L’assassinio del generale iraniano Soleimani da parte degli Stati Uniti in un attacco mirato minaccia di far precipitare la situazione verso una guerra aperta con conseguenze imprevedibili. Per capire meglio la situazione, il giornale online Révolution Permanente ha intervistato Philippe Alcoy e Max Demian, membri della sezione internazionale della redazione.

[L’intervista è precedente al primo, contenuto attacco iraniano a postazioni USA, ndr]


Révolution Permanente: potete ripercorrere i fatti, e come si inserisce questo attacco nella recente sequenza di escalation tra Stati Uniti e Iran?

Max Demian: Per tornare ai fatti, dobbiamo constatare che si tratta di una grande e gravissima aggressione perpetrata dagli Stati Uniti. Fa parte di un intero ciclo di crescenti tensioni iniziato da Donald Trump a partire dalla sua decisione di ritirarsi unilateralmente dall’accordo sul programma nucleare iraniano e di condurre una politica di “massima pressione” per mettere in ginocchio il regime iraniano. Questa politica ha portato il regime in una situazione catastrofica e ha scatenato una serie di escalation.

Ci sono stati attacchi mirati alle petroliere nel Golfo, seguiti a settembre da un attacco con droni e missili contro le infrastrutture petrolifere in Arabia Saudita, tagliando di quasi la metà la produzione di petrolio del regime. Tutto ciò ha significato che il regime iraniano doveva dimostrare di non essere pronto a cedere alla strategia di massima pressione di Trump. Ma questa volta, però, l’assassinio di Soleimaini avrà senza dubbio conseguenze molto più profonde.

Philippe Alcoy: In effetti, negli ultimi giorni c’è stata una nuova escalation di tensioni tra Stati Uniti e Iran. Venerdì scorso, un attacco missilistico contro una base che ospitava militari e civili in Iraq ha causato la morte di un civile nordamericano e di diversi militari americani e iracheni. Washington ha accusato una milizia filo-iraniana, Kataib Hezbollah, e ha attaccato cinque delle sue posizioni in Iraq e in Siria. In risposta, i sostenitori di Kataib Hezbollah hanno attaccato l’ambasciata USA a Baghdad, provocando la brutale risposta nordamericana che ha portato all’assassinio del principale generale iraniano Qassem Soleimani, ma anche del leader della milizia di Kataib Hezbollah, Abu Mahdi al-Muhandis.

Questo è un duro colpo per l’Iran. Soleimani è stato colui che ha pensato e guidato la politica regionale iraniana per diversi decenni. Nonostante la morte di Soleimani, l’Iran potrà certamente continuare a condurre la sua politica regionale. Ma è ovvio che gli statunitensi volevano “decapitare” la leadership politico-militare iraniana nella regione, e in particolare in Iraq, e hanno fatto punti importanti a questo proposito. E questo avrà conseguenze anche nel caso di uno scontro diretto tra Stati Uniti e Iran: Teheran perde uno dei suoi generali più esperti in grado di organizzare e condurre un simile scontro.

RP: Precisamente, c’è ora il rischio di un’escalation tra i due paesi?

PA: Non c’è solo un “rischio di escalation”, ma un rischio reale di guerra tra Stati Uniti e Iran. In questo senso, gli Stati Uniti hanno appena annunciato l’invio di 3.000 truppe aggiuntive nella regione. Si tratta di un’aggressione imperialista molto significativa e scioccante anche per i leader occidentali.

Quindi la questione non è se l’Iran si vendicherà, ma quando e in che misura. Data la sproporzione di forze tra i due Stati, è molto probabile che l’Iran attacchi un alleato americano nella regione, come Israele o l’Arabia Saudita, ma l’Iran potrebbe anche decidere di effettuare attacchi dalle sue posizioni in Yemen o in Libano, non si possono escludere attacchi contro i diplomatici nella regione, né si possono escludere attacchi contro le basi militari americane nel Golfo Persico (Bahrain e Qatar in particolare). Un’azione più rischiosa, ma in questa fase non si può escludere nulla, sarebbe un attacco contro una portaerei statunitense.

RP: Quale potrebbe essere la risposta dell’Iran in questa situazione e visto il rischio di un’escalation?

MD : Per l’Iran è molto difficile non rispondere. Infatti, hanno già annunciato che risponderanno, ma allo stesso tempo questa situazione rivelerà le sue debolezze e le sue contraddizioni. Rispondere al culmine dell’offensiva americana espone l’Iran a una guerra devastante. Il regime è già sull’orlo del baratro a causa delle sanzioni statunitensi; l’Iran ha recentemente vissuto rivolte popolari che ha tenuto a freno nel sangue e imponendo un blackout generale; le sue posizioni e i suoi profitto nella sua sfera di influenza sono stati destabilizzati, in particolare in Libano e in Iraq, dalle rivolte popolari in corso.

Trump si basa proprio sulle contraddizioni del regime iraniano. Finora la sua politica di massima pressione ha cercato di indebolire significativamente l’Iran, evitando il rischio di un grave conflitto. Ma questo attacco cambia la situazione. Washington scommette che questo è il momento di sferrare un colpo decisivo all’Iran. È chiaro che per gli Stati Uniti è stata una manovra rischiosa ma che permette diriprendersi nella partita mediorientale. In questo senso, dobbiamo anche vedere che questi attacchi arrivano in un momento cruciale per Trump, nel bel mezzo della sua campagna di rielezione, e in un momento in cui la Corea del Nord sta riprendendo il suo programma nucleare, segnalando il fallimento della politica negoziale messa in atto da Trump.

