Lev Trotsky non scrisse mai un’opera dedicata, in particolare, all’analisi della storica oppressione patriarcale. Perché, allora, ci sono così tante edizioni – nell’arco di mezzo secolo – che compilano discorsi, brevi stralci o interi capitoli delle sue opere in cui affronta la questione delle donne?


La prima antologia che appare sotto il nome di Women and the Family (“Le donne e la famiglia”), di Pathfinder Press, è del 1970. Con un’introduzione di Caroline Lund [1], l’edizione comprende “Dalla vecchia alla nuova famiglia”, che è il capitolo VI di “Problemi della vita quotidiana” (1923); “Lettera a un’assemblea delle donne lavoratrici a Mosca” (1923); “La protezione della maternità e la lotta per la cultura” e “Costruire il socialismo significa emancipare le donne e proteggere le madri” (1925), entrambi si rivolgono alla terza Conferenza sulla protezione della maternità e dell’infanzia tenutasi in Unione Sovietica [2]; “Family Relations under the Soviets” (1932), che sono le risposte a quattordici domande formulate dal settimanale Liberty of the United States e “Termidoro nella famiglia” (1936), che è una delle sezioni del capitolo VII di La rivoluzione tradita [3]. Seguirono altre ristampe.

Nel 1974 è apparso in spagnolo in Messico come volume 20 delle Opere de Trotsky pubblicato da Juan Pablos Editore. Sotto il titolo La Mujer y la Familia (“Le donne e la famiglia”), gli stessi testi sono compilati, ma con traduzioni dal russo che erano state fatte da Andreu Nin [4] durante la vita di Trotsky e ora raccolte da una giovanissima Veronica Volkow [5]. Nel 1977 è stato pubblicato nella raccolta Cuadernos de Anagrama di Barcellona con il titolo Escritos sobre la cuestión femenina (“Scritti sulla questione femminile”). Questa edizione comprende anche l’ampio articolo “La rivoluzione socialista e la lotta per la liberazione della donna” del 1973, di Mary Alice Waters[6]. Entrambe le pubblicazioni sono state seguite da altre di diversi editori, comprese le versioni anastatiche riprodotte da gruppi politici trotskisti in diverse lingue.

Non è un caso che questi testi, compilati nello stesso volume, circolassero quando si stava sviluppando la seconda ondata di femminismo nei paesi a capitalismo avanzato. Nel quadro delle mobilitazioni giovanili contro la guerra del Vietnam, dei processi di liberazione nazionale in Africa, degli scioperi di massa nei paesi centrali e della messa in discussione dei regimi burocratici dell’Europa dell’Est, è emersa una “nuova sinistra” che si è occupata dei temi dell’oppressione sociale e della cultura, che ha mostrato un maggiore interesse per quei discorsi e articoli. Non solo perché Trotsky era stato, in passato, l’eminente capo dell’opposizione di sinistra all’ala capeggiata da Stalin nel Partito Bolscevico, e al corso degenerativo dello Stato operaio; ma anche perché ha avuto, per diversi decenni, una lettura della questione femminile che si opponeva al discorso ufficiale dei partiti comunisti che, anche negli anni Settanta, mantenevano un marxismo dogmatico distorto a sua misura e una visione abbellente dei cosiddetti “socialismi reali”, a confronto con l’emergente femminismo radicale.

È probabile che con la sconfitta delle masse e l’avanzata della restaurazione capitalista in tutto il mondo, nei decenni successivi, questi brevi ma taglienti articoli e discorsi di Lev Trotsky abbiano perso interesse per un movimento femminile che – con mezzi diversi – si è spostato verso posizioni diametralmente opposte a quelle di un femminismo socialista rivoluzionario. Osiamo affermare – quasi senza timore di sbagliare – che, negli anni Novanta, solo una manciata di marxiste rivendicò tali posizioni, alla ricerca di alcune basi che ci permettessero di separarci radicalmente dalla versione dilagante in cui lo stalinismo aveva trasformato le posizioni del marxismo sulla questione delle donne, per giustificare le sue politiche conservatrici, dando argomenti al liberalismo per attaccare la sinistra.

Per le più dimenticate e oppresse della classe operaia

Il primo testo di Trotsky conosciuto sulla questione femminile, che di solito non compare nelle antologie, è il discorso tenuto alla Seconda Conferenza mondiale delle donne comuniste (1921), che si tenne contemporaneamente al Terzo Congresso dell’Internazionale Comunista, passato alla storia come una “scuola di strategia rivoluzionaria”[7].

