Una certa narrazione unilaterale presenta attualmente la crisi al confine ucraino come un’escalation puramente russa. Tuttavia, questa è una lettura interessata che maschera l’aggressività decennale della NATO nella regione.


Nelle ultime settimane abbiamo analizzato la crisi al confine ucraino, concentrandoci in particolare sugli obiettivi, le contraddizioni e i limiti della politica russa. Tuttavia, per avere un quadro più completo della situazione, dobbiamo anche analizzare la politica nella regione delle potenze imperialiste raggruppate in particolare nella NATO. Una politica che, contrariamente a quanto si può leggere sulla stampa occidentale, non ha nulla di “pacifico” ma deriva da una posizione aggressiva nei confronti della Russia, soprattutto dopo la caduta dell’Unione Sovietica.


Ti può interessare: Dichiarazione della Frazione Trotskista – Abbasso l’escalation bellicista di USA e NATO in Europa orientale! No all’ingerenza russa in Ucraina!


 

In effetti, è molto parziale e unilaterale sostenere che stiamo assistendo a una “escalation russa” in Europa orientale. Mentre la Russia sta probabilmente concentrando diverse decine di migliaia lungo il suo confine con l’Ucraina – ma anche in Bielorussia – le origini di questa situazione risiedono nella politica di accerchiamento della NATO nei confronti della Russia.

 

La NATO e la sua strategia di accerchiamento verso la Russia

Dopo il crollo dell’URSS, la NATO – l’organizzazione militare che riuniva le principali potenze imperialiste durante la guerra fredda – ha deciso di iniziare il suo allargamento verso l’est del continente europeo, in particolare nei paesi dell’ex Unione Sovietica e “alle porte” dell’URSS stessa. Questa politica è stata avviata a metà degli anni ’90, quando la Russia era schiacciata da profonde crisi sociali ed economiche causate dalla brutale restaurazione del capitalismo. In altre parole, la politica di espansione della NATO non aveva un obiettivo difensivo, come i leader dell’organizzazione atlantista proclamavano all’epoca.

Durante gli anni 1990 e 2000, la NATO ha accelerato i suoi negoziati per l’integrazione di diversi paesi dell’ex Patto di Varsavia. Nel 1999, l’Ungheria, la Repubblica Ceca e la Polonia hanno aderito; nel 2004 è stato il turno degli Stati baltici al confine nord-occidentale della Russia, ma anche della Romania e della Bulgaria, dei paesi del bacino del Mar Nero e della Turchia, che è membro dal 1952. La NATO è così passata da 12 membri fondatori nel 1949 a 30 oggi, compreso un gran numero di ex Stati cosiddetti “socialisti”. Questa espansione è stata anche accompagnata dall’installazione di basi militari e dispositivi militari come le batterie di difesa missilistica. Nel 2016, per esempio, quattro gruppi di battaglia sono stati schierati in Lituania, Lettonia, Estonia e Polonia con poco più di 4.500 soldati provenienti da diversi paesi.

Ma l’evento che ha veramente segnato una svolta per la Russia è stato il vertice di Bucarest nel 2008. Lì, la NATO iniziò a parlare seriamente della possibile integrazione di Georgia e Ucraina. Per Mosca, era una conferma della politica di accerchiamento delle potenze occidentali nei suoi confronti. Non è una coincidenza che durante il movimento Maidan del 2014 in Ucraina, la Russia ha rapidamente deciso di occupare e annettere la Crimea, dove la sua flotta del Mar Nero è di stanza. L’incubo della leadership russa era quello di vedere le forze della NATO sbarcare sulla penisola.

La Russia non può tollerare un’Ucraina ostile, alleata della NATO.

Oggi, la politica di accerchiamento della Russia, che è ancora ufficialmente negata dalla NATO, assume un significato diverso. Infatti, da quando gli Stati Uniti hanno terminato disastrosamente la loro occupazione dell’Afghanistan e si concentrano sull’Indo-Pacifico per “contenere” la spinta cinese, i rischi di conflitto sono aumentati. E in questa nuova configurazione internazionale, la Cina e la Russia sono viste da Washington come i principali pericoli per la sua prosperità e sicurezza. Da questo punto di vista, i leader russi credono che l’ostilità degli Stati Uniti nei loro confronti non potrà che aumentare, indipendentemente dal presidente e dal governo in carica.