PA: Se l’Iran non si dimostrerà all’altezza, sarà una sconfitta con implicazioni forse significative per il regime. Se risponderanno in modo proporzionato, ci sarà un rischio di guerra maggiore, con conseguenze ancora peggiori che in Siria, e forse anche fatali per il regime. Gli unici che possono decidere una non-escalation ancora più drammatica sono gli statunitensi. Ma per questo hanno bisogno di una vittoria, cioè di una risposta iraniana proporzionalmente inferiore alla loro.

RP: Quali potrebbero essere le conseguenze nella regione, viste le rivolte popolari in corso in molti paesi?

MD: Il regime iraniano ha posizioni in molti paesi vicini che sono ormai destabilizzate dal ritorno della lotta di classe. Questo è particolarmente vero in Iraq, dove i manifestanti hanno cantato slogan anti-iraniani che denunciano la corruzione delle élite e l’ingerenza dell’Iran negli affari interni del Paese. Resta da vedere come la situazione influenzerà le manifestazioni in Iraq, ma è possibile che questo attacco rafforzi il sentimento di unità contro l’imperialismo, anche se le milizie iraniane in Iraq non sono popolari tra la popolazione.

Allo stesso tempo, la posizione dell’Iraq nei confronti degli Stati Uniti è ambivalente. L’Iraq dipende economicamente, politicamente e militarmente sia dall’Iran che dagli Stati Uniti; gli anni della guerra imperialista hanno lasciato il paese a secco e senza una struttura statale funzionale. Questo è uno dei motivi per cui il governo iracheno non ha chiesto il ritiro delle truppe statunitensi, almeno non finora. Ancora una volta, questo attacco potrebbe cambiare la situazione: dovremo quindi vedere quale sarà la risposta del governo iracheno a questa grande aggressione imperialista sul suo territorio.

Tanto più che le conseguenze di un simile attacco rimangono in gran parte imprevedibili. Sia in termini politici o militari, sia per quanto riguarda gli effetti sul prezzo del petrolio, che è aumentato del 3% dopo l’attacco. Una cosa è certa: l’imperialismo sta di nuovo facendo precipitare la regione sull’orlo del precipizio. È essenziale che le masse che ora stanno insorgendo nella regione e nel mondo, la classe operaia, i giovani, i movimenti delle donne e le minoranze, si schierino in solidarietà contro questa grande aggressione dell’imperialismo, denunciando al contempo le politiche reazionarie delle potenze regionali che cercheranno di capitalizzare la situazione per relegarsi sull’orlo del baratro in un momento in cui le rivolte popolari minacciano di farle crollare. Solo l’azione della classe operaia internazionalista può porre fine ai cicli di aggressione e di guerre che stanno distruggendo la regione.

PA: In effetti, questa aggressione dell’imperialismo nordamericano avrà senza dubbio un impatto sulle mobilitazioni popolari in corso nella regione. In Iraq è stata soprattutto la popolazione sciita a manifestare contro il regime e persino contro l’interferenza iraniana (il che non significa che fosse ostile al popolo iraniano). Questo attacco può rappresentare un’opportunità per il regime reazionario iraniano di riguadagnare influenza tra gli sciiti iracheni presentandosi come garante della sovranità irachena nei confronti degli americani.

Ciò è molto paradossale, ma è una possibilità. Lo stesso vale per il Libano, dove Hezbollah aveva mostrato il suo vero volto reazionario attaccando i manifestanti, ma anche per l’Iran, dove era in corso una mobilitazione popolare contro il regime. È anche paradossale che sia l’assassinio di Soleimani ad aprire questa opportunità per il regime iraniano nella regione. Il generale cominciava ad essere molto controverso, soprattutto in Iraq, perché dirigeva direttamente la repressione contro i manifestanti per mantenere lo status quo.

Su questo punto vorrei fare un commento sulla situazione dell’attacco all’ambasciata americana. Infatti, dallo scorso ottobre uno dei più importanti punti geografici di scontro si trovava proprio nella cosiddetta “zona verde” di Baghdad, che ospita istituzioni statali ma anche ambasciate estere, tra cui quella degli Stati Uniti. Così, mentre la milizia filo-iraniana sparava munizioni vere contro i giovani e gli operai che volevano manifestare contro il regime in questa zona della città, l’hanno aperta affinché la milizia e i suoi sostenitori potessero manifestare contro l’assassinio di Soleimani.

Questo è un piccolo esempio della natura dannosa dell’influenza iraniana in Iraq e nella regione. Soleimani era un generale nefasto che cominciava ad essere odiato dai lavoratori e dai giovani iracheni mobilitati, così come l’intero regime corrotto che l’Iran e gli Stati Uniti hanno messo in atto dal 2003. Tuttavia, non è per mano dell’imperialismo che gli sfruttati possono liberarsi di questo regime aberrante. In questo senso, l’assassinio di Soleimani rimane un’aggressione imperialista e non è affatto una buona notizia per i lavoratori e i giovani. Spetta agli operai e alle classi sfruttate e oppresse liberarsi dei loro carnefici.

Traduzione da Révolution Permanente