Femministe di spicco di diversi paesi stanno già appoggiando questa dichiarazione internazionale per il diritto all’aborto negli Stati Uniti. La corrente femminista socialista Pan y Rosas, presente in 14 paesi d’America e d’Europa, vi invita a firmare e a diffonderlo ampiamente affinché la nostra voce sia ascoltata e affinché diventi legge!

Potete firmare qui, nel modulo in fondo alla dichiarazione.

Noi, le sottoscritte femministe e attiviste LGTBQ+ di diversi paesi, siamo solidali con le donne degli Stati Uniti che oggi lottano per il diritto all’aborto sicuro e gratuito.

Il voto della Corte Suprema degli Stati Uniti contro la sentenza Roe v Wade significherà un passo indietro storico contro il diritto delle donne e delle persone con capacità di generare figli di decidere del proprio corpo. Questo colpirà soprattutto le donne più povere, le donne di colore, le latine e le donne migranti. 

Per anni, le organizzazioni conservatrici e le Chiese hanno cercato di liquidare questo diritto, o di bloccarlo in vari modi, in diversi Stati. Ora vogliono fare un ulteriore passo avanti, vietando il diritto all’aborto. Sappiamo che l’aborto clandestino significa solo più morti di donne per aborto, ed è per questo che il movimento delle donne in tutto il mondo continua a chiedere: contraccettivi per non abortire, aborto libero per non morire.

La responsabilità di questo attacco è ora della Corte Suprema a maggioranza conservatrice. Le nove persone (sei uomini e tre donne) che compongono la Corte suprema, non votata dal popolo, hanno in mano la decisione sulla salute e sulla vita della maggior parte delle donne e delle persone con la capacità di generare figli. Il Partito Repubblicano attacca da tempo questo diritto, come ha fatto recentemente con l’approvazione di una legge molto restrittiva in Texas. E Donald Trump ha trasformato questa battaglia reazionaria in una bandiera per la sua campagna elettorale.

Ma se la Corte Suprema può ora procedere con questo attacco, è perché i diritti legati all’aborto non sono mai diventati legge federale nel Congresso degli Stati Uniti. Qualcosa che il Partito Democratico si è rifiutato di votare ogni volta che ha avuto una maggioranza legislativa.

Non sono in gioco solo i diritti all’aborto di milioni di donne. La sentenza reazionaria della Corte Suprema potrebbe aprire la strada all’avanzamento di altri diritti democratici e LGBTQ+.

Negli ultimi anni le femministe di diversi paesi si sono mobilitate nella “marea verde” in Argentina e in America Latina, per il diritto all’aborto in Polonia e in Irlanda, negli scioperi delle donne e nelle mobilitazioni contro la violenza maschilista e omofoba in molti Paesi. Perché sappiamo che l’unico modo per conquistare tutti i nostri diritti è la mobilitazione nelle strade.

La strada è indicata da centinaia di migliaia di donne e attivisti che si sono mobilitati in questi giorni nelle città degli Stati Uniti cantando: “Il mio corpo, la mia decisione” e anche “Non torneremo indietro”. La tendenza alla confluenza tra questo movimento per i diritti dell’aborto e per i diritti LGBTQ+ con i nuovi attivisti sindacali in aziende come Amazon e Starbucks può essere molto potente.

Per questo chiamiamo a una solidarietà internazionale attiva con le donne che si stanno mobilitando negli Stati Uniti.

Candelaria Botto de Econofeminita, la Dra. en Filosofía Diana Maffía y la diputada nacional Myriam Bregman, de Argentina, la politóloga decolonial Françoise Vergès, de Francia, la politóloga feminista Jule Goikoetxea del País Vasco y más de 200 feministas de distintos países ya firmaron en las primeras horas. Sumá tu apoyo completando este formulario.

——

Prime firme

Candelaria Botto di Econofeminita;

 Diana Maffía, dottoressa in filosofia;

Myriam Bregman, deputata nazionale argentina del FIT-U;

Françoise Vergès, politologa decoloniale francese;

Più di 200 femministe di vari paesi che già hanno firmato nelle prime ore.

Il collettivo "Il pane e le rose" nasce nel 2019 aderendo alla corrente femminista socialista internazionale "Pan y Rosas", presente in molti paesi in Europa e nelle Americhe