In questo contesto, un’Ucraina ostile diventa ancora più pericolosa di prima per la Russia. Infatti, l’Ucraina e la Bielorussia sono cruciali per la sicurezza russa, soprattutto in caso di aggressione occidentale. La perdita di influenza sull’Ucraina dal 2014 è stato uno dei più significativi fallimenti della politica estera del Cremlino negli ultimi decenni. Da allora, Putin ha cercato di perseguire una politica “conciliante” verso il governo di Volodymyr Zelensky. Ma questi tentativi sono falliti e Mosca ora crede che l’Ucraina rimarrà uno Stato ostile nel lungo periodo.

Ma tutto questo non è un’impressione o una sorta di “paranoia” da parte dei leader russi. Mentre la NATO non sembra avere un piano di integrazione a breve termine per l’Ucraina (o la Georgia), ha moltiplicato gli accordi di cooperazione, formazione e assistenza militare (finanziaria e di equipaggiamento) con Kiev. Infatti, anche se l’Ucraina non si unisce direttamente all’alleanza, potrebbe sviluppare diverse forme di cooperazione e partnership con gli eserciti imperialisti.

L’ex ufficiale della marina statunitense ed esperto di forze armate russe Rob Lee, analizzando l’attuale politica militare della Russia verso l’Ucraina, cita diversi accordi tra Kiev e potenze come gli Stati Uniti e la Gran Bretagna:

Se uno degli obiettivi della Russia nell’ammassare le truppe in primavera sul confine ucraino era quello di dissuadere la NATO da un ulteriore sostegno all’Ucraina, gli eventi dell’estate e dell’autunno hanno dimostrato il suo fallimento. Una settimana dopo il vertice di giugno 2021 tra i presidenti Joe Biden e Vladimir Putin, il Regno Unito ha inviato la fregata HMS Defence nelle acque territoriali della Crimea, facendo infuriare i funzionari russi. Una nave della guardia costiera russa ha sparato colpi di avvertimento dietro la fregata britannica (…) Il giorno prima dell’incidente, il Regno Unito ha firmato un memorandum di attuazione su un accordo di armi navali con Kiev. Si tratta di un accordo finale da 1,7 miliardi di sterline con Kiev per la produzione congiunta di imbarcazioni missilistiche, nonché di dragamine e altre armi navali. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti hanno fornito un ulteriore equipaggiamento di 60 milioni di dollari, autorizzato dall’amministrazione Biden nel mese di agosto, così come ulteriori missili guidati anticarro Javelin. Gli Stati Uniti hanno anche firmato un quadro di difesa strategica e una carta di partenariato strategico con l’Ucraina.

Inoltre, l’amministrazione Biden ha erogato 200 milioni di dollari in aiuti militari all’Ucraina lo scorso dicembre.

 

Le ragioni dell’aggressione imperialista contro la Russia

Gli Stati imperialisti dall’inizio del processo di restaurazione del capitalismo nell’ex Unione Sovietica hanno cercato di sottomettere la Russia ai loro interessi, una politica che mirava a imporre l’umiliazione totale del paese trasformandolo in una specie di grande colonia semi-occidentale. La brutalità delle privatizzazioni e la caduta del tenore di vita dei lavoratori russi si spiegano anche con il desiderio di rendere “irreversibile” la restaurazione del capitalismo. E in questa “missione” gli imperialisti trovarono ovviamente importanti alleati nella burocrazia stalinista che governava l’URSS e che aspirava a diventare una nuova classe borghese.

L’arrivo di Putin al potere nel 2000 ha parzialmente fermato la debacle russa, senza rallentare realmente la dinamica di privatizzazione dell’economia, senza invertire il declino generale del paese ma gestendolo al meglio. Tuttavia, Putin è riuscito a dare allo Stato un nuovo ruolo nel processo di privatizzazione e di appropriazione delle ricchezze nazionali da parte di una cerchia di oligarchi, riconquistando il controllo di alcune imprese strategiche nel settore degli idrocarburi. Allo stesso tempo ha posto dei limiti ai tentativi degli imperialisti di schiacciare la Russia e semicolonizzarla. Non è una coincidenza che l’accelerazione dell’allargamento a est della NATO abbia avuto luogo nello stesso periodo.

Oggi questo progetto di semicolonizzazione della Russia sembra un po’ fantasioso. Tuttavia, nella nuova configurazione internazionale, le varie potenze imperialiste hanno altre ragioni per accerchiare la Russia. Uno è quello di impedire alla Russia e alla Cina di formare un’alleanza difensiva contro l’aggressività degli Stati Uniti e dei suoi alleati. Anche se l’ostilità occidentale spinge i due Stati proprio a cercare di agire di concerto, certi politici a Washington sperano di trovare il modo di convincere o costringere la Russia a rimanere “neutrale” o addirittura a collaborare con loro nella loro offensiva contro la Cina. Ma la politica degli Stati Uniti cerca anche di evitare che la Russia si avvicini a certe potenze europee.

