Il 27 settembre il governo approva una nota di aggiornamento del DEF prevedendo un deficit del 2,4%, dopo 84 giorni di trattative con l’UE la cifra arriva a 2,04%. Una vigorosa calata di braghe del governo, che si prepara a varare un maxiemendamento alla finanziaria che prevede numerose misure antipopolari ed antioperaie, dimostrando – se ce ne fosse bisogno – che dietro al razzismo e all’odio per i lavoratori stranieri ci sta piuttosto l’odio atavico della finanza e dei padroni in crisi verso tutti i lavoratori, autoctoni o meno.

Il calo del cosiddetto “deficit strutturale”, ossia del deficit al netto delle misure straordinarie, viene così raggiunto da Salvini e Di Maio, in ottemperanza al famigerato patto di stabilità che prevede il di arrivare al pareggio di bilancio per i paesi che superano il rapporto debito/PIL del 60%. Tutto a vantaggio dei banchieri che, come si è ricordato in un articolo precedente, sono alquanto spaventati dalla crisi economica che si prepara a scoppiare e che vedono negli affari dovuti alla vendita del patrimonio pubblico e al ristringimento delle finanze statali in nome del pagamento del debito (ma sarebbe meglio dire degli interessi, più che altro) una vacca da mungere in tempi di magra. Naturalmente tutti questi soldini vengono presi dalle tasche dei lavoratori per trasferirli, attraverso lo Stato, a quelle dei padroni. Se in America la borghesia inizia a lamentarsi dei salari che aumentano troppo (interessante notare che i profitti non crescono mai troppo, mentre i salari sì: questo è una vecchia logica capitalistica già notata da Marx, secondo cui i padroni devono spender per guadagnare di più, mentre i lavoratori devono tirar la cinghia per il bene della società – ovvero dei padroni)1, Salvini e Di Maio indicano la soluzione (anche se in Italia, tra tutti i problemi, non ha quello di una crescita elevata di salari e pensioni). Le cosiddette clausole di salvaguardia sull’Iva, che il governo avrebbe dovuto congelare, rimangono: l’aliquota ridotta potrebbe passare dal 10% al 13% entro il 2020, mentre quella ordinaria dal 22% al 26,2% nel 2021. Siccome i lavoratori sono la maggioranza, rappresentando quella fetta di popolazione che consuma di più, è chiaro come un aumento dell’Iva sia un trasferimento massiccio di soldini nelle tasche dei padroni, dato che il denaro verrà impiegato più che altro per pagare il debito pubblico. Vengono inoltre ridotti pesantemente gli aggiustamenti delle pensioni sull’inflazione: il principio politico, naturalmente, è il medesimo.

Sul fronte investimenti pubblici le cose vanno anche peggio. Innanzitutto vengono bloccate le assunzioni a tempo indeterminato nella Pubblica Amministrazione fino al prossimo novembre. Si prevede inoltre un risparmio nelle spese dal Fondo Ferrovie dello Stato, dal Fondo di sviluppo e coesione e dal fondo di Cofinanziamento nazionale: per l’esattezza lo stato (ma sarebbe meglio dire: i padroni) raccoglierà 10,5 miliardi nel 2019, 12,2 nel 2020 e 16 nel 2021. Naturalmente a questo vanno aggiunti i soldi racimolati dalle privatizzazioni, che il prossimo anno si prevede saranno 950 milioni, 150 nel 2020-21.

Questi tagli avvengono su un piano di investimenti pubblici già ridotto all’osso, calato dal 2008 del 34%2, con punte ragguardevoli per quanto riguarda i trasporti, che a quanto pare continueranno a subire tagli (alla faccia di chi crede o ha creduto alle panzane di Toninelli subito dopo il crollo del ponte Morandi).

Date queste cifre sugli investimenti, la situazione non solo non cambierà, ma anzi verrà aggravata, per quanto riguarda l’occupazione; risulta ancora una volta chiaro come le istituzione borghesi e i partiti che si muovono a proprio agio nel loro “grembo” (ieri rappresentati da Renzi, l’altro ieri da Berlusconi, oggi da Salvini e Di Maio) non siano altro, in ultima analisi, che un gruppo di uomini armati e di burocrati a difesa della proprietà privata. Per dirla con Engels: insomma cambiano gli attori, ma il copione è sempre lo stesso. Fare gli interessi dei padroni, specie se questi piangono miseria durante le crisi (che hanno creato).