Si trattava di un congresso difficile per l’Internazionale, in cui Lenin e Trotsky erano inizialmente in minoranza contro una tendenza ultra-sinistra guidata dai delegati della sezione tedesca. Gli ultra-sinistri sostenevano che la crisi economica del capitalismo stava determinando un aumento senza sosta della mobilitazione delle masse che avrebbe aumentato in modo permanente la possibilità di una presa di potere. Da questa valutazione emergeva che la strategia dei partiti comunisti avrebbe dovuto essere una “offensiva permanente”. Una caratterizzazione che era in contraddizione con la situazione di riflusso della lotta di classe e una politica che portava, pericolosamente, all’isolamento dei partiti comunisti e dei settori più avanzati del movimento operaio dalle masse.

Questa tendenza si esprimeva anche alla Seconda Conferenza mondiale delle donne comuniste, mettendo in discussione la bozza delle “Tesi per la propaganda tra le donne” che sarebbe stata poi approvata, prima dalle delegate e, pochi giorni dopo, al Congresso dell’Internazionale. Nei loro interventi, i delegati dell’ultra-sinistra minimizzavano l’importanza di lottare per il diritto di voto e consideravano la partecipazione dei comunisti ai parlamenti come una deviazione riformista.

La leader più rispettata delle donne comuniste era la tedesca Clara Zetkin. Vicina alle posizioni politiche di Lenin, fu oggetto di attacchi da parte della delegazione del Partito Comunista Tedesco [KPD], prima e durante il Congresso stesso. Inoltre, la tendenza ultra-sinistra approfittava anche del prestigio acquisito dalla rivoluzionaria russa Alexandra Kollontai – che era vicina alle sue posizioni politiche – per cercare di far rimuovere Zetkin dalla direzione del movimento delle donne comuniste, eventualità che era stata prevista da Lenin. Che Clara Zetkin scrivesse la bozza delle Tesi era stata una sua idea, come lei ricorda, affettuosamente, nei suoi Ricordi di Lenin[9]. Lì, in linea con la posizione difesa da Lenin e Trotsky contro l’ala ultra-sinistra, viene sollevata la necessità di rafforzare il lavoro politico dei partiti comunisti tra le donne lavoratrici, seguendo la linea tracciata da Inessa Armand l’anno precedente sull’importanza di mobilitare gli strati “più arretrati, più dimenticati e più oppressi e più umiliati della classe operaia e dei lavoratori poveri”.

Nel suo discorso ai delegati della Seconda Conferenza mondiale delle donne comuniste, Trotsky affermò, sulla stessa linea, che

nello sviluppo del movimento operaio mondiale, le donne proletarie svolgono un ruolo colossale. Dico questo, non perché mi rivolgo a una conferenza di donne, ma perché i numeri sono sufficienti a dimostrare l’importanza del ruolo delle lavoratrici nel meccanismo del mondo capitalista […]. E, in generale, nel movimento operaio mondiale la lavoratrice è proprio al livello del più arretrato, più oppresso, più umile del settore umile del proletariato. E proprio per questo, negli anni della colossale rivoluzione mondiale, questo settore del proletariato può e deve diventare la parte più attiva, più rivoluzionaria e più intraprendente della classe operaia. Naturalmente, l’energia da sola, la volontà di attaccare da sola, non è sufficiente. Ma allo stesso tempo la storia è piena di fatti come questo che abbiamo sottolineato, che durante una fase più o meno prolungata prima della rivoluzione, nel settore maschile della classe operaia, soprattutto tra i suoi strati più privilegiati, si accumulano troppa cautela, eccessivo conservatorismo, molto opportunismo e troppa adattabilità. E il modo in cui le donne reagiscono contro la loro stessa arretratezza e degradazione, quella reazione, ripeto, può giocare un ruolo colossale nel movimento rivoluzionario nel suo complesso[11].

Questo dibattito cruciale nella storia dell’Internazionale Comunista si riflette nel discorso di Trotsky alla Seconda Conferenza Mondiale delle Donne Comuniste e si riflette anche nella sintesi raggiunta nelle “Tesi per la Propaganda tra le Donne”[12], redatte da Clara Zetkin in linea con la posizione di Lenin e Trotsky, ma modificate da altre dirigenti comuniste più vicine all’ultra-sinistra, come Alexandra Kollontai.