 

Divari tra le potenze imperialiste

Se ci sono interessi comuni tra le varie potenze imperialiste sulla politica verso la Russia, ci sono anche importanti differenze. Infatti, quando si tratta di parlare di azioni concrete da attuare contro la Russia, gli Stati Uniti e gli Stati dell’Europa orientale sono pronti a prendere misure dure contro Mosca. Ma questo non è il caso della Francia, né della Germania. Questi due Stati, pur sostenendo la politica ostile e aggressiva contro la Russia, vorrebbero trovare un terreno comune con essa ed evitare così di dover deliberare sanzioni economiche che colpirebbero il mercato comune europeo.

Infatti, a differenza degli Stati Uniti, l’UE ha legami commerciali molto stretti con la Russia. Non solo la maggior parte del gas europeo viene dalla Russia, ma l’UE importa dalla Russia prodotti come alluminio, nichel, acciaio e fertilizzanti. Inoltre, le grandi multinazionali europee hanno interessi in Russia, rendendo le sanzioni economiche drastiche una minaccia ai loro profitti. Per non parlare delle conseguenze politiche e sociali per l’UE di un conflitto in Ucraina.

Questo porta i leader europei ad adottare posizioni che sono parzialmente in contraddizione con la politica statunitense. Così, Macron ha dichiarato la scorsa settimana che l’UE dovrebbe avere un proprio canale di negoziazione con la Russia, cercando di far rivivere il formato Normandia (negoziati tra Russia, Francia, Germania e Ucraina). La Germania continua a rifiutarsi di esportare armi in Ucraina e a collegare questa crisi alla questione del gasdotto Nord Stream 2 che permetterà di esportare il gas russo direttamente in Germania senza passare per l’Ucraina. Questo crea divisioni all’interno dell’UE e irrita i leader ucraini.

Tuttavia, la scorsa settimana, presumibilmente per ridurre le tensioni all’interno dell’alleanza, Emmanuel Macron ha dichiarato che la Francia è pronta a inviare più truppe in Romania se la NATO lo decidesse.

 

Abbasso la NATO! No alla guerra! Contro l’oppressione russa! Per un’Ucraina indipendente, operaia e socialista!

È in questo contesto che devono essere compresi gli attriti, le minacce di guerra, la “diplomazia armata” e i tentativi di soluzione. E come possiamo vedere, siamo lontani dal quadro presentato dai media mainstream dove l’escalation è dovuta solo alla Russia. In realtà, il principale responsabile della minaccia di conflitto è soprattutto la NATO: questa alleanza militare imperialista e reazionaria che usa la sua forza collettiva per costringere i vari stati del mondo a conformarsi ai suoi interessi geopolitici ed economici.

Ecco perché per dire “No alla guerra!” dobbiamo iniziare esigendo lo scioglimento della NATO e la chiusura di tutte le sue basi, lo smantellamento delle attrezzature militari come le batterie antimissile e il ritiro delle truppe sparse nella regione e nel mondo. Questa richiesta deve venire prima di tutto dal movimento operaio dei paesi imperialisti che fanno parte dell’alleanza.

Non significa alcun sostegno alla Russia di Putin. La politica del Cremlino è totalmente reazionaria e mira, in questo caso, a esercitare una forma di oppressione nazionale sull’Ucraina, e allo stesso tempo a evitare qualsiasi contagio dalle mobilitazioni che stanno scuotendo i regimi autocratici delle repubbliche dell’URSS, come abbiamo visto recentemente in Kazakistan e Bielorussia. La classe operaia russa e ucraina deve opporsi non solo alla politica nazionalista russa, ma anche al nazionalismo reazionario ucraino. Queste tendenze politiche sono nemiche del popolo lavoratore e degli oppressi su entrambi i lati della frontiera.

La vera indipendenza dell’Ucraina può avvenire solo sotto un regime operaio e socialista, dove tutti i gruppi etnici possono vivere in pace e i loro diritti nazionali sono garantiti. La lotta per questa prospettiva garantirebbe anche una relazione fraterna tra i popoli russo e ucraino mobilitati contro le rispettive classi dirigenti, responsabili del disastro sociale, politico ed economico della restaurazione del capitalismo.

Philippe Alcoy

 

 

Redattore di Révolution Permanente e della Rete Internazionale La Izquierda Diario. Vive a Parigi e milita nella Courante Communiste Revolutionnaire (CCR) del NPA.