I socialdemocratici e i militari si preparavano a schiacciare la rivoluzione tedesca. La grande maggioranza della classe operaia desiderava il socialismo – ma non aveva un proprio grande partito a guidare le lotte. Quali lezioni si possono trarre da questa sanguinosa sconfitta?


Parte I – Parte II – Parte III

Il 4 gennaio, la SPD licenziò il presidente della polizia di Berlino. Emil Eichhorn non era tecnicamente un poliziotto. Era un giornalista dell’USPD che il giorno dell’insurrezione aveva pensato di guidare un gruppo di lavoratori alla sede della polizia. Avevano preso la “Fortezza Rossa” ad Alexanderplatz senza combattere, mentre gli agenti di polizia fuggivano. Per due mesi, Eichhorn aveva guidato la sua forza di polizia socialista improvvisata. Rifiutò il suo licenziamento: “Ho ricevuto la mia posizione dalla rivoluzione, e la restituirò solo alla rivoluzione!”

L’USPD, la KPD e soprattutto i Delegati rivoluzionari rivendicarono uno sciopero generale per difendere Eichhorn. Le masse vedevano questo capo della polizia rivoluzionaria come l’ultima conquista rimasta dalla rivolta di novembre. Così si riversarono nelle strade per difenderlo. Il 5 gennaio, mezzo milione di lavoratori aderirono allo sciopero e alla mobilitazione, nonostante il freddo pungente. I leader dello sciopero rimasero scioccati – avevano molto più sostegno di quanto non pensavano. Quel giorno, Ebert aveva chiamato i suoi sostenitori a una contromanifestazione presso la Cancelleria del Reich – solo poche migliaia di sottufficiali e studenti si presentarono.

Il comitato di sciopero, rintanato nella Fortezza Rossa, decise un nuovo obiettivo per lo sciopero. Non si trattava più solo di difendere Eichhorn: si costituirono come Comitato rivoluzionario di 53 membri – guidato da un triumvirato di Liebknecht (KPD), Georg Ledebour (USPD) e Paul Scholze (Delegati) – e dichiararono che il governo Ebert era stato rimosso. Avevano preso il potere. Il giorno seguente, fino a un milione di lavoratori si sono uniti allo sciopero a sostegno del nuovo governo.

Il Comitato rivoluzionario aveva un sostegno di massa schiacciante, ma pochi mezzi per esercitare il potere. Mandarono soldati ad occupare le stazioni ferroviarie centrali, mentre gli operai sequestrarono diversi giornali, soprattutto il Vorwärts. Queste furono comunque eccezioni. Circa 200 marinai furono inviati a prendere controllo del Ministero della Guerra. Il loro comandante portava ordini dattilografati da Liebknecht, Ledebour e Scholtze. Egli li presentò al portiere – che fece notare che gli ordini erano firmati, ma mancava il timbro. I marinai, ancora confusi dalle illusioni formali del potere, si voltarono per acquisire ordini migliori – e scomparvero tra la folla. Il ministero non fu più occupato.

Le masse lavoratrici rimasero un giorno intero al freddo, e poi un secondo, in attesa di chiare istruzioni per l’azione. Il Comitato rivoluzionario, bloccato in interminabili deliberazioni nel suo quartier generale, non offriva loro alcuna direzione. Il terzo e il quarto giorno, il fronte dello sciopero cominciò a sgretolarsi – vivendo per lo più alla giornata, molti erano costretti a tornare al lavoro. Il Comitato rivoluzionario cercò di aprire trattative con il governo Ebert – quello che si supponeva avesse già rovesciato!

La KPD ebbe un ruolo contraddittorio in questa rivolta mal pianificata. Liebknecht e Wilhelm Pieck della Centrale (cioè il gruppo dirigente) della KPD facevano parte del Comitato Rivoluzionario. Eppure Radek sconsigliò fortemente di cercare di rovesciare il governo in quel momento. Chiedeva un ritiro ordinato, come i bolscevichi avevano fatto dopo i giorni di luglio a Pietrogrado. Il suo programma prevedeva: nuove elezioni dei consigli, l’armamento degli operai e la formazione di guardie operaie, per ritirarsi da uno scontro prematuro e preparare la prossima offensiva. La posizione di Luxemburg in questi giorni critici è meno chiara, ma sta di fatto che criticò la mancanza di azione dei capi. La storiografia borghese si riferisce spesso agli scontri di gennaio come a una “rivolta spartachista”, anche se non era niente del genere.

