggiorno illimitato negli USA, ndt], che avrebbe permesso loro di lavorare part time e di effettuare controlli dei precedenti e coordinare le azioni con le ONG per la ricerca di migranti scomparsi. Il Messico sarebbe stato un mediatore tra l’America centrale e gli Stati Uniti, stabilendo canali di comunicazione per la migrazione legale.

Ma queste promesse non sono state mantenute. Invece, López Obrador ha obbedito ai comandi di Trump. Ha mandato la nuova Guardia Nazionale per intercettare le carovane dei migranti. Le reali misure dell’AMLO hanno suscitato indignazione tra certi settori di sinistra e gli attivisti per i diritti umani che hanno iniziato a seguire da vicino i migranti per assicurare che raggiungano in sicurezza il confine.

Nei rifugi in Chiapas, dei migranti haitiani sono stati arrestati dalla Guardia Nazionale. Durante un servizio giornalistico una madre haitiana con i suoi due figli piccoli ha pianto mentre, dall’altra parte della dogana, raccontava ai giornalisti della sua situazione in spagnolo mal parlato. “Per favore! Vi prego, aiutatemi! Mio figlio è malato. Soffre da giorni. Mandami un po’ di cibo! Aiutatemi” disse mentre veniva allontanata dalle telecamere dalla Guardia Nazionale.

Le stesse scene si sono ripetuti a Città del Messico. I migranti che raggiungono il rifugio situato nel quartiere di Iztapalapa vivono stipati in condizioni disumane. Giornalisti e ONG hanno riferito che i centri di detenzione “sembrano carceri” e che i bambini (molti dei quali non accompagnati) dormono su materassi brulicanti di zecche e cimici.

Gli scandali che Obama e Trump hanno dovuto affrontare per quanto riguarda i bambini migranti sono ancora in corso, solo che ora hanno coinvolto anche Obrador e la sua Guardia Nazionale, che agisce come un ramo messicano della Guardia di frontiera degli Stati Uniti.

 

Il vero scopo del MORENA

È sempre stato chiaro che MORENA avrebbe tradito le sue promesse. Come abbiamo scritto l’anno scorso:

Non c’è nulla di progressista in un partito che cerca di usurpare il malcontento sociale e di trasformarlo in slogan elettorali. […] MORENA, non mettendo in discussione il carattere di questo regime al servizio delle multinazionali fino in fondo, non può dare una risposta seria ai lavoratori e ai giovani, con le loro aspirazioni al cambiamento.

Lo diciamo in contrapposizione ai settori della sinistra che credono che lo Stato capitalista possa essere riformato. La rivista Jacobin, per esempio, ha recentemente sostenuto che la sinistra deve appoggiare il progetto d’Obrador se vuole davvero sconfiggere la destra (“AMLO non può farlo da solo“). AMLO, purtroppo, è un nemico dei lavoratori in lotta. Quando i lavoratori della maquila sono andati in sciopero all’inizio di quest’anno, il sindaco di Matamoros, che è membro del MORENA, ha preso le parti dei padroni. AMLO e il suo partito hanno così chiarito da che parte stanno. Conclude l’articolo su Jacobin:

La sinistra messicana potrà prosperare solo se riuscirà a trasformare il MORENA da veicolo di campagna elettorale e veicolo per i carrieristi in un vero e proprio strumento di educazione politica e democrazia popolare. Nel sistema mondiale di oggi, non ci sono seconde opportunità.

E qui sta il problema: MORENA non è uno “strumento per l’educazione politica e la democrazia popolare”, ma un sistema progettato per incanalare il malcontento nei canali legali. È il pompiere del regime, che respinge ogni esplosione sociale. Dice agli attivisti: “Non dimostrate. Aspettate le prossime elezioni e votate per noi”. Coopta i movimenti sociali trasformando i loro leader in ricchi parlamentari.

López Obrador ha dichiarato che il neoliberismo è stato abolito. Ma nel suo primo anno di mandato ha ripetutamente dimostrato che il suo obiettivo è quello di mantenere lo status quo costruito dalle precedenti amministrazioni neoliberaliste.

D’altro canto, l’opposizione di destra è in rotta e l’indice di gradimento del presidente, sebbene inferiore rispetto all’anno scorso, è ancora superiore al 70%. Le proteste dei settori reazionari (soprannominati “fifís” e “whitexicans”) contro le misure dell’AMLO non hanno richiamato più di poche centinaia di persone.

Il movimento di massa e la sinistra in Messico si trovano di fronte al compito di costruire un partito per i lavoratori, i giovani, le donne e le persone LGBT+, che prende posizione contro gli attacchi del governo e i licenziamenti. Per questo è necessario rompere con López Obrador, il MORENA e la sua “quarta trasformazione”, che non è disposta a trasformare lo status quo neoliberale, e tanto meno il sistema capitalista.

Óscar Fernández

Traduzione da Left Voice