Rompere il silenzio che circonda i problemi della vita quotidiana

I testi più noti del 1923 sono per lo più capitoli di Problemi della vita quotidiana. Secondo lo stesso Trotsky nell’introduzione a quel libro, aveva trovato che “nella biblioteca del partito mancava un piccolo opuscolo che, in modo molto popolare, mostrasse al lavoratore medio e al contadino il legame che unisce alcuni fatti e alcuni fenomeni del nostro periodo di transizione e che, indicando una prospettiva adeguata, sarebbe servito come arma per l’educazione comunista”. Per discutere di questo, organizzò un’assemblea di propagandisti di partito a Mosca, distribuì un questionario e aprì la discussione. Avvertì che “i problemi legati alla famiglia e al modo di vivere hanno affascinato tutti i partecipanti”. Su questa base fu curato l’opuscolo, che non considerava più una lettura divulgativa, ma proponeva invece di indirizzarlo “prima di tutto ai membri del partito, ai dirigenti sindacali, alle cooperative e alle organizzazioni culturali”[13].

In appena due mesi scrisse una prefazione alla seconda edizione in cui riportava le critiche ricevute da un settore del partito: “Alcune menti privilegiate hanno cercato di opporsi, per quanto ne so, ai compiti legati alla cultura del modo di vivere con i compiti rivoluzionari. Un tale approccio può essere definito solo come un grossolano errore politico e teorico”[14]. Non è difficile capire da dove venissero queste critiche, con il loro contenuto marcatamente meccanicistico.

Nel 1923, con Lenin fuori gioco a causa della sua grave situazione sanitaria, il processo di burocratizzazione del partito e dello Stato operaio accelera[15]. Stalin, Zinov’ev e Kamenev rivendicavano un “Nuovo Corso” di fronte al malcontento che si stava diffondendo all’interno del partito e scatenarono una campagna diffamatoria contro Trotsky e altri leader dell’opposizione[16]. Gli articoli pubblicati sulla Pravda da Trotsky contro questo “Nuovo Corso” saranno raccolti più avanti in questo lavoro che analizza il burocratismo e anticipa i pericoli politici generati dal rapporto del partito con l’apparato dello Stato operaio. Ma prima ancora, Trotsky anticipa la sua battaglia contro il burocratismo in Problemi di vita quotidiana, che di solito viene pubblicata insieme agli articoli compilati sotto il titolo di Nuovo Corso.

La sua preoccupazione è incentrata sulla lotta contro l’arretratezza sociale e culturale in cui sono immerse le masse di lavoratori e contadini, perché da essa dipenderà anche la loro capacità di affrontare la burocrazia. Il superamento dell’ignoranza e dell’abbrutimento dei costumi ancestrali diventa un fattore decisivo per innalzare il livello culturale delle masse e rompere con l’atavismo e la sottomissione ai poteri stabiliti, al fine di costruire consapevolmente il socialismo. Il ricercatore russo Aleksandr Reznik sottolinea in “Lev Trotsky, la politica e la cultura negli anni ‘20” che “il dibattito sui problemi della vita quotidiana era una forma di dibattito politico indiretto sulle forme di costruzione del socialismo in condizioni di pace, durante il quale si rivelavano ‘l’opinione pubblica’ e l’attività delle ’basi’ che potevano riformare il ‘regime interno’ che gravitava verso la burocrazia”.

Dal regime zarista, la Russia aveva ereditato un tasso di analfabetismo femminile di quasi il 90%.. La guerra mondiale e la guerra civile avevano spinto le donne a lavorare nelle fabbriche; ma la rivoluzione dovette lavorare sodo per eliminare questa brutale differenza con i lavoratori maschi. Per Trotsky, come per altri dirigenti bolscevichi, le leggi non erano sufficienti se le donne non venivano liberate dalla “schiavitù domestica”. Eppure è solo tenendo conto dello status giuridico delle donne nella rivoluzione che si può vedere che i loro diritti civili, sociali e politici erano di gran lunga superiori a quelli delle masse femminili nelle più avanzate democrazie capitaliste europee. Il diritto di voto attivo e passivo, di divorziare, di abortire, di avere propri documenti e di lavorare per un salario senza chiedere il permesso al padre o al marito. La rivoluzione ha depenalizzato l’omosessualità e ha ottenuto una alfabetizzazione a larga scala. Tuttavia, Trotsky credeva che solo con la crescente incorporazione delle donne nella vita sociale, e non solo nella produzione, i secoli di arretratezza e oscurantismo imposti dall’ordine patriarcale sotto l’influenza della Chiesa ortodossa potessero essere combattuti ad un ritmo accelerato.

Per ottenere questa partecipazione delle donne alla vita politica, sociale e culturale, è stato necessario fare un notevole progresso nella socializzazione del lavoro domestico e di assistenza.