Ebert e Noske fecero una dimostrazione di negoziazione con i capi dell’insurrezione fallita. In realtà, avevano passato la settimana a raccogliere migliaia di Freikorps in giro per Berlino. Quando lo sciopero crollò, la controrivoluzione entrò in città.

Sconfitta

I Freikorps entrarono a Berlino, invadendo un quartiere operaio dopo l’altro. I combattimenti si concentrarono presto nel quartiere dei giornali, in particolare intorno all’edificio del Vorwärts. Circa 200 operai avevano occupato l’edificio e pubblicato il “Vorwärts rosso” per una settimana. Già l’undici gennaio erano circondati da truppe controrivoluzionarie con artiglieria, lanciagranate, lanciafiamme e persino un carro armato. Il fiero edificio, eretto con decenni di donazioni dei lavoratori berlinesi, fu pesantemente danneggiato dai bombardamenti. Gli occupanti inviarono una delegazione di sette persone con bandiera bianca per negoziare la resa – tutti furono portati in una caserma militare vicina e picchiati a morte. Gli altri 200 si arresero poco dopo, e solo per fortuna evitarono di essere sterminati in massa.

Luxemburg e Liebknecht alla fine si nascosero, prima nel quartiere proletario di Neukölln, poi nel più borghese Charlottenburg. Una pattuglia controrivoluzionaria li scoperse nell’appartamento di un amico. Furono arrestati e portati in un quartier generale dei Freikorps nell’Hotel Edon di fronte allo zoo. Un ufficiale in comando, Waldemar Papst, non sapeva cosa fare dei suoi due famosi prigionieri. Chiamò la Cancelleria del Reich e raggiunse Noske – Ebert stava nella stessa stanza ascoltando la conversazione. Papst non voleva assumersi la responsabilità di un’esecuzione. Anche Noske si rifiutò di assumersi la responsabilità, temendo di dividere la SPD. Il mastino alla fine disse a Pabst: “Avrebbe dovuto essere lui stesso responsabile di ciò che andava fatto”.

Seguendo questi ordini impliciti, i Freikorps giustiziarono Luxemburg e Liebknecht. Lei fu picchiata a morte fuori dall’albergo; lui fu stato condotto in un parco vicino e giustiziato. Gli assassini affermarono che Rosa fosse trascinata via da una folla, mentre lui sarebbe stato colpito “mentre cercava di scappare”. Jogiches e altri comunisti ricostruirono il crimine proprio nelle settimane successive. Eppure un solo soldato fu stato condannato per l’omicidio – Pabst e tutti gli altri ufficiali furono aiutati per lasciare il paese e poi tornare. Pabst divenne un nazista e più tardi un cittadino della Repubblica Federale, protetto dai servizi segreti della RFT. Nel 1962, riferì delle sue conversazioni con Noske e Ebert. Solo negli anni Ottanta i socialdemocratici si sono finalmente assunti la responsabilità dell’assassinio dei due leader comunisti.

La sconfitta dell’insurrezione di Berlino non significò la fine della Rivoluzione tedesca. Le lotte di massa continuarono per tutto il 1919: nella regione della Ruhr, nella Germania centrale, a Berlino. A Brema e a Monaco di Baviera ci furono repubbliche concsliari di breve durata. I Freikorps e la SPD riuscirono a sopprimere ciascuno di questi movimenti presi singolarmente. Solo nel marzo del 1919 massacrarono a Berlino almeno 1.200 lavoratori.

Nel 1920 i paramilitari di destra si convinsero che il movimento operaio fosse stato completamente schiacciato – quindi non avevano più bisogno della loro alleanza con la SPD. Il Putsch Kapp-Ludendorff fu il loro tentativo di deporre Ebert e di prendere il potere da soli. Catturarono Berlino senza resistenza, con il vecchio governo in fuga a Lipsia, poi a Stoccarda, incapace di trovare truppe disposte a difenderli. Disperati, Ebert e compagni indissero uno sciopero generale – il primo e unico sciopero generale nazionale nella storia della Germania. Milioni di lavoratori risposero alla chiamata. Il governo golpista, tagliato fuori dai treni e dai telegrafi, crollò dopo soli tre giorni.