Una nota a parte meritano quota 100 e reddito di cittadinanza. Non si faranno qui critiche di principio al secondo, del resto già analizzato e demolito meglio di quanto si potrebbe fare qui da Giulio Palermo. Si noti solamente che alla riforma sul reddito, dopo gli accordi con l’UE, vengono tagliati quasi 9 miliardi di euro, mentre a quella sulla cosiddetta “quota 100” 6,73. La riforma delle pensioni, è bene ricordarlo, non cancella la legge Fornero, come più volte promesso da Salvini, ma permette di andare in pensione un po’ prima, a scapito di decurtazioni importantissime delle pensioni stesse (sempre per il principio che “l’importante è tirare la cinghia (per l’operaio) così da trasferire i soldini da una classe all’altra). Si leggano le stime fatte da Sole 24 ore: “Con un anticipo di tre anni e tre mesi un operaio in possesso di 40 anni di contributi vedrebbe ridursi il proprio assegno mediamente del 14%, mentre un impiegato con gli stessi anni di versamenti e un anticipo di tre anni perderebbe il 9 per cento. L’anzianità della tuta blu costerebbe allo Stato 69.900 euro per tutto il periodo di anticipo rispetto alla vecchiaia. Una “tassa implicita” che salirebbe a quasi 100mila euro con anticipo di 5 anni e tre mesi, quindi “quota 100” precisa, mentre scenderebbe a 32.500 euro con un solo anno e tre mesi di anticipo”4. Insomma, un vero e proprio salasso – che con i tagli previsti dall’accordo con l’UE potrebbe aumentare – che impedisce di fatto di andare in pensione prima dei termini della Fornero, spacciato per una riforma del lavoro. In realtà con la crisi del saggio di profitto, alle aziende fa comodo disfarsi di lavoratori senza assumerne altri, facendo lavorare più intensamente meno persone, come sa benissimo chi è scampato da un qualche piano di licenziamenti. Si chiama aumento del plusvalore relativo (spesse volte anche assoluto). Non è vero, quindi, che se qualcuno avesse voglia di andare in pensione prima nonostante quello schifo di legge che è quota 100, l’azienda sarebbe portata ad assumere giovani.

Come concludere? La calata di braghe di Salvini e Di Maio davanti all’Europa dimostra che non c’è sovranismo che tenga: finché il sistema economico è quello capitalista, i padroni (e quindi i governi) avranno solo un modo per uscire dalle crisi per aumentare i propri profitti, quello di colpire le classi popolari. Ciò avviene nonostante la retorica salviniana sui presepi e gli immigrati, che serve a dirottare l’attenzione su falsi problemi e a dividere la classe. Del resto la capitolazione annunciata dei giallo-verdi è così plateale che non può non lasciare segni: la confusa rabbia popolare che oggi ha portato Di Maio al governo, se organizzata sarà la stessa che lo seppellirà, e con lui Salvini ed un sistema economico che in nome del profitto riduce intere popolazioni alla miseria (la Grecia è un ottimo esempio). Non si possono fare compromessi o avere dialoghi con chi non vuole/può averne: la grande finanza europea (tra cui quella italiana) e i padroni, i quali – a maggior ragione in un contesto di perdurante impasse economico – hanno la necessità di attuare misure drastiche per “estorcere denaro” dalle tasche dei lavoratori. Gli interessi sul debito pubblico, il blocco degli aumenti delle pensioni o dei salari (il vergognoso ultimo contratto nazionale dei Metalmeccanici firmato dalla Fiom è ripreso tale e quale dal contratto separato vigente in FCA e praticamente prevede aumenti miseri del salario) sono, lo si ripeta, tutte mosse atte a spostare soldi da una classe all’altra. Rompere con l’Unione Europea ed il patto di stabilità, rifiutarsi di ripagare un debito pubblico detenuto a stragrande maggioranza da pochi grandi istituti di credito\assicurativi e che aumenta a causa dei pagamenti sugli interessi accumulati (non perchè si è speso troppo per i lavoratori) sono obiettivi che nessun sovranista potrà mai avere, ma solo la classe operaia organizzata e rivoluzionaria.

Matteo Pirazzoli

PER APPROFONDIRE LA NOSTRA ANALISI SUL GOVERNO E LE SUE POLITICHE:

“Salvini e di Maio pronti al governo: happy ending per la borghesia?”

“Né con il governo di destra ed estrema destra, né con la UE del Capitale”

“Il Ponte Morandi, i Benetton e la querelle sulla nazionalizzazione”

“Decreto Sicurezza-Immigrazione: colpire gli immigrati per coprire i padroni”

“No non sarà una manovra del popolo”

“Lo spread è un problema delle banche non dei lavoratori”

 

NOTE:

1 https://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2018-12-18/borse-tre-cigni-neri-che-hanno-spazzato-via-16mila-miliardi-2018–160540.shtml?uuid=AEO1nu1G

2 https://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2018-07-06/investimenti-pa-scendono-34percento-dieci-anni-ma-sale-16percento-spesa-corrente–224051.shtml?uuid=AEP2T6HF

3 http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2018/12/19/conte-rinvii-manovra-non-per-incertezze_47a723b4-d12c-4f7b-a7bb-f865d0804f15.html

4 https://www.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/2018-10-19/pensioni-quota-100-l-assegno-si-riduce-5-21-cento-224414.shtml?uuid=AEESZ7RG