Uno dei problemi, il più semplice, era quello di istituire l’uguaglianza politica tra uomini e donne nello Stato sovietico. […]. Ma raggiungere una vera uguaglianza tra uomini e donne all’interno della famiglia è un problema infinitamente più difficile. […]. Finché le donne saranno legate ai lavori di casa, alla cura della famiglia, alla cucina e al cucito, tutte le loro possibilità di partecipare alla vita politica e sociale saranno totalmente precluse[17].

Nella tradizione dei socialisti utopici francesi del XIX secolo, come per Marx, Engels, Lenin e altri classici del socialismo rivoluzionario, Trotsky condivideva la massima di Charles Fourier secondo cui “il grado di emancipazione delle donne in una società è la misura dell’emancipazione generale[18]. Pertanto, egli riteneva che la rivoluzione socialista non meritasse di essere chiamata così fintanto che le donne continuavano a subire la “schiavitù domestica” dei lavori domestici. “È chiaro che, finché non ci sarà una vera uguaglianza tra marito e moglie all’interno della famiglia, non potremo discutere seriamente della loro uguaglianza nel lavoro sociale o nella politica”[19].

Nel mezzo di una difficile situazione economica e politica per lo Stato operaio, nel bel mezzo della burocratizzazione, Trotsky invita le donne a lottare per la maggiore socializzazione possibile del lavoro domestico. Chiede, prima di tutto, alle donne di lottare consapevolmente contro l’inerzia e le abitudini stantìe e, come scrive nella sua “Lettera a un’assemblea di donne lavoratrici a Mosca”, le invita a “fare pressione sull’opinione pubblica di tutte le donne, affinché tutto ciò che si può fare, date le nostre attuali risorse, venga realizzato”[20]. Perché è convinto che “il primo, il più profondo e urgente compito è quello di rompere il silenzio che circonda i problemi della vita quotidiana[21].

Coloro che hanno sofferto di più per il vecchio, in prima linea nella lotta per il nuovo

Lontano dalla visione caricaturale che il cosiddetto “socialismo reale” offriva al mondo, dove lo Stato diventava fornitore di servizi e diritti per le masse trasformate in meri destinatari “passivi” delle gentili concessioni del capo, Trotsky si propone di avanzare attraverso un processo democratico ampio e dialettico, dove l’iniziativa delle masse diventa un valore fondamentale e lo Stato operaio deve consigliare e assistere perché esse raggiungano i loro scopi:

Due strade sono aperte per la trasformazione della vita quotidiana: quella dall’alto e quella dal basso. Il percorso “dal basso” è quello che unisce le risorse e gli sforzi delle singole famiglie. È il modo per creare grandi unità familiari, con cucine condivise, lavanderie, ecc. Il percorso “dall’alto verso il basso” è il percorso dell’iniziativa statale o dei soviet locali per la costruzione di alloggi collettivi per i lavoratori e di ristoranti comunali, lavanderie e vivai. In uno stato operaio e contadino non ci può essere contraddizione tra questi due percorsi, uno deve essere complementare all’altro. Gli sforzi dello Stato non andrebbero da nessuna parte senza la lotta indipendente delle famiglie della classe lavoratrice per un nuovo stile di vita. Ma senza la consulenza e l’assistenza dei soviet locali e delle autorità statali, anche le iniziative più energiche delle singole famiglie della classe lavoratrice non potrebbero portare a un successo significativo[22].

Agli antipodi rispetto all’atteggiamento della burocrazia che respinge la partecipazione attiva delle masse all’amministrazione dello Stato operaio e al suo autogoverno: “La strada verso la nuova famiglia è duplice: a) l’innalzamento del livello di cultura e di educazione della classe operaia e degli individui che la compongono; b) il miglioramento delle condizioni materiali di quella classe organizzata e realizzata dallo Stato”[23]. Trotsky scrive anche: “Non ci devono essere costrizioni di alcun tipo che vengano dall’alto, che si tratti, ad esempio, della burocratizzazione dei nuovi modi di vivere. È solo attraverso la creatività delle grandi masse di persone, coadiuvate dall’iniziativa artistica e dall’immaginazione creativa, che possiamo, nel corso degli anni e forse dei decenni, scoprire noi stessi sulla via della realizzazione di forme di vita più nobili e superiori”[24].

Inoltre, la visione di Trotsky non ha nulla a che vedere con la cruda posizione economica secondo cui la rivoluzione dovrebbe attraversare un periodo di sviluppo economico e tecnologico senza mettere al centro le esigenze delle donne, per arrivare poi e automaticamente all’emancipazione delle donne.