Il governo della SPD, salvato dallo sciopero, decretò immediatamente un’amnistia per tutti i golpisti. Il giorno dopo, la rinnovata alleanza SPD-Freikorps sterminava i lavoratori dell’Armata Rossa della Ruhr che avevano appena sconfitto il colpo di Stato. Lotte come questa continuarono in tutta la Germania fino al 1923. Non ci fu mai un conteggio ufficiale dei morti. Fonti comuniste dell’epoca stimano che nella guerra civile tedesca del 1919-20 il governo della SPD assassinò circa 15.000 lavoratori.

I socialdemocratici sostenevano che avrebbero portato la pace e la socializzazione dei mezzi di produzione, purché riuscissero a tenere a bada i radicali. A Berlino affissero manifesti che proclamavano: “Socializzazione in marcia!” Ma davanti a questi manifesti i paramilitari di destra sparavano ai lavoratori. Un partito fondato 43 anni prima per distruggere il capitalismo era ormai diventato il baluardo centrale del dominio capitalista.

La questione del partito

Lenin spiegò una volta che il partito bolscevico era stato rafforzato da 15 anni di “storia pratica di quindici anni (1903-1917) , che non ha eguali al mondo per ricchezza di esperienze”, che consisteva in una rapida e variegata “successione delle diverse forme del movimento, legale e illegale, pacifico e violento, clandestino e aperto, di piccoli circoli e di grandi masse, parlamentare e terroristico”.

I socialisti rivoluzionari dell’Impero tedesco, invece, non avevano sperimentato altro che una limitata legalità dal 1890 al 1914. Ogni raduno socialista ufficiale comprendeva un ufficiale di polizia che annotava tutto ciò che veniva detto e che scioglieva la riunione se riteneva che qualche oratore avesse violato la legge. Gli agitatori socialisti impararono a formulare le loro richieste all’interno di questo quadro giuridico.

All’interno della SPD d’anteguerra, i rivoluzionari come Rosa Luxemburg avevano l’opportunità di difendere le loro idee nelle riunioni di massa e nei diffusissimi giornali. Ma mentre la sinistra veniva lentamente spinta fuori dal regime di partito, non riuscivano a organizzare le proprie strutture di fazione. Alla fine del 1913, Luxemburg, Mehring e Karski tentarono di creare una pubblicazione, la Sozialdemokratische Korrespondenz, ma era troppo poco e troppo tardi. Quando scoppiò la guerra, si ridussero a inviare 300 telegrammi in cerca di compagni di lotta – e ricevettero solo poche risposte. Dovettero costruire la loro organizzazione illegale da zero. Anche se polacchi come Luxemburg, Jogiches e Karski avevano una vasta esperienza di lavoro cospirativo sotto il regime zarista, ciò non fu applicato in Germania. La Lega Spartaco, per esempio, fu fondata nello studio legale di Karl Liebknecht proprio sotto il naso delle autorità militari.

Ciò fa contrasto con l’attività dei bolscevichi sotto Lenin: quando scoppiò la guerra, essi avevano una struttura di partito con rappresentanti parlamentari, pubblicazioni, corrieri e basi in esilio per presentare posizioni rivoluzionarie al movimento operaio in tutta la Russia. Questo perché già nel 1903 i bolscevichi avevano cominciato a distinguersi organizzativamente dai socialisti riformisti e favorevoli alla guerra.

Anche dopo aver formato la loro organizzazione rivoluzionaria, gli spartachisti speravano in una rifondazione rivoluzionaria della vecchia socialdemocrazia, invece di chiedere un nuovo partito e una nuova internazionale ripulita dal riformismo. Questa fu la logica alla base dell’adesione all’USPD alla sua fondazione. Questo mescolare le proprie bandiere con quelle di centristi incalliti come Haase e Kautsky, che si erano rifiutati di opporsi alla guerra, fu un errore storico che non poteva che confondere la classe operaia. Se Luxemburg non rompeva con i centristi, perché avrebbero dovuto farlo i militanti di base?

Franz Mehring, in una lettera ai bolscevichi del 1918, difendeva la tradizione spartachista, ma aggiungeva il seguente punto: “Ci sbagliavamo solo su una cosa: quando ci siamo uniti al partito indipendente dopo la sua fondazione – naturalmente mantenendo il nostro punto di vista – nella speranza di farli progredire. Abbiamo dovuto abbandonare questa speranza. Tutti questi tentativi sono falliti perché le nostre persone migliori e più provate sono state accusate dai leader degli indipendenti d’essere agenti provocatori, che è un amato residuo delle “vecchie comprovate tattiche”.

