“Abbiamo deciso che la Germania invierà all’Ucraina i carri armati antiaerei ‘Gepard'”, ha detto il ministro della difesa Christine Lambrecht all’apertura di una riunione con le sue controparti occidentali nella base statunitense di Ramstein, nella Germania occidentale.


Su pressione degli Stati Uniti, ieri si sono riuniti i ministri della difesa di più di 40 alleati nella base americana di Ramstein, in Germania, per darsi una linea sulle consegne di armi all’Ucraina. Alla riunione hanno partecipato non solo i membri della NATO, l’Ucraina e i candidati alla NATO (Svezia e Finlandia), ma anche paesi non europei, tra cui Giappone, Australia, Corea del Sud, Israele, Qatar, Kenya e altri. Questo è un altro esempio di come gli Stati Uniti stanno cercando di unire le forze anche oltre l'”Occidente” nella loro lotta con la Russia, che ha l’obiettivo strategico di indebolire l’asse di Mosca con Pechino, con la Cina nel mirino.

Di fronte allo sviluppo della seconda fase della guerra, gli USA hanno fortemente sollecitato i loro alleati a inviare più armi e migliori. “Non abbiamo tempo da perdere”, ha dichiarato il segretario alla difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin, perché “le prossime settimane saranno cruciali per l’Ucraina” mentre la Russia cerca di prendere il pieno controllo dell’Ucraina meridionale e della regione del Donbass. È probabile che il vero obiettivo dietro queste parole sia quello di impedire a Putin di privare gli ucraini dell’accesso al Mar Nero, anche se, come si può vedere dall’inizio della guerra, la tattica degli Stati Uniti si è adattata alla situazione sul terreno. Da qui il suo tono più trionfalistico e offensivo di fronte alle difficoltà dell’invasione russa. Nelle parole di Austin: “L’Ucraina crede chiaramente di poter vincere, come tutti qui. Continueremo a muovere mari e monti per soddisfarli”. E sta offrendo circa 400 milioni di dollari a questo scopo per sostituire nei vari arsenali le armi che i singoli paesi stanno inviando a Kiev.

La pressione degli Stati Uniti e dei loro alleati più favorevoli alla guerra è tale che anche la Germania ha dovuto adattarsi. In un nuovo colpo di scena, prima dell’inizio della riunione, il governo tedesco ha annunciato la spedizione di sistemi antiaerei corazzati, una quarantina di Gepard che saranno rimessi a nuovo dall’industria bellica tedesca, e il futuro addestramento dei soldati ucraini in Germania. Fino ad allora, il cancelliere Olaf Scholz era contrario a fornire direttamente veicoli corazzati o pezzi di artiglieria in aggiunta ai lanciarazzi e missili antiaerei già forniti. Il cancelliere ha giustificato il suo rifiuto con il desiderio di proteggere i suoi compatrioti da un attacco atomico russo. Tuttavia, l’atteggiamento verso le consegne di armi da potenze nucleari (Stati Uniti, Gran Bretagna) fino ai partner militarmente più piccoli (Repubblica Ceca, Polonia e Paesi Bassi), che non nutrono tali timori, ha lasciato Scholz sulla difensiva. Sul piano interno, la battuta d’arresto del cancelliere socialdemocratico è una piccola vittoria per i conservatori della CDU/CSU. Con la minaccia di una risoluzione a favore della fornitura di armi pesanti che sarà presentata giovedì al Bundestag, i conservatori hanno costretto Olaf Scholz a una nuova svolta. Con i Verdi e i Liberali che spingono per le richieste di Kiev, il capo del governo avrebbe dovuto affrontare un voto di fiducia virtuale.

Nonostante le esitazioni, le forti contraddizioni e gli enormi costi, il governo tedesco ha deciso il suo percorso bellicista all’interno dello schema globale disegnato dagli Stati Uniti. Una tendenza militarista che può solo approfondire come annuncia il fatto che l’incontro di ieri sarà il primo di molti, secondo il capo del Pentagono. Ha annunciato che Washington e i suoi alleati si incontreranno ogni mese d’ora in poi. Con un obiettivo chiaro: organizzare l’azione delle “nazioni di buona volontà per intensificare [gli sforzi], coordinare [l’assistenza] e concentrarsi per vincere la lotta ora e nella lotta a venire”, secondo le parole di Austin.

Juan Chingo

Membro della redazione di Révolution Permanente, giornale online francese. Autore di numerosi articoli e saggi sui problemi dell'economia internazionale, della geopolitica e delle lotte sociali dal punto di vista della teoria marxista. È coautore con Emmanuel Barot del saggio "La classe ouvrière en France: Mythes & réalités. Pour une cartographie objective et subjective des forces prolétariennes contemporaines" (2014) ed autore del saggio sui Gilet Gialli "Gilets jaunes. Le soulèvement" (2019). Dirigente della Courante Communiste Revolutionnaire (CCR), corrente del Nouveau Parti Anticapitaliste (NPA).