Il leader rivoluzionario penetra nella psicologia delle masse, stremato dagli sforzi dell’insurrezione, dalla guerra civile, dalla carestia e dalle malattie. Analizza le profonde contraddizioni di un periodo creativo e trasformativo che si scontra costantemente con le forze opposte del passato, con costumi radicati e limiti materiali. Egli sottolineò che questi cambiamenti non sarebbero stati autentici se non fossero stati basati sul desiderio delle masse di innalzare il loro livello culturale e di abbandonare le usanze ottundenti del passato, che il corso emergente della burocratizzazione stava riproducendo, nel tentativo di mettere a tacere le iniziative più audaci delle masse.

Trotsky ritiene che una riforma radicale di tutto l’ordine della vita familiare “richiede un grande sforzo cosciente da parte di tutta la massa del proletariato e presuppone l’esistenza, all’interno della classe stessa, di una potente forza molecolare di desiderio di cultura e di progresso”. Senza questa consapevole partecipazione delle masse alla costruzione del proprio destino, senza questo “desiderio di cultura e di progresso”, è impossibile immaginare la trasformazione radicale dei costumi ancestrali, dell’istituzione familiare e della situazione delle donne. Il socialismo è un progetto che si costruisce consapevolmente e non diventa, da solo, un automatismo economico, né culmina nella presa di potere da parte della classe operaia. È lì che inizia il gigantesco compito della trasformazione, che comporta soprattutto la liquidazione dei vecchi legami e delle istituzioni che sottopongono le donne al degrado e alla subordinazione agli uomini.

Non esonera tutti i militanti coscienti dal lavorare per la trasformazione della vita familiare; ma si aspetta anche che siano le donne rivoluzionarie a condurre questa battaglia. Scrive che “purtroppo l’inerzia e i costumi sono forze potenti. Le abitudini cieche e stupide sono più forti nella vita interiore oscura e nascosta della famiglia che in qualsiasi altro luogo. E chi è il primo ad essere chiamato contro la situazione barbarica della famiglia se non la donna rivoluzionaria?”[26]. Come sottolinea nell’ultimo capitolo di Problemi della vita quotidiana: “Così come abbiamo i nostri agitatori delle masse, i nostri agitatori degli operai industriali, i nostri propagandisti antireligiosi, dobbiamo formare i nostri propagandisti e agitatori in materia di morale. Poiché le donne sono le più diseredate a causa dei loro attuali limiti, e l’abitudine pesa di più sulle loro spalle, possiamo supporre che in questo senso i migliori agitatori usciranno dalle loro file”[27]. E nella sua lettera all’assemblea delle lavoratrici di Mosca, spiega che “coloro che si battono con più energia e costantemente per il nuovo sono quelli che soffrono di più per il vecchio”.

Guardare la vita attraverso gli occhi delle donne

Il particolare approccio di Trotsky alla questione femminile è profondamente legato al suo pensiero – distante da qualsiasi dogmatismo ed economicismo – sul carattere permanete della rivoluzione. Una riflessione iniziata nel 1906, ma che si esprime pienamente nella generalizzazione fatta nel 1928, nella sua Teoria della rivoluzione permanente[29]. Così Trotsky formula il secondo aspetto permanente della rivoluzione:

La società subisce un processo di metamorfosi. E in questo processo di trasformazione ogni nuova fase è una diretta conseguenza di quella precedente. Questo processo mantiene necessariamente un carattere politico, o quello che è lo stesso, si svolge attraverso lo scontro dei diversi gruppi della società in trasformazione. Alle esplosioni della guerra civile e delle guerre esterne seguono periodi di riforme ‘pacifiche’. Le rivoluzioni nell’economia, nella tecnologia, nella scienza, nella famiglia e nei costumi si sviluppano in una complessa azione reciproca che non permette alla società di raggiungere l’equilibrio”[30].

Questa è una buona sintesi dell’intensa attività di trasformazione, in tutti i settori, che ha avuto luogo durante i primi anni della rivoluzione del 1917; un processo che è stato rapidamente bloccato e poi profondamente invertito durante la burocratizzazione stalinista. Da questo punto di vista, si può comprendere la sua affermazione secondo cui gettare le basi materiali per una vera emancipazione delle donne fosse un compito importante della Rivoluzione russa del 1917.