Per parafrasare Lev Trotsky: ai lavoratori tedeschi non mancavano né le armi né le organizzazioni per completare la rivoluzione socialista. Quello che mancava loro era un partito rivoluzionario. Sarebbe un’esagerazione dire che Luxemburg difendeva una “teoria della spontaneità” e credeva che gli operai potessero completare la rivoluzione senza alcun tipo di direzione politica. Tuttavia, rimaneva convinta che gli operai, dopo che i capi riformisti li avessero traditi, avrebbero creato una nuova direzione nella foga della battaglia. Il tentativo di fondare la KPD mentre la rivoluzione si era già avviata si è rivelato senza speranza. Luxemburg e i suoi pensatori avrebbero avuto bisogno di anni per elaborare un programma e costruire una struttura di quadri.

Paul Levi – l’avvocato di Luxemburg, che le successe come leader della KPD dopo il suo assassinio – “disse nel 1920 che l’errore principale dei rivoluzionari tedeschi fu il loro rifiuto prima del 1914 di organizzarsi autonomamente sul piano politico, anche se l’organizzazione così creata avrebbe dovuto esistere come setta” (Pierre Broué).

Come ha spiegato il trotskista tedesco Walter Held circa vent’anni dopo:

Mentre la concezione di Lenin del 1903 trovava la sua massima conferma nell’insurrezione pianificata dell’Ottobre; la concezione di Rosa andò incontro a un terribile naufragio nel gennaio 1919, e la sinistra tedesca ci ha presentato, oltre a una serie di notevoli personaggi e martiri alla causa, solo l’amara lezione di una nuova sconfitta.

Luxemburg e Liebknecht erano ingenui?

Luxemburg e Liebknecht sottovalutarono la necessità di una direzione comunista per assicurarsi una vittoria della classe operaia. Questo significava forse che sottovalutavano anche il loro ruolo nella storia? Qualsiasi studente della rivoluzione tedesca se lo chiederà: non avrebbero potuto salvarsi? Quando la sconfitta dei combattimenti di gennaio è diventata chiara, non avrebbero potuto fuggire a Jena, a Stoccarda o in Svizzera per ricostituire la Centrale della KPD e prepararsi per quando la marea della rivoluzione sarebbe risalita?

Si poteva ancora vedere Luxemburg discutere e fare agitazione per le strade intorno ad Hallesches Tor, a pochi metri dalla sede del Vorwärts, mentre i Freikorps si avvicinavo. Bisognava convincerla a nascondersi. La sua posizione era a suo modo logica: se fosse andata in latitanza, ripresentandosi a Brema, sarebbe stata una grande vittoria morale per la SPD.

Nessuno credeva che Ebert e compagnia fossero capaci di un omicidio del genere. Quando fu arrestata, Luxemburg – che era stata rilasciata da una prigione tedesca solo due mesi prima – raccolse i suoi libri preferiti per un altro soggiorno in carcere. Era stata imprigionata sia dal Kaiser che dallo Zar – e non era stata minacciata una sola volta di morte dai monarchi assolutisti. Perché Ebert avrebbe dovuto rappresentare un pericolo maggiore dei monarchi Guglielmo e Nicola? Luxemburg, dopo tutto, aveva insegnato economia politica a Ebert all’università della SPD solo pochi anni prima.

Dopo le giornate di luglio della rivoluzione russa del 1917, Lenin fuggì in Finlandia, ma Trotsky si lasciò imprigionare dal governo Kerenskij. La vita di Trotsky non era seriamente in pericolo, e fu liberato dalla successiva offensiva della classe operaia – la mobilitazione contro il colpo di stato di Kornilov – pochi mesi dopo.

All’epoca era difficile immaginare che i leader riformisti potessero commettere un crimine così storico. Tuttavia, i socialdemocratici avevano già sulle mani il sangue di milioni di lavoratori. Perché avrebbero dovuto fermarsi di fronte ad altri due socialisti assassinati?

Inoltre, la borghesia tedesca aveva iniziato a trarre lezioni dalla rivoluzione russa un anno prima. Avevano capito che i bolscevichi erano ben più di una banda di fanatici che dopo poche settimane avrebbero perso il potere. Se la classe operaia compatta in Russia poteva prendere il potere politico ed espropriare il capitale, allora il pericolo rappresentato dalla massa del proletariato tedesco era incomparabilmente maggiore.