Ma anche questo spunto di analisi sarà fondamentale, a distanza di anni, per tracciare la sua critica al passo indietro dei diritti e della cultura, imposto da Stalin alle masse femminili e che meriterebbe un’altra analisi approfondita. Gli articoli, i discorsi, i frammenti o i capitoli sparsi nella vasta opera di Trotsky, in cui egli affronta la questione femminile, possono essere raccolti secondo questi due assi: l’emancipazione della donna come compito fondamentale della rivoluzione proletaria (economica, politica e culturale) e la reazione conservatrice dello stalinismo, nella vita quotidiana e nella famiglia, come piena dimostrazione della degenerazione dello Stato operaio.

Se i socialisti utopisti hanno lasciato in eredità al marxismo rivoluzionario la massima che il grado di emancipazione femminile in una società è la prova dello sviluppo dell’emancipazione generale, è stato Trotsky a porre in evidenza – da questa prospettiva – quanto la rivoluzione proletaria abbia dovuto fare per liquidare i legami arcaici delle donne russe che, anche nel processo sociale più convulso vissuto fino ad allora, erano in svantaggio rispetto agli uomini.

Ma, in aggiunta, con questo stesso criterio, ha poi esaminato la subordinazione delle donne in famiglia e la perdita dei loro diritti nell’Unione Sovietica degli anni Trenta, nella sua documentata analisi della burocratizzazione dello Stato operaio sotto la guida di Stalin[31]. Ha anche prestato particolare attenzione allo spirito delle donne nell’analisi di altri paesi del mondo capitalista, per misurare la radicalità e la profondità delle situazioni e dei processi rivoluzionari. Vincere l’adesione delle donne lavoratrici al partito rivoluzionario e al suo programma sarà di fondamentale importanza: i settori più oppressi della classe operaia -come le donne- e quelli che non portano sulle spalle le sconfitte del passato -come i giovani- saranno, per Trotsky, quelli che potranno rinnovare le forze del proletariato rivoluzionario, le cui organizzazioni, alla fine degli anni Trenta, considera minate da “burocrati e carrieristi delusi”. Quelle elaborazioni degli anni Trenta, fino al suo vile assassinio da parte di un agente stalinista nell’agosto del 1940, meriterebbero un altro ampio articolo.

Queste preoccupazioni teoriche, politiche e programmatiche di Trotsky sono una ragione sufficiente per considerare che, al di là del fatto che non c’è un lavoro finito sulle origini e la portata dell’oppressione patriarcale, le sue riflessioni sulla questione delle donne tracciano alcune tracce suggestive – con quasi un secolo di esperienze politiche e sviluppi teorici fino a un femminismo anticapitalista, socialista e rivoluzionario. Tanto più in un’epoca in cui la sinistra istituzionale cerca di limitare la portata del movimento femminista a un orizzonte di riforme, mentre varie teorie postmoderne – per ignoranza o per malizia – cercano di identificare il marxismo con un economismo riduzionista, e di semplificare alla vulgata stalinista la sua lunga storia di lotte teoriche, politiche e programmatiche[34].

Le sue parole trovano ancora un’eco nel presente, dove le donne costituiscono più del 40% della classe lavoratrice mondiale, ma sono la stragrande maggioranza nel settore più precario, supersfruttato e oppresso di quella classe, mentre continuano ad essere oggetto di particolari violenze, discriminazioni e disuguaglianze rispetto ai maschi in tutte le sfere della vita. Tutte le persone, senza distinzione di genere, che rivendichiamo la lotta contro l’oppressione a partire da un femminismo anticapitalista, socialista e rivoluzionario, non possiamo che sottoscrivere le parole di Trotsky di un secolo fa:

È vero che nella sfera della vita quotidiana l’egoismo degli uomini non ha limiti. Se vogliamo davvero trasformare le condizioni di vita, dobbiamo imparare a guardarle attraverso gli occhi delle donne[35].

Si tratta di costruire ‘quello sguardo’ abbastanza radicale da non fermarsi alla conquista provvisoria di diritti elementari che, in gran parte del mondo – anche un secolo dopo la stesura di questi testi – mancano ancora; ma piuttosto di muoversi con decisione verso la liberazione da ogni oppressione, eliminando al tempo stesso l’irrazionalità dello sfruttamento capitalistico che, per milioni di esseri umani, ha trasformato il pianeta in una sporca prigione.

Andrea D’Atri

Traduzione da Contrapunto

Note

[1] Caroline Lund (1944-2006), leader della Young Socialist Alliance e poi del Socialist Workers Party degli Stati Uniti.