Come ha spiegato Lenin, sotto l’imperialismo la borghesia non può governare da sola. Deve corrompere gli strati più alti del movimento operaio, i burocrati sindacali e l’aristocrazia operaia. Così le organizzazioni riformiste come la SPD si trasformano in una sorta di polizia capitalista all’interno del movimento operaio. Proprio come le normali forze di polizia, devono essere pronte a commettere omicidi quando la classe dirigente è minacciata. Questo rendeva inevitabile l’alleanza dei socialdemocratici con il Freikorps.

Questo fenomeno si può osservare oggi, proprio come 100 anni fa. Quando i socialisti riformisti entrano in un governo borghese, non possono evitare la responsabilità di una violenta repressione contro la loro stessa base. È il caso di Syriza in Grecia o di Die Linke in Germania, che si sono resi colpevoli di sfratti e deportazioni e di violenze della polizia contro i lavoratori e i giovani.

Lezioni di una rivoluzione fallita

La fallita insurrezione berlinese dell’inizio del 1919 mostra la dialettica della storia. Per decenni la classe operaia tedesca aveva lavorato per costruire strutture per la lotta di liberazione: giornali, sindacati, associazioni di ogni tipo e il proprio partito politico con una forte presenza in parlamento. Eppure, in mancanza di una chiara strategia di conquista del potere attraverso la lotta rivoluzionaria, e nella speranza di una lenta crescita del socialismo, proprio questi strumenti di liberazione si sono trasformati in armi contro i lavoratori. Sono state le strutture socialdemocratiche costruite dai sacrifici di generazioni di lavoratori a salvare il capitalismo dall’ondata rivoluzionaria del 1918-19.

La Rivoluzione tedesca dimostra che ogni rivoluzione proletaria istituisce strutture di auto-organizzazione come i consigli. Queste strutture, che si chiamino “consigli”, “Räte” o “soviet” o con altri nomi, sono necessarie per porre la questione del potere. Ma la formazione di consigli in tutta la Germania non è stata sufficiente a garantire il potere alla classe operaia. Un partito rivoluzionario che lavori all’interno di questi organi di auto-organizzazione è necessario affinché la maggioranza della classe operaia infligga colpi decisivi alla borghesia e ai suoi servitori. I consigli guidati dai riformisti erano peggio che inutili.

Non c’erano molti Freikorps in Germania, in numero assoluto. Eppure avevano il vantaggio decisivo di essere organizzati centralmente. Potevano spostarsi da una città all’altra, distruggendo il movimento rivoluzionario ovunque alzasse la testa. I lavoratori, invece, dovevano lottare con le scarse risorse di cui disponevano a livello locale. Questa mancanza di una direzione centralizzata era più di una questione organizzativa. Molti lavoratori, influenzati dall’USPD, credevano che sarebbe stato possibile creare un sistema che riconciliasse i consigli con un parlamento. Così, essi mantenevano delle illusioni nei negoziati con il governo della SPD e i loro paramilitari di destra – che, al contrario, non si facevano illusioni sulla possibilità di un compromesso.

Lo storico Sebastian Haffner ha intitolato il suo lavoro fondamentale sul ruolo della socialdemocrazia nella rivoluzione tedesca semplicemente: “Il tradimento”. Ebert, Scheidemann, Noske e compari non hanno tradito solo le promesse fatte ai loro sostenitori: la socializzazione dei mezzi di produzione e il fine del capitalismo. Non sono nemmeno riusciti a raggiungere i loro obiettivi reali, molto più limitati: una monarchia costituzionale, o, in mancanza, una repubblica parlamentare, con una forte socialdemocrazia. Hanno creato una “repubblica” che si reggeva su paramilitari protofascisti, armati fino ai denti, massacrando decine di migliaia di lavoratori.

Una nuova costituzione garantiva tutti i tipi di diritti democratici nel regime di Weimar – ma questi non avevano senso finché i militaristi di destra fanatici e i burocrati socialdemocratici massacravano i lavoratori. Il lavoro della SPD nella rivoluzione di novembre portò la Germania direttamente nella barbarie dei nazisti – che poi distrussero la SPD stessa. I socialdemocratici dimostrarono così, a loro modo negativo, che Luxemburg aveva ragione: “Socialismo o barbarie”. La socialdemocrazia salvò la Germania dal “bolscevismo”, ma solo per consegnare il paese alla barbarie.

Nathaniel Flakin

Traduzione da Left Voice