[2] Nello stesso anno, Trotsky viene rimosso da tutte le funzioni politiche pubbliche, dopo essere stato sconfitto nel dibattito di partito contro la burocratizzazione. Nel 1928 fu deportato ad Alma Ata e nel 1929 fu espulso dall’Unione Sovietica, dove non poté più tornare.

[3] Iniziarono i processi a Mosca che, attraverso false accuse, culminarono con la condanna a morte o l’esilio di importanti leader bolscevichi.

[4] Andreu Nin (1892-1937), insegnante, sindacalista e rivoluzionario politico catalano, fondatore del Partito Operaio di Unificazione Marxista (POUM). Arrestato e scomparso dalle autorità repubblicane durante la guerra civile spagnola. Ha tradotto molte opere di marxisti russi e classici della letteratura russa in spagnolo.

[5] Veronica Volkow (1955), dottoressa in lettere, poetessa, saggista e narratrice messicana, figlia di Esteban Volkov (nipote di Lev Trotsky e Aleksandra Sokolovskaya che visse con lui e Natalia Sedova durante gli ultimi anni di esilio in Messico).

[6] Mary-Alice Waters (1942) è stata segretaria nazionale della Young Socialist Alliance e poi dirigente del Socialist Workers Party degli Stati Uniti. È stata direttrice del giornale di partito, The Militant, e della sua rivista teorica, New International. All’inizio degli anni Ottanta, insieme a Jack Barnes e ad altri leader del SWP, ha rinunciato al trotskismo e alla teoria della rivoluzione permanente, stabilendo legami con il Partito comunista cubano e il Fronte di liberazione nazionale sandinista. Attualmente presiede la Pathfinder Press.

[7] Tenutosi a Mosca tra il 22 giugno e il 12 luglio 1921, questo Congresso approvò le “Tesi di Propaganda tra le donne”.

[8] Vedi Lev Trotsky (2017), Los primeros 5 años de la Internacional Comunista, Ediziones IPS, Buenos Aires.

[9] Clara Zetkin (1975), Recuerdos sobre Lenin, Editoriale Grijalbo, Barcellona, p. 49.

[10] Inessa Armand (1921), “Relazione sulla prima Conferenza internazionale delle donne comuniste”. La dirigente bolscevica, nata in Francia nel 1874, presiedeva lo Zhenotdel (l’organo politico femminile del partito russo), ma morì nel 1920 di colera.

[11] Pochi giorni dopo, aprì il Terzo Congresso dell’Internazionale Comunista con un rapporto sulla crisi economica mondiale e sui nuovi compiti dei rivoluzionari. Lì ripeté questa stessa analisi della situazione mondiale e si oppose alla concezione meccanicistica degli ultrasinistra che vedevano un rapporto diretto tra la catastrofe economica e la radicalizzazione della situazione politica. In Germania, la rivoluzione era stata deviata attraverso concessioni democratiche e riforme che consentivano la divisione e l’isolamento dell’avanguardia delle masse. Trotsky stabilisce che la lotta per il potere non è immediata, ma fa notare che è necessario conquistare le masse. Il Congresso dell’Internazionale Comunista discute, quindi, la tattica del fronte unito operaio, contro gli ultrasinistra che sostenevano che la crescita del Partito Comunista, di per sé, lo avrebbe trasformato in un fattore oggettivo per la lotta diretta per il potere

[12] Cfr. Tesi manifesti e risoluzioni de III congresso dell’Internazionale comunista, Edizioni Samonà e Savelli, Roma, 1970.

[13] Lev Trotsky (1923), Problemas de la vida cotidiana, Prefazione alla prima edizione (qui in spagnolo).

[14] Lev Trotsky (1923), Problemas de la vida cotidiana, Prefazione alla seconda edizione (qui in spagnolo).

[15] Nel 1922, Lenin aveva già subito due colpi apoplettici, e nelle prime settimane del 1923 aveva finito di scrivere le note del suo testamento politico, considerato la sintesi delle sue ultime battaglie politiche contro l’apparato di partito. In esse, si separa chiaramente da Stalin e mette in guardia sul processo di burocratizzazione del partito sotto la sua guida politica come nuovo segretario generale; critica il percorso burocratico adottato nell’integrazione delle nazionalità oppresse dalla Russia nell’Unione Sovietica e fa esplicito riferimento alla necessità che Trotsky occupi la carica di segretario del partito, proponendo un blocco politico per affrontare Stalin e il pericolo della burocratizzazione. Nel 1923 soffre di un altro ictus e perde la capacità di parlare. Infine, muore il 21 gennaio 1924.

[16] Nel frattempo, in Germania, la situazione diventa sempre più critica per le masse. La Francia occupa la regione industriale della Ruhr, le fabbriche sono chiuse, cinque milioni di lavoratori perdono il posto di lavoro e l’inflazione sale a livelli straordinari. Verso la fine di quest’anno, una nuova insurrezione in Germania viene sconfitta.

[17] Lev Trotsky (1923), Problemas de la vida cotidiana, Capitolo VI: De la vieja a la nueva familia (qui in spagnolo).

[18] Citata in F. Engels (2006), Del socialismo uópico al socialismo científico, Fundación Federico Engels, Madrid, capitolo I, p. 50.

[19] Lev Trotsky, Ibidem.

[20] Lev Trotsky (1923), “Carta a una asamblea de mujeres obreras en Moscú”.

[21] Lev Trotsky (1923), Problemas de la vida cotidiana, capitolo XI: Cómo empezar (qui in spagnolo).

[22] Lev Trotsky (1923), “Carta a una asamblea de mujeres obreras en Moscú”.

[23] Lev Trotsky (1923), ibidem, De la vieja a la nueva familia.

24] Ibidem.

25] Ibidem.

[26] Lev Trotsky (1923), “Carta a una asamblea de mujeres obreras en Moscú”.

[27] Lev Trotsky (1923), Problemas de la vida cotidiana, ibidem.

[28] Lev Trotsky (1923), “Carta a una asamblea de mujeres obreras en Moscú”.

[29] Qui si occupa di tre aspetti del processo rivoluzionario: 1) Il rapporto tra la rivoluzione democratica e la trasformazione socialista della società, nei paesi arretrati; in opposizione alla concezione di “rivoluzione per tappe” sostenuta dallo stalinismo, secondo la quale i paesi meno sviluppati sarebbero “immaturi” per la rivoluzione socialista, giustificando così la subordinazione della classe operaia in alleanze con settori della borghesia nazionale “democratica” o “antimperialista”; 2) quella delle trasformazioni dell’insieme delle relazioni sociali, nella rivoluzione socialista “in quanto tale”, cioè quando il proletariato prende il potere e si apre un processo di costante lotta interna nel costume, nella cultura, nello sviluppo tecnico, ecc., in opposizione all’idea promossa da Stalin, che la stessa presa di potere costituiva già i “nove decimi” del compito di costruire una società socialista e 3) il carattere internazionale della rivoluzione socialista, a partire dalla globalizzazione dell’economia propria del capitalismo, che porta al fatto che la rivoluzione socialista non può essere contenuta all’interno dei confini nazionali se non come regime di transizione; anche in opposizione alla concezione stalinista adottata al XIV Congresso del Partito comunista dell’Unione Sovietica nel 1925, che prevedeva la possibilità di costruire una società socialista “in un solo paese”.

[30] Lev Trotsky (2000), Introducción a La teoría de la Revolución Permanente (antologia), Ediciones CEIP, Buenos Aires.

[31] Cfr. Lev Trotsky (2014), La rivoluzione tradita, Schwarz editore, Torino, 1956.

[32] Cfr. Lev Trotsky (2017), Il programma di transizione, Massari Editore, Bolsena, 2008.

[33] Ai testi citati in questo articolo, che sono quelli solitamente considerati nelle antologie di Trotsky sulla questione femminile, potremmo aggiungere: “La lotta per un linguaggio colto” (1923), che è il capitolo IX di Rivoluzione e vita quotidiana; “Cinque giorni” (1932), che è il capitolo VII della sua magnifica Storia della Rivoluzione russa; “Il proletariato, i contadini, l’esercito, le donne, la gioventù” (1935), che è il capitolo V di “Ancora una volta, Dove va la Francia? e “Largo ai giovani! Largo alle donne che lavorano!” (1938), che è la sezione finale del Programma di transizione.

[34] Incredibilmente, al momento, di fronte all’avanzata del populismo di destra sui governi “progressisti” neoliberali, è riemersa una “sinistra” populista che intende contestare la loro base elettorale rivitalizzando questo discorso stalinista, xenofobo, antifemminista e omofobo. Su questi nuovi e insoliti dibattiti si veda Josefina L. Martínez, Entre “posmos” y “rojipardos”, ¿qué está debatiendo la izquierda española?, Contrapunto, 12-7-20.

[35] Lev Trotsky (1923), Problemas de la vida cotidiana, Capitolo XI: Contra la burocracia, progresista y no progresista (qui in spagnolo).